Ma dimettersi?

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

stefanot
Messaggi: 1532
Iscritto il: 19 feb 2008, 13:59

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da stefanot » 9 feb 2009, 17:49

scanfer ha scritto:
lupobravi ha scritto:in questa orgia di insensate parole, dove la caccia all'untore che dovrebbe risolvere, una volta preso, i problemi del rugby in Italia, riporto una frase del saggio,saggissimo Totò Perugini che ci deve far riflettere tutti quanti e riportarci con i piedi per terra e non dare la caccia alle streghe e alle missioni impossibili, ma considerare il tutto un incidente di percorso e farci trovare pronti già da sabato senza se e senza ma contro l'Irlanda:
La verità - le parole del 31enne pilone dello Stade Toulousain - è che c'è ancora una grossa differenza tra noi e le altre forze del Sei Nazioni. Quando commettiamo qualche errore lo paghiamo caro. Non possiamo pensare di batterci con squadre al nostro stesso livello. Purtroppo occorre volare bassi. Forse negli ultimi anni si è perso il contatto con la realtà, ci serve ancora altro tempo per crescere".
eh no..non sono d'accordo con PERUGINI..adesso tutti i giocatori azzurri sono dei mediocri?
questa è la lista dei partenti di sabato..
ITALIA
15 Andrea MASI (Biarritz Olympique, 44 caps)
14 Kaine ROBERTSON (MPS Viadana, 35 caps)
13 Gonzalo CANALE (Clermont-Auvergne, 42 caps)
12 Gonzalo GARCIA (Cammi Calvisano, 5 caps)
11 Mirco BERGAMASCO (Stade Francais, 56 caps)
10 Andrea MARCATO (Benetton Treviso, 12 caps)
9 Mauro BERGAMASCO (Stade Francais, 69 caps)
8 Sergio PARISSE (Stade Francais, 57 caps) - capitano
7 Alessandro ZANNI (Cammi Calvisano, 26 caps)
6 Josh SOLE (MPS Viadana, 33 caps)
5 Marco BORTOLAMI (Gloucester RFC, 70 caps)
4 Santiago DELLAPE’ (Toulon RC, 52 caps)
3 Martin CASTROGIOVANNI (Leicester Tigers, 54 caps)
2 Fabio ONGARO (Saracens, 59 caps)
1 Salvatore PERUGINI (Stade Toulousain, 55 caps)

10 su 15 giocano all'estero..e tutti in squadre di HC (tranne DELLAPE' che gioca cmq in una squadra come il Toulon costruita per far bene ma che poi ha deluso) e ONGARO (ma i Saracens non sono una squadretta..), altri (come ad es. ZANNI) sono in procinto di trasferirsi all'estero..altri assenti (cito PICONE) anche se giocano in Italia sono secondo me validi..che il nostro movimento sia ridicolo rispetto a quello inglese nessuno lo discute..ma questo gruppo di giocatori a livello individuale mi sembra sia apprezzato anche all'estero..quindi se il risultato dopo neanche 2 anni di gestione NM è che anche i più importanti nostri giocatori si devono piangere addosso allora è stato sbagliato tutto..
ps io sono ottimista di natura..e voglio ricordare come abbiamo iniziato il 6n 2007 (il nostro migliore di sempre): distrutti a Roma dalla Francia 39-3..subendo 5 mete..speremo ben..
Sono d'accordo, il problema vero non credo che sia tanto un allenatore se cerca di improvvisare qualcosa per rendere la squadra piu' compatta, ma l'atteggiamento dei giocatori (e qui puo' anche essere colpa dell'allenatore che non li motiva abbastanza): la nazionale e' composta da giocatori che non saranno fenomeni, non giocheranno titolari nei rispettivi club, ma si tratta dei club piu' blasonati e forti d'europa e quando scendono in campo sembrano svogliati, gia' preparati al peggio senza un minimo di determinazione. Voglio vedere se giocassero cosi' nei rispettivi club: li prenderebbero a calci o li terrebbero senza stipendio.
Il vero problema e' che giochiamo sempre con gli stessi giocatori che evidentemente non sono in grado di dare di piu'. Nel presente la vedo difficile riuscire a fare meglio. Sicuramente e' il caso di cambiare allenatore dei 3/4 in primis: Cariat non e' riuscito a dare un gioco in questo reparto e ormai e' da parecchi anni che allena l'italia.

