RI Dateci C1 e C2

Risultati, Classifiche e Commenti sul campionato di Serie C

Moderatore: user234483

BrunoNero
Messaggi: 103
Iscritto il: 4 ott 2005, 0:00

Messaggio da BrunoNero » 19 ott 2005, 13:56

Leggendo quà e là risposte, affermazioni, proposte e rimpianti, e sopratutto lamentele (..io per primo...)...RIDATECI C1 e C2.
<BR>Permettete (..chi?!?...) a chi vuole solo giocare di farlo ma permettete a chi vuole avere un campionato (...forse..) più performante di averlo!!!
<BR>

terzapiufortedelpiemonte
Messaggi: 802
Iscritto il: 23 giu 2005, 0:00

Messaggio da terzapiufortedelpiemonte » 19 ott 2005, 14:01

purtroppo l\'unificazione di c1 e c2 è servita solo per abbassare il livello, io ho vinto con una buona squadra due camopionati di c1 e abbiamo fatto gli spareggi per salire in b, il primo anno abbiamo perso contro il bassanod el grappa e il secondo abbiamo vinto contro il colorno che adesso è in serie a. Ti assicuro che sono state delle partite di buon livello sia tecnoco ed agonistico e che i campionati erano combattuti se adesso vedi le sfide di c per andare in b ti cadiono le braccia...

BrunoNero
Messaggi: 103
Iscritto il: 4 ott 2005, 0:00

Messaggio da BrunoNero » 19 ott 2005, 14:05

..ne so qualcosa...
<BR>il livello della C è molto basso...
<BR>oltre il fatto che si gioca sempre più raramente...il tasso di mortalità..delle squadre è enorme..
<BR>nel Lazio ci sono squadre che non vanno in trasferta, o squadre che fanno dichiarare inagibile il campo quando serve...

bonds
Messaggi: 910
Iscritto il: 8 set 2004, 0:00

Messaggio da bonds » 19 ott 2005, 14:48

sono assolutamente d\'accordo, c1 e c2 erano 2 mondi totalmente diversi, averli uniti non mi sembra abbia portato alcun miglioramento
Ho provato ad annegare i miei problemi nell'alcool: hanno imparato a nuotare.

BrunoNero
Messaggi: 103
Iscritto il: 4 ott 2005, 0:00

Messaggio da BrunoNero » 19 ott 2005, 14:52

..uno dei problemi di un eventuale ri divisione della C sarebbe sicuramente l\'organizzazione dei calendari...visto che anche con una C unita..

lele75
Messaggi: 457
Iscritto il: 25 nov 2002, 0:00
Contatta:

Messaggio da lele75 » 19 ott 2005, 14:54

In triveneto invece il livello della serie C a mio avviso è aumentato....ma questo non è stato per all\'unificazione delle C1 e C2 ma perchè con l\'avvento del professionismo (super 10) molti giocatori hanno rinunciato all\'attività di alto livello per problemi di lavoro o famiglia, e non potendo partecipare al campionato riserve(perchè eliminato) hanno deciso di continuare l\'attività in squadre di serie C o B, dove l\'impegno ovviamente è minore rispetto un super 10/ serie A.
<BR>Aggiungiamoci poi quest\'anno le seconde squadre di Benetton e Petrarca, ed è evidente che i l livvello si è alzato.
<BR>
<BR>L\'arrivo di giocatori d\'esperienza nelle serie più basse ha fatto crescere il livello di gioco ma sopratutto la mentalità.....Per esempio fino a qualche anno fa la mia squadra faceva due allenamenti alla settimana (se andava bene)...con l\'arrivo di alcuni giocatori da serie superiori oltre alla qualità del gioco anche mentalità, l\'approcio algi allenamenti/partita è cresciuto, tanto che siamo arrivati a fare 3 allenamenti alla settimana e a volte anche 4....
<BR>
<BR>
<BR>
<BR>
<BR>
<BR>
<BR>

bonds
Messaggi: 910
Iscritto il: 8 set 2004, 0:00

Messaggio da bonds » 19 ott 2005, 15:25

il problema con quello che dici, lele, è che x quelle che una volta erano le squadre di c2 non è facile allenarsi così spesso....noi facevamo fatica ad essere in un numero decoroso già solo 2 volte alla settimana.......diventa un impegno che molti giocatori non sono in grado di mantenere nel tempo
Ho provato ad annegare i miei problemi nell'alcool: hanno imparato a nuotare.

