Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Risultati, Classifiche e Commenti sul campionato di Serie A Femminile e delle Giovanili Nazionali

Moderatore: Emy77

erin
Messaggi: 2017
Iscritto il: 18 apr 2003, 0:00
Località: Bar-Barians, Forum Livii
Contatta:

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da erin » 5 gen 2011, 18:18

Se ci mettiamo a discutere anche sulla bontà delle Accademie allora secondo me siamo arrivati.
Tutto è migliorabile, ma credo che la cosa non sia discutibile per aumentare il livello.
GIVE BLOOD-PLAY RUGBY
www.rugbyforli.it

rianimation
Messaggi: 71
Iscritto il: 26 mar 2010, 11:30

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da rianimation » 6 gen 2011, 11:01

le accademie ...spina nel fianco di molti perchè ? è la fiaba della volpe e l'uva ? lavoriamo seriamente sul resto dei ragazzi insegniamo il rugby propriamente detto moderno aggiornato e vedremo inevitabilmente il livello migliorare. quindi la parola d'ordine è migliorare migliorare migliorare ma forse è proprio questo lo scoglio da superare che per alcuni è insormontabile
saluti :D :D :D

GiorgioXT
Messaggi: 5452
Iscritto il: 19 mag 2004, 0:00

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da GiorgioXT » 6 gen 2011, 12:34

erin ha scritto:Se ci mettiamo a discutere anche sulla bontà delle Accademie allora secondo me siamo arrivati.
Tutto è migliorabile, ma credo che la cosa non sia discutibile per aumentare il livello.
Non dovrebbero essere discutibili? costano un MUCCHIO di soldi , più di 3 milioni di euro fra Tirrenia e le altre tre ...mi pare non solo giusto, ma un dovere di tutto il movimento valutarne i risultati e conoscerne i costi . Ah, scusate, dimanticavo che si parla della FIR , dove non esistono budget di previsioni pubblici, tantomeno valutazioni indipendenti, ancor meno bilanci pubblici e non sia mai certificati da enti terzi !

Io sono sempre stato dell'idea di Fourcade , che gli stessi tecnici delle accademie mandati in giro per il paese formerebbero 10 volte tanti ragazzi...ma tant'è , la dirigenza attuale vede esclusivamente un processo di formazione totalmente proprio, un sintomo ulteriore della voglia (o necessità?) di non confrontarsi e non rispondere se non a sè stessi. L'eliminazione del campionato Under 20 , chè di questo si tratta, visto che la U.18/19 non sarà a gironi nazionali , tantomeno la U.23 risponde molto di più a queste esigenze che a quelle dello sviluppo.

Le Accademie, e specialmente quella di Tirrenia , visto che ci sono, dovrebbero dare un insegnamento tecnico di alto livello , io ci sono rimasto male quando ho saputo che nella stagione 09-10 i giocatori con ruoli di MM MA ed estremo hanno fatto ben UNO allenamento di gioco al piede! - spero che con l'arrivo di Toni Green le cose siano cambiate ...e continuo a chiedermi , visti i buoni rapporti fra Federazione ed Aironi, non sarebbe il caso di reclutare Mercier, fuori rosa ma tuttora a libro paga di Viadana per fare stage di gioco al piede per i ragazzi delle accademie ?

Avatar utente
Fabiomelo
Messaggi: 229
Iscritto il: 25 mag 2009, 9:59

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da Fabiomelo » 6 gen 2011, 13:37

Ancora una volta mi trovo d'accordo con Giorgio. In tutte le imprese degne di questo nome esiste un controllo di qualità e sopratutto un controllo stretto del rapporto costi/benefici.
E ancora una volta approvo Giorgio quando dice che se i tecnici delle Accademie andassero a giro per l'italia formerebbero molti più ragazzi.

stemengia
Messaggi: 18
Iscritto il: 24 mag 2009, 19:19

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da stemengia » 6 gen 2011, 18:37

Non dovrebbero essere discutibili? costano un MUCCHIO di soldi , più di 3 milioni di euro fra Tirrenia e le altre tre ...mi pare non solo giusto, ma un dovere di tutto il movimento valutarne i risultati e conoscerne i costi . Ah, scusate, dimanticavo che si parla della FIR , dove non esistono budget di previsioni pubblici, tantomeno valutazioni indipendenti, ancor meno bilanci pubblici e non sia mai certificati da enti terzi !