scanfer
Messaggi: 307
Iscritto il: 15 mar 2006, 0:00
Località: MILANO

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da scanfer » 9 feb 2009, 17:54

Emy77 ha scritto:
scanfer ha scritto:
lupobravi ha scritto:in questa orgia di insensate parole, dove la caccia all'untore che dovrebbe risolvere, una volta preso, i problemi del rugby in Italia, riporto una frase del saggio,saggissimo Totò Perugini che ci deve far riflettere tutti quanti e riportarci con i piedi per terra e non dare la caccia alle streghe e alle missioni impossibili, ma considerare il tutto un incidente di percorso e farci trovare pronti già da sabato senza se e senza ma contro l'Irlanda:
La verità - le parole del 31enne pilone dello Stade Toulousain - è che c'è ancora una grossa differenza tra noi e le altre forze del Sei Nazioni. Quando commettiamo qualche errore lo paghiamo caro. Non possiamo pensare di batterci con squadre al nostro stesso livello. Purtroppo occorre volare bassi. Forse negli ultimi anni si è perso il contatto con la realtà, ci serve ancora altro tempo per crescere".
eh no..non sono d'accordo con PERUGINI..adesso tutti i giocatori azzurri sono dei mediocri?

Non è che sono tutti dei mediocri, ma è una realtà che dal punto di vista dei movimenti che stanno dietro alle nazionali noi ne abbiamo di strada da fare rispetto alle altre nazionali del 6N, sia in termini quantitativi che qualitativi.


Ora però (me compresa) stiamo andando fuori tema: qui si parla delle responsabilità di Mallet e dell'opportunità o meno di sue dimissioni.
ok..ma in campo ci vanno quei 15..

MatR
Messaggi: 211
Iscritto il: 14 nov 2008, 9:32

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da MatR » 9 feb 2009, 18:07

Emy77 ha scritto:

Ora però (me compresa) stiamo andando fuori tema: qui si parla delle responsabilità di Mallet e dell'opportunità o meno di sue dimissioni.
Dimissioni adesso no, come hanno detto anche altri. Ma responsabilità sì, e non sono tanto tecnico-tattiche, quanto psicologiche: in campo ci vanno gli atleti, ma lui gli atleti li sta smontando. Da quando è in Italia non fa che ripetere che siamo da terzo mondo rugbystico, e stanno cominciando a crederci anche i giocatori: credo sia questa la responsabilità vera di Mallett.

Nessuno pretende miracoli da nessuno, nessuno sano di mente pensa di poter vincere al momento attuale più di una partita al 6N, forse due se le circostanze aiutano. Ma da una sana consapevolezza dei propri limiti deve prendere le mosse una realistica costruzione del futuro, non la continua ripetizione del mantra "siete un movimento di brocchi, e io mi sento un dio se riesco a farvi fare una meta a Twickenham".

Dimissioni adesso no: Mallett ha ancora la possibilità di cambiare atteggiamento, di cominciare a parlare alla squadra e della squadra in modo più costruttivo e più rispettoso. Se la capisce, saremo tutti felici di tenercelo fino al 2011. Altrimenti, torni da dove è venuto prima che sia troppo tardi per noi.

scanfer
Messaggi: 307
Iscritto il: 15 mar 2006, 0:00
Località: MILANO

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da scanfer » 9 feb 2009, 18:23

Satiro ha scritto:ma si cacciamo mallett...tanto qua su sto forum ne troviamo a decine di allenatori migliori...
l'allenatore può sbagliare ma in campo ci vanno i giocatori!!!!
e se in campo vanno pippe si perde...anche se le pippe so 5 su 15 SI PERDEEEE
non sono d'accordo..è l'atteggiamento di mallett che non mi sta + bene..perde 3 tm ed è subito pronto a dire che il nostro movimento fa cacare..che i nostri non sono abituati a giocare a certi ritmi (invece ribadisco che quasi tutti giocano all'estero o cmq in HC con squadre italiane..)..fa giocare mauro mm..gettando merda su tutti gli mm italiani..(come fece lo scorso anno su tutti i ma..facendo giocare masi..e poi l'unica partita gliela fa vincere chi? marcato..)..e ora che fa? convoca griffen..e il tutto con una supponenza veramente irritante..e anche a me che ero a twickenham sabato..la cosa che + ha dato fastidio è stato vederlo esultare con quel porco franzoso di cariat alla meta di mirco..