lele75
Messaggi: 457
Iscritto il: 25 nov 2002, 0:00
Contatta:

Messaggio da lele75 » 19 ott 2005, 15:33

si solo...infatti all\'inizio è sttao un po \'un problema perchè non tutti era disponibili....però se vogliam o far crescere il livello....chi no n ha tempo passa agli old... è brutto ma è così....
<BR>
<BR>
<BR>Io la C2 la vorrei solo per le società nate da poco, e quindi ancora molto inesperte.....
<BR>

Cubano
Messaggi: 77
Iscritto il: 28 ott 2004, 0:00
Contatta:

Messaggio da Cubano » 19 ott 2005, 15:39

Io credo che il livello generale della serie C si sia abbassato notevolmente e che i problemi per le squadre di questa categoria sono aumentati.
<BR>Infatti l\'obbligatorietà delle giovanili per le squadre di recente nascita è inutile e un solo anno di tempo e troppo poco per una società per organizzarsi.
<BR>Io credo che alla vecchia maniera sia necessario il ritorno alla C2 - momento di aggregazione - e C1 - se la squadra si organizza meglio con gli sponsor e comincia un attività più seria sia dal punto di vista agonistico che societario.
<BR>I gironi di C attualmente sono formati in molte zone d\'Italia da 2 - 3 squadre di discreto livello che vincono tutte le partite spesso con risultati record, e lo scontro diretto diventa la finale per la vittoria del girone, quindi poca crescita per le squadre leader.
<BR>Speriamo che torni come prima

THAKER
Messaggi: 5983
Iscritto il: 24 ott 2004, 0:00
Località: Costorio
Contatta:

Messaggio da THAKER » 19 ott 2005, 15:43

Lele75 non la vedo una soluzione, anzi...
<BR>
<BR>Mi autocito per non riscrivere sempre le stesse cose:
<BR>
<BR>- In un articolo, citato nella discussione sull\'immagine dei club, un dirigente di Rovigo sostiene che la FIR ha già una bozza di riforma.
<BR>Va riformato il Super10, come va reintrodotta la C2, così che anche i Club tipo il Benetton B possano giocare match con gente che abbia la voglia e gli uomini per farlo.
<BR>Casale - Benetton B domenica immagino si giocherà senza problemi.
<BR>La C2 agli amatori ed alle squadre di neo rugbysti o di neoformazione.
<BR>
<BR>- C\'è già la Old che è Over 35... in Serie C molti sono ragazzi che iniziano a giocare tra i 20 e i 26 anni, ciò porta a partite \"senza storia\" a volte. X questo ci vorrebbe una distinzione tra C2 (più amatoriale) e C1 (più competitiva e con incontri di un livello medio più elevato, preparatoria alla B e momento generale di crescita), ma non vedo x\' ciò debba essere limitato.
<BR>La società potrebbe tranquillamente scegliere se provare a salire in C1 (e da li in B...) o decidere che sta meglio dove sta, i tempi cambiano, ma è sulla crescita del campionato che bisogna lavorare, non sulla creazione di un campionato parallelo che rubi i giocatori alle squadre esistenti.
<BR>
<BR>- Quanti club possono e vogliono gestire una squadra riserve? Ed una 21? C\'è già un\'under20 che allarga la base del campionato giovanile elite, cancellando la necessità di strutturarsi e destrutturarsi nel passaggio tra A e Top10 che spesso aveva portato a scontri ridicoli, il tutto creando una platea più ampia per gli elementi migliori di club, anche minori, che investono nel settore giovanile.
<BR>A 20 anni poi i migliori accederanno cmq al top 10, gli altri andranno in A, o in B o in C come già avviene.
<BR>Solo lo faranno a 20 e non più a 19, io la trovo una cosa più sensata per la crescita di tutta la base.
<BR>A 20 poi si può già comprendere chi è in grado di fare la differenza ed il professionista (Cagnoni, Cattina, Pratichetti) e sarà integrato in rosa o chi accederà all\'eventuale seconda squadra o sarà prestato/ceduto.
<BR>Il problema è in serie C e se qualcuno di voi non si interessa x\' non è A o Top 10 peggio per lui, ma è la base del rugby italiano, dove spesso ci sono coloro che tardi hanno iniziato ma i cui figli inizieranno prima, quelli che in birreria coinvolgono gli amici così cme tardi sono stati coinvolti.
<BR>E\' il campionato dove più ci sono le disomogeneità tra risorse, squadre decadute e squadre improvvisate.
<BR>Capisco che le trasferte possano esser più lunghe, ma la omogeneità del livello la trovo cmq fondamentale: uno più amatoriale in cui iniziare e giocare per divertirsi ed uno più vicino alla serie B dove la competitività risulti premiata e stimolata.
<BR>Non conosco le altre realtà (ma inserendole trovo dei 118 - 0 che parlano chiaro e tagliano le gambe a chi inizia), ma Tradate, Marco Polo, Valle Camonica, Monza non valgono Gussago, Bassa Bresciana, Lecco... i campionati vanno riformati, pensando ad innalzare il livello del vertice, ma anche quello di tutto il rugby, ma pensando anche alla base, facendo in modo che si allarghi. E lo si fa anche cercando di aumentare il numero di club sparsi sul territorio, non riducendolo.
<BR>Noi lo scorso anno abbiamo accettato di giocare nel girone Espoirs facendo trasferte lunghe (Verbania - Varese - Tradate) quando avremmo potuto giocare contro Gussago e Borgo Poncarale (10 Km) x\' volevamo confrontarci con realtà a nostro livello, cioè giocare a rugby e vincere qualche partita che da morale.
<BR>Ciò non toglie che io contro il Benetton B giocherei, ma credo che vi sia un problema e vada risolto.
<BR>
<BR>- Se poi mi parlate di trasformare l\'attuale U19-20 in un futuro maxi campionato Under 21 distinto dall\'Under 19, cercando di ritardare l\'inserimento dei ragazzi per seguirli di più ed eitare l\'altissimo numero di abbandoni.
<BR>Allora la trovo un\'idea geniale e vincente, da affiancare alla divisione tra C1 e C2 ed ad una ristrutturazione dei campionati.
<BR>
<BR>Under 21 x tutti, o almeno per i club che adesso giocano l\'Under 20 elite! Così che questi possano farsi prestare, al limite, i giocatori dalle altre società che hanno Under 19 ma non faranno la 21. E che l\'Under21 non sia limitata ai soli club di Super 10, ma anche a tutti i club di A ed ai più attenti al vivaio in B e in C.
<BR>
<BR>Il miglioramento va introdotto allargando la base ed aumentando il livello di tutti, non passando da un Super10 ad un Super8, ma lavorando x\' i club di Super10 possano diventare 12 o 14, con altri a lottare per salire.
<BR>
<BR>Già la Capitolina e la Leonessa le vedrei bene in aggiunta alle 10 attuali, con 2 retrocessioni ogni anno, e Roma e Prato possibili sostituti a giocarsela con Piacenza, Colorno ed altre realtà.
<BR>
<BR>SCANNA: la differenza fra i ventenni che anno giocato, e i ragazzi di serie c,
<BR>è che i ventenni anno inziato a 7 anni e x 13 anno continuato ad allenarsi e a giocare , e gli altri forse hanno iniziato a 20, o forse prima, ma hanno smesso, e poi ricominciato dopo qualche anno.