Io sono sempre stato dell'idea di Fourcade , che gli stessi tecnici delle accademie mandati in giro per il paese formerebbero 10 volte tanti ragazzi...ma tant'è , la dirigenza attuale vede esclusivamente un processo di formazione totalmente proprio, un sintomo ulteriore della voglia (o necessità?) di non confrontarsi e non rispondere se non a sè stessi. L'eliminazione del campionato Under 20 , chè di questo si tratta, visto che la U.18/19 non sarà a gironi nazionali , tantomeno la U.23 risponde molto di più a queste esigenze che a quelle dello sviluppo.

Le Accademie, e specialmente quella di Tirrenia , visto che ci sono, dovrebbero dare un insegnamento tecnico di alto livello , io ci sono rimasto male quando ho saputo che nella stagione 09-10 i giocatori con ruoli di MM MA ed estremo hanno fatto ben UNO allenamento di gioco al piede! - spero che con l'arrivo di Toni Green le cose siano cambiate ...e continuo a chiedermi , visti i buoni rapporti fra Federazione ed Aironi, non sarebbe il caso di reclutare Mercier, fuori rosa ma tuttora a libro paga di Viadana per fare stage di gioco al piede per i ragazzi delle accademie ?
Concordo pienamente con Giorgio!
Mi risulta che Toni Green sia rimasto molto "perplesso" - per usare un eufemismo - sul lavoro fatto nelle accademie!!!
Molta, moltissima palestra, e poco, molto poco lavoro sul campo, in particolare sulla tecnica individuale; alcuni ottimi giocatori del '94 sono trasformati dal lavoro con i pesi, ma se gli fai fare il classico "due contro uno" hanno grossi problemi!!
Io credo che la Fir dovrebbe individuare una decina di club in Italia che hanno dimostrato negli anni di essere strutturati per la formazione dei giovani ed aiutarli economicamente e tecnicamente, cosi la crescita sarebbe estesa a una rosa di circa duecento e più ragazzi per annata.
Infatti un altro problema, che mi sembra nessuno ha citato, è la "qualità rugbystica" dei selezionatori delle accademie: è opinione di molti addetti ai lavori che questa sia molto bassa!!...per esempio per il CIV Triveneto a contare parecchio è un certo Matteo Ambrosini, evidentemente grande amicone del MagoAscione dato che è praticamente sconosciuto come ex-giocatore e con un curriculum assai mediocre come allenatore!!! .. d'altronde Ascione docet..
Al di là delle formule, la differenza la crea la persona!.. se metti a capo un "nano" si circonderà di "mininani" per non sfigurare!

Buon 2011a tutti.

Avatar utente
Fabiomelo
Messaggi: 229
Iscritto il: 25 mag 2009, 9:59

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da Fabiomelo » 6 gen 2011, 19:24

La differenza che in un' azienda privata se non rendi te ne vai.
Nel nostro caso si può fare tutto, tanto nessuno ti fa nulla....

annisessanta
Messaggi: 176
Iscritto il: 26 lug 2006, 17:57

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da annisessanta » 6 gen 2011, 19:28

stemengia ha scritto: Concordo pienamente con Giorgio!
Mi risulta che Toni Green sia rimasto molto "perplesso" - per usare un eufemismo - sul lavoro fatto nelle accademie!!!
Molta, moltissima palestra, e poco, molto poco lavoro sul campo, in particolare sulla tecnica individuale; alcuni ottimi giocatori del '94 sono trasformati dal lavoro con i pesi, ma se gli fai fare il classico "due contro uno" hanno grossi problemi!!
Io credo che la Fir dovrebbe individuare una decina di club in Italia che hanno dimostrato negli anni di essere strutturati per la formazione dei giovani ed aiutarli economicamente e tecnicamente, cosi la crescita sarebbe estesa a una rosa di circa duecento e più ragazzi per annata.Infatti un altro problema, che mi sembra nessuno ha citato, è la "qualità rugbystica" dei selezionatori delle accademie: è opinione di molti addetti ai lavori che questa sia molto bassa!!...per esempio per il CIV Triveneto a contare parecchio è un certo Matteo Ambrosini, evidentemente grande amicone del MagoAscione dato che è praticamente sconosciuto come ex-giocatore e con un curriculum assai mediocre come allenatore!!! .. d'altronde Ascione docet..
Al di là delle formule, la differenza la crea la persona!.. se metti a capo un "nano" si circonderà di "mininani" per non sfigurare!

