Pagina 6 di 10

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 6 gen 2010, 23:38
da Fabiomelo
GiorgioXT ha scritto:Ma , scusate... Il compito di una federazione sportiva e della sua dirigenza, non dovrebbe essere quello di promuovere
lo sviluppo ,cercare di eliminare gli ostacoli e tendere sempre al miglior
risultato possibile?
Questo è completamente da sottoscrivere: riguardo a cercare una precoce maturazione è fisiologicamente una enorme c.........a. L'orologio biologico individuale non è certo accelerato da ricevere più traumi violenti. Da quanto ho sentito mi sembra che emerga una scarsa preparazione dei quadri dirigenziali sia nel campo delle scienze motorie che nella fisiologia e nella fisiopatologia.
Comunque i ragazzi solo la forza più bella di questo sport: il mio sta già parlando di organizzare una regionale di 94 con i suoi amici per cercare di giocare almeno un poco....

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 8:18
da luca63
GiorgioXT ha scritto:Ma , scusate... Il compito di una federazione sportiva e della sua dirigenza, non dovrebbe essere quello di promuovere
lo sviluppo ,cercare di eliminare gli ostacoli e tendere sempre al miglior
risultato possibile?
Bravo Giorgio ... supponiamo che ciò non avvenga ... e che tu sia dirigente di una squadra minore ...
Che fai ? Molli tutto in attesa di tempi migliori ?
No, ti adatti ... e cerchi di fare del tuo meglio ... Cercando di fare comunque giocare i tuoi ragazzi in qualche modo ...
Come ? Si può anche arrivare ad un torneo autogestito con altre società del vicinato ...

Vedi, a parte poche società di vertice: Rovigo, Padova, L'Aquila ... pochi hanno possibilità di incidere ...
Quello che mi chiedo è: ma dove sono le alternative ?
Dove sono gli Innocenti, i Lorigiola ?
Spariti ? O sono in attesa nell'ombra ... Credo ... non vorrei sbagliare ... che comunque questo sia l'ultimo mandato di Dondi ...
I giochi si stanno facendo dietro le quinte ?
Alla fine è sempre la politica che conta ... noi "facciamo rugby" ...

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 9:56
da biscuter59
luca63 ha scritto: Bravo Giorgio ... supponiamo che ciò non avvenga ... e che tu sia dirigente di una squadra minore ...
Che fai ? Molli tutto in attesa di tempi migliori ?
No, ti adatti ... e cerchi di fare del tuo meglio ... Cercando di fare comunque giocare i tuoi ragazzi in qualche modo ...
Come ? Si può anche arrivare ad un torneo autogestito con altre società del vicinato ...
E se passassimo tutti al rugby league ? Oppure, visto che è diventato sport olimpico, organizzassimo dei campionati di Seven ?

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 10:58
da luca63
biscuter59 ha scritto:
luca63 ha scritto: Bravo Giorgio ... supponiamo che ciò non avvenga ... e che tu sia dirigente di una squadra minore ...
Che fai ? Molli tutto in attesa di tempi migliori ?
No, ti adatti ... e cerchi di fare del tuo meglio ... Cercando di fare comunque giocare i tuoi ragazzi in qualche modo ...
Come ? Si può anche arrivare ad un torneo autogestito con altre società del vicinato ...
E se passassimo tutti al rugby league ? Oppure, visto che è diventato sport olimpico, organizzassimo dei campionati di Seven ?
Credo che rugby a 7 o rugby a 10, soprattutto per i ragazzini fino ai 16 anni sia un ottima metodologia di formazione, e diventa indispensabile se hai numeri bassi e vuoi comunque fare giocare i ragazzini ...
Poche o nulle fasi statiche, molto movimento, certo campo ristretto, non voglio troppi spazi liberi, altrimenti non c'è contatto sufficiente ...

Questo sì si può insegnare: i lanci di gioco da fase statica li puoi recuperare più avanti ...