<BR>assolviamo tutti e due i tipi di giocatori, logicamente x motivi diversi, i primi,perchè è giusto che giochino dove la società decide, i secondi, perchè anno anche altre cose cui pensare oltre il rugby. conclusione regolamento sbagliato, e società costrette,a sbagliare.
<BR>
<BR>- hanno cancellato un campionato Under 21 a 10 squadre per crearne uno under20 a 30. Non credo sia troppo difficile portare l\'Under 20 ad Under21 un anno dopo: basta mantenere le stesse squadre e le stesse rose!
<BR>Ed il fatto che sia ad un più ampio respiro crea collegamento tra il vertice e la base e gironi geograficamente più omogenei.
<BR>Se il passaggio fosse questo, la tanto criticata FIR avrebbe dimostrato lungimiranza invece.
<BR>Le seconde squadre x i club di vertice credo dovrebbero esistere a prescindere da Under21 e campionati.
<BR>Farli iniziare direttamente dalla B avrebbe creato un precedente, certo la divisione C1-C2 ed un loro eventuale inizio dalla C1 avrebbe cmq, in parte, limitato il problema, che presumibilmente tale resterà per un solo anno.
<BR>Già in B Calvisano Under23 nn vince tutte le partite a mani basse anzi... (lo scorso anno si classificò secondo nel girone grazie anche alla penalizzazione di Lumezzane a poche giornate dal termine, perse poi le finali con CUS Padova).
<BR>Un altro problema certo immagino sia mettere d\'accordo i vari comitati regionali e stendere dei gironi accettabili e decenti, ma credo che meglio di così si possa anche fare, dato che regna l\'estro, l\'anarchia e poco-buonsenso.
<BR>
<BR>YETI: In Francia i sono 11 campionati; gli ultimi 5 (quelli \"amatoriali\") si chiamano \"Lega d\'onore\" e poi \"prima, seconda, terza e quarta\". A discrezione dei comitati regionali, le ultime quattro possono essere riunite in prima/seconda e terza/quarta nel caso ci fosse difficoltà ad avere un numero sufficiente di squadre. La cosa accade in Lorena, dove la facoltà immaginifica di inventare è arrivata al punto di fondere le due regioni Alsazia-Lorena (situazione paragonabile al Sud Italia per numero di squadre e praticanti) per arrivare ad avere un campionato di terza/quarta con 8 squadre e uno di prima/seconda con 10 squadre. Immagino che dalle parti di Biarritz, Agen e Tolosa il fatto di avere 12 squadre in 10 kmq consenta di programmare anche campionati cittadini o di quartiere. Il tutto A DISCREZIONE dei comitati regionali, che agiscono all\'interno di norme-quadro evidentemente flessibili.
<BR>Secondo me 4 campionati sono pochi. Adotterei per principio 6 o 7 campionati con la possibilità di accorpare le serie minori. Se al sud-italia ci sono poche squadre, si adotta l\'ipotesi di accorpamento dei campionati minori per arrivare ad un numero minimo. Dove ci sono più squadre si può optare per la soluzione canonica, magari con divisioni sottoregionali (Veneto Est-Friuli, Veneto Centro, Veneto Ovest-Lombardia Est etc....). Flessibilità per cercare di rendere giustizia alle singole realtà locali.
<BR>Certo è che a volte non bisognerebbe limitarsi a prendere dalla Francia solo gli allenatori.
<BR>
<BR>- Attualmente la C Italiana regione per regione:
<BR>
<BR>VALLE D\'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA: 12 SQUADRE - 2 GIRONI
<BR>LOMBARDIA: 25 SQUADRE - 3 GIRONI
<BR>TRIVENETO: 20 SQUADRE - 2 GIRONI
<BR>EMILIA ROMAGNA: 14 SQUADRE - 2 GIRONI
<BR>TOSCANA: 9 SQUADRE - 1 GIRONE
<BR>UMBRIA - MARCHE - ABRUZZO: 14 SQUADRE - 2 GIRONI
<BR>LAZIO: 17 SQUADRE - 2 GIRONI
<BR>CAMPANIA: 9 SQUADRE - 1 GIRONE
<BR>BASILICATA - PUGLIA: 10 SQUADRE - 1 GIRONE
<BR>CALABRIA: 7 SQUADRE - 1 GIRONE
<BR>SICILIA: 9 SQUADRE - 1 GIRONE
<BR>SARDEGNA: 5 SQUADRE - 1 GIRONE
<BR>
<BR>Le distanze non mi paiono infinite, e molti si lamentano x\' la B sembra più simile alla C1 di una volta (molti commenti ed articoli di giornale ad inizio stagione erano su questi toni). Accorpare meglio le regioni, creare 4 gironi di C1 (similari alla attuale B) con i club che realmente emergono e vogliono emergere e lasciar giocare gli altri su base regionale (magari un poco più allargata) non mi pare la fine del mondo.
<BR>
<BR>2 GIRONI NORD
<BR>1 CENTRO NORD (Abruzzo - Lazio - Marche - Toscana - Umbria - Sardegna event.)
<BR>1 CENTRO SUD (Basilicata - Calabria - Campania - Puglia - Sicilia)
<BR>
<BR>Con la distinzione delle Yeti fatta per la C2, resterebbe forse un poco isolata la Sardegna, ma la FIR si dovrebbe poi interessare a risolvere i problemi dei piccoli club per incrfementarne il numero e portare ad uno sviluppo del rugby di base. Con la C2 come isola felice per chi vuole provare, per anche i club improvvisati tra amici, quali stanno sempre più nascendo. Ma soprattutto per recuperare realtà come Cagliari e Carbonia ed aumentarne la diffusione soprattutto al Sud, dove non c\'è bisogno tanto di club di vertice, ma soprattutto di maggior copertura territoriale.
<BR>
<BR>- NORD 81 squadre
<BR>CENTRO 45 squadre
<BR>SUD 35 squadre
<BR>
<BR>10/12 squadre di livello superiore per una C1 si trovano e credo restino abbastanza squadre per dei campionati di C2 ben dislocati geograficamente