Buon 2011a tutti.
ma che ideona !!!!

e le altre società con TUTTI i loro giocatori cosa fanno ?
perchè capaci di giocare a rugby saranno solo i giocatori di quelle 10 società vero ?

stefanot
Messaggi: 1532
Iscritto il: 19 feb 2008, 13:59

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da stefanot » 6 gen 2011, 22:11

GiorgioXT ha scritto:
erin ha scritto:Se ci mettiamo a discutere anche sulla bontà delle Accademie allora secondo me siamo arrivati.
Tutto è migliorabile, ma credo che la cosa non sia discutibile per aumentare il livello.
Non dovrebbero essere discutibili? costano un MUCCHIO di soldi , più di 3 milioni di euro fra Tirrenia e le altre tre ...mi pare non solo giusto, ma un dovere di tutto il movimento valutarne i risultati e conoscerne i costi . Ah, scusate, dimanticavo che si parla della FIR , dove non esistono budget di previsioni pubblici, tantomeno valutazioni indipendenti, ancor meno bilanci pubblici e non sia mai certificati da enti terzi !

Io sono sempre stato dell'idea di Fourcade , che gli stessi tecnici delle accademie mandati in giro per il paese formerebbero 10 volte tanti ragazzi...ma tant'è , la dirigenza attuale vede esclusivamente un processo di formazione totalmente proprio, un sintomo ulteriore della voglia (o necessità?) di non confrontarsi e non rispondere se non a sè stessi. L'eliminazione del campionato Under 20 , chè di questo si tratta, visto che la U.18/19 non sarà a gironi nazionali , tantomeno la U.23 risponde molto di più a queste esigenze che a quelle dello sviluppo.

Le Accademie, e specialmente quella di Tirrenia , visto che ci sono, dovrebbero dare un insegnamento tecnico di alto livello , io ci sono rimasto male quando ho saputo che nella stagione 09-10 i giocatori con ruoli di MM MA ed estremo hanno fatto ben UNO allenamento di gioco al piede! - spero che con l'arrivo di Toni Green le cose siano cambiate ...e continuo a chiedermi , visti i buoni rapporti fra Federazione ed Aironi, non sarebbe il caso di reclutare Mercier, fuori rosa ma tuttora a libro paga di Viadana per fare stage di gioco al piede per i ragazzi delle accademie ?

Credo che, oggi come oggi, il sistema accademie sia l'unico sistema possibile per la formazione dei giovani. In italia quali sono i club che fanno un lavoro serio sui giovani? Quali sono i club che hanno quantomeno dimostrato di volerlo fare? Quali sono i club secondo voi che accetteranno un sistema in cui arriva lo staff federale e tutti ai loro ordini?
Secondo me dovremmo forse ritornare alle accademie per club under 17/18 in maniera tale da avere più centri di formazione in giro per l'Italia, cambiare i metodi di allenamento, fare più reclutamento, strutturare meglio i campionati nazionali e ragionali under e inserire regolamenti più severi sull'utilizzo di stranieri in ogni categoria!

erin
Messaggi: 2017
Iscritto il: 18 apr 2003, 0:00
Località: Bar-Barians, Forum Livii
Contatta:

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da erin » 7 gen 2011, 8:46

GiorgioXT ha scritto:
erin ha scritto:Se ci mettiamo a discutere anche sulla bontà delle Accademie allora secondo me siamo arrivati.
Tutto è migliorabile, ma credo che la cosa non sia discutibile per aumentare il livello.
Non dovrebbero essere discutibili? costano un MUCCHIO di soldi , più di 3 milioni di euro fra Tirrenia e le altre tre ...mi pare non solo giusto, ma un dovere di tutto il movimento valutarne i risultati e conoscerne i costi . Ah, scusate, dimanticavo che si parla della FIR , dove non esistono budget di previsioni pubblici, tantomeno valutazioni indipendenti, ancor meno bilanci pubblici e non sia mai certificati da enti terzi !

Io sono sempre stato dell'idea di Fourcade , che gli stessi tecnici delle accademie mandati in giro per il paese formerebbero 10 volte tanti ragazzi...ma tant'è , la dirigenza attuale vede esclusivamente un processo di formazione totalmente proprio, un sintomo ulteriore della voglia (o necessità?) di non confrontarsi e non rispondere se non a sè stessi. L'eliminazione del campionato Under 20 , chè di questo si tratta, visto che la U.18/19 non sarà a gironi nazionali , tantomeno la U.23 risponde molto di più a queste esigenze che a quelle dello sviluppo.