amadigi
Messaggi: 48
Iscritto il: 18 gen 2006, 0:00
Contatta:

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da amadigi » 9 feb 2009, 18:26

CapitanFracassa ha scritto:
lupobravi ha scritto:in questa orgia di insensate parole, dove la caccia all'untore che dovrebbe risolvere, una volta preso, i problemi del rugby in Italia, riporto una frase del saggio,saggissimo Totò Perugini che ci deve far riflettere tutti quanti e riportarci con i piedi per terra e non dare la caccia alle streghe e alle missioni impossibili, ma considerare il tutto un incidente di percorso e farci trovare pronti già da sabato senza se e senza ma contro l'Irlanda:
La verità - le parole del 31enne pilone dello Stade Toulousain - è che c'è ancora una grossa differenza tra noi e le altre forze del Sei Nazioni. Quando commettiamo qualche errore lo paghiamo caro. Non possiamo pensare di batterci con squadre al nostro stesso livello. Purtroppo occorre volare bassi. Forse negli ultimi anni si è perso il contatto con la realtà, ci serve ancora altro tempo per crescere".
Quindi basta con idee insensate come la partecipazione alla Celtic League.
Facciamo crescere il movimento italiano!
quoto con piacere CapitanFracassa, sia per la condivisione di quanto dichiarato da Totò, sia per l' alternativa proposta ad una eventuale partecipazione alla CL.
Costituire una o due selezioni da far partecipare a quel torneo consentirebbe si una crescita del livello dei nostri giocatori, ma di quanti? Secondo me pochini. Differentemente,investire le risorse (persone; denaro; now how; strutture) a propria (della F.I.R.) disposizione per consentire agli ormai tanti settori giovanili di migliorare il loro modo di agire sui giovani rugbisty aumenterebbe esponenzialmente il numero di giocatori ingrado di essere inseriti nel contesto della nazionale maggiore. Questo se l' interesse primario è l' educazione rugbistica (e non solo) dei giovani, altrimenti se la priorità è favorire la vendita dell' ancora modesto rugby made in italy,ben venga la Celtic League..

cioby
Messaggi: 1434
Iscritto il: 6 set 2006, 9:34
Località: Prov. di Brescia

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da cioby » 9 feb 2009, 18:29

Andarsene??... Eccome se deve andarsene, io ero a Londra e abbiamo fatto una figura pietosa per colpa della genialate di Mallet, è ora di finirla con le sue genialate, non ne a mai indovinata una.
La cosa che mi manda in bestia è che c'è un sacco di gente che segue la nazionale all'estero nel 6 nazioni spendendo un pacco di soldi per poi vedere una partita già decisa nei primi 20 minuti...
Sono proprio arrabbiato e dico di più, secondo me, la colpa è enche di MB che si crede Dio e pensa di poter fare qualsiasi ruolo, perchè un qualsiasi umile giocatore avrebbe risposto a Mallett ...- io mediano, ma siamo matti, abbiamo Toniolatti o chiama Griffen...- e poi come si sarà sentito Toniolatti, che si fa il c*** come mediano e quando è il suo momento si inventano una terza mediano???
Per me deve andarsene... questo è ciò che penso.
Ciao

kkarli
Messaggi: 385
Iscritto il: 10 ott 2003, 0:00

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da kkarli » 9 feb 2009, 19:20