fanarone
Messaggi: 688
Iscritto il: 17 feb 2003, 0:00
Località: milano
Contatta:

Messaggio da fanarone » 19 ott 2005, 15:44

concordo pinamente con l\'idea di tornare all\'antica c1+c2
<BR>o tempora o mores!!!

bonds
Messaggi: 910
Iscritto il: 8 set 2004, 0:00

Messaggio da bonds » 19 ott 2005, 15:51

quando hai un lavoro, magari una famiglia e non vivi di fianco al campo già a 25 anni può esser dura dedicare 4/5 giorni alla settimana al rugby fra allenamenti e partite
<BR>
<BR>ecco perchè secondo me aveva senso la c2, composta in buona parte da squadre con giocatori veramente \"amatori\", chi era in grado di dedicare più tempo al rugby poteva puntare al salto di categoria e gli altri cmq si divertivano a giocare.....credo che la categoria + bassa di qualunque sport debba essere dedicata agli amatori
Ho provato ad annegare i miei problemi nell'alcool: hanno imparato a nuotare.

Ilgorgo
Messaggi: 12113
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Messaggio da Ilgorgo » 19 ott 2005, 15:58

<!-- BBCode Quote Start --><TABLE BORDER=0 ALIGN=CENTER WIDTH=85%><TR><TD><font size=-1>Quote:</font><HR></TD></TR><TR><TD><FONT SIZE=-1><BLOCKQUOTE>
<BR> 19-10-2005 alle ore 15:44, fanarone wrote:
<BR>o tempora o mores!!!
<BR></BLOCKQUOTE></FONT></TD></TR><TR><TD><HR></TD></TR></TABLE><!-- BBCode Quote End -->
<BR>Io scelgo mores, se i lampones sono finiti. Poi a parte mi fa una coppetta per il bimbo: pistacchio, puffo e fiordilatte.

gchq
Messaggi: 3
Iscritto il: 2 ott 2005, 0:00

Messaggio da gchq » 19 ott 2005, 16:26

<!-- BBCode Quote Start --><TABLE BORDER=0 ALIGN=CENTER WIDTH=85%><TR><TD><font size=-1>Quote:</font><HR></TD></TR><TR><TD><FONT SIZE=-1><BLOCKQUOTE>
<BR> 19-10-2005 alle ore 15:58, Ilgorgo wrote:
<BR><!-- BBCode Quote Start --><TABLE BORDER=0 ALIGN=CENTER WIDTH=85%><TR><TD><font size=-1>Quote:</font><HR></TD></TR><TR><TD><FONT SIZE=-1><BLOCKQUOTE>
<BR> 19-10-2005 alle ore 15:44, fanarone wrote:
<BR>o tempora o mores!!!
<BR></BLOCKQUOTE></FONT></TD></TR><TR><TD><HR></TD></TR></TABLE><!-- BBCode Quote End -->
<BR>Io scelgo mores, se i lampones sono finiti. Poi a parte mi fa una coppetta per il bimbo: pistacchio, puffo e fiordilatte.
<BR></BLOCKQUOTE></FONT></TD></TR><TR><TD><HR></TD></TR></TABLE><!-- BBCode Quote End --> :-] :-] :-] :-] :-] :-] :-]

uc
Messaggi: 223
Iscritto il: 24 mar 2005, 0:00
Località: Novara

Messaggio da uc » 19 ott 2005, 16:32

l\'ho già detto e lo ripeto: unire c1 e c2 a mio avviso è stata una grandissima cazzata, soprattutto in zone rugbisticamente depresse coemmil pimenote, dove la serie c vede moltissime partite con divari enormi: prendete il biella e l\'alessandria che stravinceranno tutte le partite
<BR>
<BR>

Rispondi

Torna a “Serie C”