Le Accademie, e specialmente quella di Tirrenia , visto che ci sono, dovrebbero dare un insegnamento tecnico di alto livello , io ci sono rimasto male quando ho saputo che nella stagione 09-10 i giocatori con ruoli di MM MA ed estremo hanno fatto ben UNO allenamento di gioco al piede! - spero che con l'arrivo di Toni Green le cose siano cambiate ...e continuo a chiedermi , visti i buoni rapporti fra Federazione ed Aironi, non sarebbe il caso di reclutare Mercier, fuori rosa ma tuttora a libro paga di Viadana per fare stage di gioco al piede per i ragazzi delle accademie ?

Ma guarda, qeste sono opinioni sulla qualità del lavoro fatto dentro queste. Io invece penso che le Accademie siano fondamentali per consentire ai migliori di crescere.
Poi il lavoro fatto lì dentro lo si valuterà coi risultati sul campo e con gli innesti in prima squadra. Ovviamente la linea d'allenamento scelta dalla FIR può convincere alcuni e lasciare
perplessi gli altri, però è questa.
Sono punti di vista.
GIVE BLOOD-PLAY RUGBY
www.rugbyforli.it

fraved
Messaggi: 150
Iscritto il: 22 set 2008, 14:40

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da fraved » 7 gen 2011, 10:00

Io non contesto il lavoro fatto dentro le accademie, anche se ci sarebbe molto da dire a proposito. Io contesto il sistema di coinvolgimento dei ragazzi nelle selezioni regionali. Sono assolutamente convinto che si proceda con criteri selettivi inappropriati che portano alla formazione di gruppi chiusi. Ho visto giocatori che per motivi particolari (indisposizione, altri impegni o anche solo perchè non c'era nessuno che li portava al campo) non hanno partecipato ad una dico una convocazione e da allora non sono mai più stati convocati nonostante siano tuttora dei giocatori bravi e promettenti. Troppe volte ho visto i selezionatori ascoltare allenatori loro amici che gli consigliavano (meglio dire imponevano) questo o quello. Non voglio fare nomi ma nell'accademi da Parma ci sono ragazzi che noe loro club erano mediocri ma pagando di tasca loro il collegio scolastico sono stati catapultati in accademia in maniera che lascia stupefatti chi li conosce. Ma dove vogliamo andare con questi metodi?

jerrylee
Messaggi: 73
Iscritto il: 17 mar 2004, 0:00

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da jerrylee » 7 gen 2011, 10:20

fraved ha scritto:Io non contesto il lavoro fatto dentro le accademie, anche se ci sarebbe molto da dire a proposito. Io contesto il sistema di coinvolgimento dei ragazzi nelle selezioni regionali. Sono assolutamente convinto che si proceda con criteri selettivi inappropriati che portano alla formazione di gruppi chiusi. Ho visto giocatori che per motivi particolari (indisposizione, altri impegni o anche solo perchè non c'era nessuno che li portava al campo) non hanno partecipato ad una dico una convocazione e da allora non sono mai più stati convocati nonostante siano tuttora dei giocatori bravi e promettenti. Troppe volte ho visto i selezionatori ascoltare allenatori loro amici che gli consigliavano (meglio dire imponevano) questo o quello. Non voglio fare nomi ma nell'accademi da Parma ci sono ragazzi che noe loro club erano mediocri ma pagando di tasca loro il collegio scolastico sono stati catapultati in accademia in maniera che lascia stupefatti chi li conosce. Ma dove vogliamo andare con questi metodi?
Sei sicuro che ci sono accademici che si pagano la retta? a me non risulta
x Giorgio: a Parma una volta al mese si allenano al piede con Doussy

fraved
Messaggi: 150
Iscritto il: 22 set 2008, 14:40

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da fraved » 7 gen 2011, 10:29