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 15:07
da halfsaw
scusate se vi sembrerà che salga in cattedra. lavoro da anni (tanti, ormai...) come ortopedico e traumatologo. da anni seguo squadre sportive di tutti i generi, dal calcio all'hockey su ghiaccio (ora non più... a genova non ci sono!), ma in particolare mi sono sempre applicato al rugby. come giocatore non ho tanta esperienza (chi mi conosce sa che da ragazzo giocavo poco e male e le due cose sono consequenziali), ma ne ho tanta come medico e non solo di adulti.
il problema fondamentale è che nella maggioranza dei casi il 15enne sta compiendo il balzo di maturazione e fisicamente le differenze tra 15enne e 16enne sono ragguardevoli.
non si tratta di problemi legati alla traumatologia: i traumi nelle giovanili sono comunque abbastanza scarsi e non credo che far giocare i '94 con i '92 possa far lievitare il problema.
il problema è quello dei carichi di lavoro, sia in allenamento che in palestra, e la struttura fisica, anzi per meglio dire, l'architettura dei ragazzi.
nella grande maggioranza dei casi, il 15enne ha ancora le cartilagini di accrescimento aperte e quindi, sottoponendo queste a sforzi eccessivi c'è il rischio, non particolarmente remoto, di danneggiarle, bloccando l'accrescimento, talvolta in maniera disarmonica.
vi faccio l'esempio dei calciatori che spesso hanno le ginocchia ad "O" (tipo John Wayne, per intenderci), a causa dell'eccessivo sforzo a cui viene sottoposta la cartilagine di accrescimento di tibia e femore a livello del ginocchio per l'azione del gemello interno, particolarmente sollecitato nella corsa con il pallone al piede.
poichè la maggior parte dei preparatori e degli allenatori (absit iniuria verbis) non hanno una grande preparazione per quanto attiene la fisiologia scheletrica, il rischio è quello di allenamenti non adeguati all'età di maturazione del ragazzo, con quanto può conseguire in termini di possibili danni all'accrescimento.
ora faccio una considerazione. i giocatori moderni devono essere grandi e grossi e veloci e resistenti. bene, ci sono dei tempi per ottenere questi risultati: a 18 anni puoi avere un giocatore veloce e capace di giocare, con una certa resistenza e una certa massa muscolare. a quel punto inizi a lavorare per l'aumento della massa muscolare, che comunque è anche in funzione del patrimonio genetico di ciascun ragazzo. pensare di ottenere un giocatore che ha appena terminato (talvolta a 18 anni non è nemmeno terminata) la maturazione fisica, ma già del tutto formato e costruito muscolarmente, è CRIMINALE.
termino e mi scuso dello sfogo, ma vi giro la domanda che mi sono posto: perché non unire, l'anno prossimo, '91 '92 e '93 invece che buttare allo sbaraglio i '94?
ciao a tutti.

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 16:17
da superNO
halfsaw ha scritto: termino e mi scuso dello sfogo, ma vi giro la domanda che mi sono posto: perché non unire, l'anno prossimo, '91 '92 e '93 invece che buttare allo sbaraglio i '94? ciao a tutti.
perchè sarebbe rinnegare un errore che è stato fatto quest'anno. Tornare al 91-92-93 sarebbe tornare alla vecchia U19.
Personalmente ti quoto 1000% (non è un errore è proprio mille).Anche perchè il 91 cosa farà???? Non tutti sono strutturati per giocare con "vecchietti" anche un pò "bastardi".
Come avevi detto in un altro intervento non so come potranno giocare ed inserirsi dei 94 i squadre che stanno maturando INSIEME per il terzo anno consecutivo.

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 16:32
da andrea12
Tra le varie perplessità (per prima quella di capire se questa è solo una ipotesi, cazzuta fin che si vuole) c'è anche quella tecnica oltre che quella muscolo-scheletrica e meccanica (direi in linea i massima fisiologica, tanto per non girarci intorno) che in molti hanno già sottolineato.
Se non erro, mi sembra che più o meno tutti, concordino con l'opportunità di NON RIUNIRE 92, 93 e 94.
Bene: quanti sono i Club che espliciteranno, in Assemblea, Comitato per Comitato, questa linea?
Perchè se ciò non dovesse avvenire ( scusate, ma credo che i nostri dirigenti accetteranno questo ed altro) , significa che la "bestiata" passerà con l'avvallo delle Società, in piena democrazia e nel rispetto di una delibera collegiale. :shock:
Boh, staremo a vedere.
Buon rugby (quello giocato)