jerrylee ha scritto:
fraved ha scritto:Io non contesto il lavoro fatto dentro le accademie, anche se ci sarebbe molto da dire a proposito. Io contesto il sistema di coinvolgimento dei ragazzi nelle selezioni regionali. Sono assolutamente convinto che si proceda con criteri selettivi inappropriati che portano alla formazione di gruppi chiusi. Ho visto giocatori che per motivi particolari (indisposizione, altri impegni o anche solo perchè non c'era nessuno che li portava al campo) non hanno partecipato ad una dico una convocazione e da allora non sono mai più stati convocati nonostante siano tuttora dei giocatori bravi e promettenti. Troppe volte ho visto i selezionatori ascoltare allenatori loro amici che gli consigliavano (meglio dire imponevano) questo o quello. Non voglio fare nomi ma nell'accademi da Parma ci sono ragazzi che noe loro club erano mediocri ma pagando di tasca loro il collegio scolastico sono stati catapultati in accademia in maniera che lascia stupefatti chi li conosce. Ma dove vogliamo andare con questi metodi?
Sei sicuro che ci sono accademici che si pagano la retta? a me non risulta
x Giorgio: a Parma una volta al mese si allenano al piede con Doussy
scusa mi sono spiegato male, intendevo che sono andati a farsi un anno o più a Calvisano o Parma o Viadana pagandosi scuola e convitto e poi da li sono entrati in accademia. Ma ripeto il problema che io vedo sono le selezioni dove ne ho viste di tutti i colori. In questo senso credo molto di più al lavoro svolto dai club ma poi i Porrino di turno dovrebbero girare un pochino di più per vedere i giocatori in più occasioni.

erin
Messaggi: 2017
Iscritto il: 18 apr 2003, 0:00
Località: Bar-Barians, Forum Livii
Contatta:

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da erin » 7 gen 2011, 11:05

fraved ha scritto:Io non contesto il lavoro fatto dentro le accademie, anche se ci sarebbe molto da dire a proposito. Io contesto il sistema di coinvolgimento dei ragazzi nelle selezioni regionali. Sono assolutamente convinto che si proceda con criteri selettivi inappropriati che portano alla formazione di gruppi chiusi. Ho visto giocatori che per motivi particolari (indisposizione, altri impegni o anche solo perchè non c'era nessuno che li portava al campo) non hanno partecipato ad una dico una convocazione e da allora non sono mai più stati convocati nonostante siano tuttora dei giocatori bravi e promettenti. Troppe volte ho visto i selezionatori ascoltare allenatori loro amici che gli consigliavano (meglio dire imponevano) questo o quello. Non voglio fare nomi ma nell'accademi da Parma ci sono ragazzi che noe loro club erano mediocri ma pagando di tasca loro il collegio scolastico sono stati catapultati in accademia in maniera che lascia stupefatti chi li conosce. Ma dove vogliamo andare con questi metodi?
Non sono d'accordo.
Amen.
GIVE BLOOD-PLAY RUGBY
www.rugbyforli.it

annisessanta
Messaggi: 176
Iscritto il: 26 lug 2006, 17:57

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da annisessanta » 7 gen 2011, 12:05

erin ha scritto:
fraved ha scritto:Io non contesto il lavoro fatto dentro le accademie, anche se ci sarebbe molto da dire a proposito. Io contesto il sistema di coinvolgimento dei ragazzi nelle selezioni regionali. Sono assolutamente convinto che si proceda con criteri selettivi inappropriati che portano alla formazione di gruppi chiusi. Ho visto giocatori che per motivi particolari (indisposizione, altri impegni o anche solo perchè non c'era nessuno che li portava al campo) non hanno partecipato ad una dico una convocazione e da allora non sono mai più stati convocati nonostante siano tuttora dei giocatori bravi e promettenti. Troppe volte ho visto i selezionatori ascoltare allenatori loro amici che gli consigliavano (meglio dire imponevano) questo o quello. Non voglio fare nomi ma nell'accademi da Parma ci sono ragazzi che noe loro club erano mediocri ma pagando di tasca loro il collegio scolastico sono stati catapultati in accademia in maniera che lascia stupefatti chi li conosce. Ma dove vogliamo andare con questi metodi?
Non sono d'accordo.
Amen.
Nemmeno io sono d'accordo; anche perchè la discussione sta scivolando
nel pettegolezzo.
Una cosa vorrei precisare: non sono i ragazzi che rifiutano di partecipare alle varie selezioni, spesso
sono le società che lo impediscono.

fraved
Messaggi: 150
Iscritto il: 22 set 2008, 14:40

Re: Com. Federale N.2 - Nuova struttura campionati 011/012

Messaggio da fraved » 7 gen 2011, 12:30

Forse l'argomento è troppo vasto da affrontare qui e quindi preferisco chiudere, tuttavia non si dica che è pettegolezzo.

Rispondi

Torna a “Campionati Femminile e Giovanili”