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 7 gen 2010, 16:46
da Fabiomelo
halfsaw ha scritto:scusate se vi sembrerà che salga in cattedra. lavoro da anni (tanti, ormai...) come ortopedico e traumatologo. da anni seguo squadre sportive di tutti i generi, dal calcio all'hockey su ghiaccio (ora non più... a genova non ci sono!), ma in particolare mi sono sempre applicato al rugby. come giocatore non ho tanta esperienza (chi mi conosce sa che da ragazzo giocavo poco e male e le due cose sono consequenziali), ma ne ho tanta come medico e non solo di adulti.
il problema fondamentale è che nella maggioranza dei casi il 15enne sta compiendo il balzo di maturazione e fisicamente le differenze tra 15enne e 16enne sono ragguardevoli.
non si tratta di problemi legati alla traumatologia: i traumi nelle giovanili sono comunque abbastanza scarsi e non credo che far giocare i '94 con i '92 possa far lievitare il problema.
il problema è quello dei carichi di lavoro, sia in allenamento che in palestra, e la struttura fisica, anzi per meglio dire, l'architettura dei ragazzi.
nella grande maggioranza dei casi, il 15enne ha ancora le cartilagini di accrescimento aperte e quindi, sottoponendo queste a sforzi eccessivi c'è il rischio, non particolarmente remoto, di danneggiarle, bloccando l'accrescimento, talvolta in maniera disarmonica.
vi faccio l'esempio dei calciatori che spesso hanno le ginocchia ad "O" (tipo John Wayne, per intenderci), a causa dell'eccessivo sforzo a cui viene sottoposta la cartilagine di accrescimento di tibia e femore a livello del ginocchio per l'azione del gemello interno, particolarmente sollecitato nella corsa con il pallone al piede.
poichè la maggior parte dei preparatori e degli allenatori (absit iniuria verbis) non hanno una grande preparazione per quanto attiene la fisiologia scheletrica, il rischio è quello di allenamenti non adeguati all'età di maturazione del ragazzo, con quanto può conseguire in termini di possibili danni all'accrescimento.
ora faccio una considerazione. i giocatori moderni devono essere grandi e grossi e veloci e resistenti. bene, ci sono dei tempi per ottenere questi risultati: a 18 anni puoi avere un giocatore veloce e capace di giocare, con una certa resistenza e una certa massa muscolare. a quel punto inizi a lavorare per l'aumento della massa muscolare, che comunque è anche in funzione del patrimonio genetico di ciascun ragazzo. pensare di ottenere un giocatore che ha appena terminato (talvolta a 18 anni non è nemmeno terminata) la maturazione fisica, ma già del tutto formato e costruito muscolarmente, è CRIMINALE.
termino e mi scuso dello sfogo, ma vi giro la domanda che mi sono posto: perché non unire, l'anno prossimo, '91 '92 e '93 invece che buttare allo sbaraglio i '94?
ciao a tutti.
Caro collega ti quoto a 1000%......

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 8 gen 2010, 8:39
da MAX2008
Fabiomelo ha scritto:
halfsaw ha scritto:scusate se vi sembrerà che salga in cattedra. lavoro da anni (tanti, ormai...) come ortopedico e traumatologo. da anni seguo squadre sportive di tutti i generi, dal calcio all'hockey su ghiaccio (ora non più... a genova non ci sono!), ma in particolare mi sono sempre applicato al rugby. come giocatore non ho tanta esperienza (chi mi conosce sa che da ragazzo giocavo poco e male e le due cose sono consequenziali), ma ne ho tanta come medico e non solo di adulti.
il problema fondamentale è che nella maggioranza dei casi il 15enne sta compiendo il balzo di maturazione e fisicamente le differenze tra 15enne e 16enne sono ragguardevoli.
non si tratta di problemi legati alla traumatologia: i traumi nelle giovanili sono comunque abbastanza scarsi e non credo che far giocare i '94 con i '92 possa far lievitare il problema.
il problema è quello dei carichi di lavoro, sia in allenamento che in palestra, e la struttura fisica, anzi per meglio dire, l'architettura dei ragazzi.
nella grande maggioranza dei casi, il 15enne ha ancora le cartilagini di accrescimento aperte e quindi, sottoponendo queste a sforzi eccessivi c'è il rischio, non particolarmente remoto, di danneggiarle, bloccando l'accrescimento, talvolta in maniera disarmonica.
vi faccio l'esempio dei calciatori che spesso hanno le ginocchia ad "O" (tipo John Wayne, per intenderci), a causa dell'eccessivo sforzo a cui viene sottoposta la cartilagine di accrescimento di tibia e femore a livello del ginocchio per l'azione del gemello interno, particolarmente sollecitato nella corsa con il pallone al piede.
poichè la maggior parte dei preparatori e degli allenatori (absit iniuria verbis) non hanno una grande preparazione per quanto attiene la fisiologia scheletrica, il rischio è quello di allenamenti non adeguati all'età di maturazione del ragazzo, con quanto può conseguire in termini di possibili danni all'accrescimento.
ora faccio una considerazione. i giocatori moderni devono essere grandi e grossi e veloci e resistenti. bene, ci sono dei tempi per ottenere questi risultati: a 18 anni puoi avere un giocatore veloce e capace di giocare, con una certa resistenza e una certa massa muscolare. a quel punto inizi a lavorare per l'aumento della massa muscolare, che comunque è anche in funzione del patrimonio genetico di ciascun ragazzo. pensare di ottenere un giocatore che ha appena terminato (talvolta a 18 anni non è nemmeno terminata) la maturazione fisica, ma già del tutto formato e costruito muscolarmente, è CRIMINALE.
termino e mi scuso dello sfogo, ma vi giro la domanda che mi sono posto: perché non unire, l'anno prossimo, '91 '92 e '93 invece che buttare allo sbaraglio i '94?
ciao a tutti.
Caro collega ti quoto a 1000%......
.....il problema dei carichi di lavoro per i ragazzi 94-93-92 alla Federazione interessa poco......le loro strutture , con le accademie, sono concepite per anno . Per il resto tolto il girone prossimo di elite' e qualche altra squadra , dove i 94 sono pre-scelti , il resto deve far numero o movimento, anzi forse incomincio a dubitare che interessino ancora questi due fattori........per i 90-91 ormai chi sta in alto e' bene il resto serve ad insaporire una serie C scarsa di sale.....se il 50% di questi abbandona ...pazienza.....
Questo e' il mio pensiero rispetto ai movimenti che vedo......

Max 2008

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 8 gen 2010, 14:48
da GiorgioXT
Da un articolo del Gazzettino risulta che la decisione sia stata presa
nell'ultimo consiglio federale, con i soli voti contrari dei consiglieri veneti.
Dalla Fir ancora pero' nulla di ufficiale.

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 8 gen 2010, 19:01
da stemengia
GiorgioXT ha scritto:Da un articolo del Gazzettino risulta che la decisione sia stata presa
nell'ultimo consiglio federale, con i soli voti contrari dei consiglieri veneti.
Dalla Fir ancora pero' nulla di ufficiale.

Hai ragione!! ... solo che di veneto in consiglio Fir c'è anche un vice-presidente - Zanandrea di Treviso - e poi Bagatin, Rinaldo, Checchinato e Mazzariol!!!!!
E di questi, alcuni sono ritenuti dei competenti!! quindi è chiaro che il loro assenso - se presenti in consiglio - sarà ben ricompensato!!!!

Gente, servono persone libere e oneste, non mezze figure che cercano un posto di lavoro.

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 9 gen 2010, 9:14
da Chuba
Ripeto la mia teoria:
La riforma passerà non tanto perchè alla FIR sono malvagi, ma perchè i presidenti piagnoni spingeranno per risparmiare su una squadra giovanile in meno.
Così ci saranno due lire per il neozelandese o l'argentino in più per la prima squadra.
La FIR segue alla fine quello che le società ( più o meno pubblicamente) chiedono.
Mi sbaglio o all'estero la tendenza è esattamente opposta? Nel senso che le squadre sono fatte anno per anno. D'accordo , i numeri di praticanti sono diversi, ma non venitemi a parlare di maturazione anticipata o scemenze del genere. Con questa riforma diminuirà ancora il numero di praticanti, e allora cosa faremo? Una squadra con 4 annate?

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 9 gen 2010, 12:13
da Fabiomelo
Sostanzialmente invece di avere una crescita " a collina", ovvero un incremento del numero dei praticanti con molti buoni giocatori e quanche eccellenza avremo una crescita " a cuspide" ovvero poche eccellenze nze costruite nelle accademie e niente dietro. Risultato : breve periodo di riscontro di buoni giocatori ( ovviamente con molte celebrazioni ) e sucessivamente ritorno a 30 anni fa.

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 9 gen 2010, 18:57
da superNO
andrea12 ha scritto:Tra le varie perplessità (per prima quella di capire se questa è solo una ipotesi, cazzuta fin che si vuole) c'è anche quella tecnica oltre che quella muscolo-scheletrica e meccanica (direi in linea i massima fisiologica, tanto per non girarci intorno) che in molti hanno già sottolineato.
Se non erro, mi sembra che più o meno tutti, concordino con l'opportunità di NON RIUNIRE 92, 93 e 94.
Bene: quanti sono i Club che espliciteranno, in Assemblea, Comitato per Comitato, questa linea?
Perchè se ciò non dovesse avvenire ( scusate, ma credo che i nostri dirigenti accetteranno questo ed altro) , significa che la "bestiata" passerà con l'avvallo delle Società, in piena democrazia e nel rispetto di una delibera collegiale. :shock:
Boh, staremo a vedere. Buon rugby (quello giocato)
risulta che la decisione sia GIA' stata presa, per cui ..................
L'intelligente si mette sempre in discussione, l'arrogante perservera nell'errore

Re: 92 93 e 94 insieme: troppa carne al fuoco

Inviato: 9 gen 2010, 19:26
da GiorgioXT
Sul giornalino del Petrarca che verra' distribuito domani al derby
con Benetton e che si scarica anche dal sito, prima pagina dedicata a questa
decisione.