yeti ha scritto:Mah, capirei il discorso fatto da KKarli se si trattasse di uno come Kirwan, che non aveva nessuna fama come allenatore e che poteva usare l'Italia come trampolino di lancio per una carriera di allenatore che non è mai decollata. Ma Mallet? Uno che ha giá vinto tanto col Sudafrica e lo Stade Francaise? Che ha deciso di venire in Italia rifiutando la panchina del Galles? Che cosa avrebbe da guadagnarci in termini d'immagine a fare queste figure barbine? E pensate che una volta eventualmente "licenziato" le più grandi nazionali e squadre di club del mondo facciano la fila davanti alla porta di casa sua per accaparrarselo, dopo un 6 nazioni di cacca? Che fine ha fatto Kirwan? E Johnstone? Ci hanno guadagnato dall'essere CT dell'Italia? In ogni caso Eddie Jones a fine stagione lascia i Saracens. Proviamo anche con lui, dai. Tanto si sa già come andrà a finire.
Yeti, in realtà se ti rileggi ti accorgerai che hai già capito. Stai argomentando correttamente, ma non comprendi la differenza fra Mallet e i precedenti allenatori della nostra Nazionale.
Mallet non crede alla Nazionale che allena e ne disprezza il movimento sottostante; piuttosto che lottare contro la tempesta (e cosa si aspettava se non questo guidando l'Italia nel 6 Nazioni?) dà ordini assurdi, per poi dire che la colpa è dell'equipaggio. Kirwan, Johnstone, Berbizier non erano semi-dei alla Mallet, non ci hanno guadagnato nulla, ma nemmeno avevano la necessità di sacrificare qualcosa, qualcuno o molti per il proprio buon nome. Il gioco al massacro dà buoni frutti. Nel calcio, visto che a molti piace fare il paragone, un maestro è Capello.
"Abbiamo vinto", "I ragazzi hanno perso". "Ho ottenuto grandi risultati", "Oggi la squadra non ha girato".
Io non conosco un allenatore d'élite che abbia dichiarato una volta che i suoi giocatori non sono adeguati. Quante volte lo ha fatto Mallet? Le parole di Perugini sono terribili, in pieno 6 Nazioni. E, con tutto il rispetto per chi la pensa differentemente, non sono nemmeno vere. Non così, non con quel concetto espresso in quel modo, frutto della disperazione e della vergogna generate da un presuntuoso che agisce pro domo sua nella Casa del rugby italiano.
Via, subito. Meglio il Bounty che il Titanic.

scanfer
Messaggi: 307
Iscritto il: 15 mar 2006, 0:00
Località: MILANO

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da scanfer » 9 feb 2009, 19:28

kkarli ha scritto:
yeti ha scritto:Mah, capirei il discorso fatto da KKarli se si trattasse di uno come Kirwan, che non aveva nessuna fama come allenatore e che poteva usare l'Italia come trampolino di lancio per una carriera di allenatore che non è mai decollata. Ma Mallet? Uno che ha giá vinto tanto col Sudafrica e lo Stade Francaise? Che ha deciso di venire in Italia rifiutando la panchina del Galles? Che cosa avrebbe da guadagnarci in termini d'immagine a fare queste figure barbine? E pensate che una volta eventualmente "licenziato" le più grandi nazionali e squadre di club del mondo facciano la fila davanti alla porta di casa sua per accaparrarselo, dopo un 6 nazioni di cacca? Che fine ha fatto Kirwan? E Johnstone? Ci hanno guadagnato dall'essere CT dell'Italia? In ogni caso Eddie Jones a fine stagione lascia i Saracens. Proviamo anche con lui, dai. Tanto si sa già come andrà a finire.
Yeti, in realtà se ti rileggi ti accorgerai che hai già capito. Stai argomentando correttamente, ma non comprendi la differenza fra Mallet e i precedenti allenatori della nostra Nazionale.
Mallet non crede alla Nazionale che allena e ne disprezza il movimento sottostante; piuttosto che lottare contro la tempesta (e cosa si aspettava se non questo guidando l'Italia nel 6 Nazioni?) dà ordini assurdi, per poi dire che la colpa è dell'equipaggio. Kirwan, Johnstone, Berbizier non erano semi-dei alla Mallet, non ci hanno guadagnato nulla, ma nemmeno avevano la necessità di sacrificare qualcosa, qualcuno o molti per il proprio buon nome. Il gioco al massacro dà buoni frutti. Nel calcio, visto che a molti piace fare il paragone, un maestro è Capello.
"Abbiamo vinto", "I ragazzi hanno perso". "Ho ottenuto grandi risultati", "Oggi la squadra non ha girato".
Io non conosco un allenatore d'élite che abbia dichiarato una volta che i suoi giocatori non sono adeguati. Quante volte lo ha fatto Mallet? Le parole di Perugini sono terribili, in pieno 6 Nazioni. E, con tutto il rispetto per chi la pensa differentemente, non sono nemmeno vere. Non così, non con quel concetto espresso in quel modo, frutto della disperazione e della vergogna generate da un presuntuoso che agisce pro domo sua nella Casa del rugby italiano.
Via, subito. Meglio il Bounty che il Titanic.
hai centrato quello che secondo me è il punto..non discuto neanche le folli scelte tecniche..ma discuto e non mi sta bene la supponenza e l'arroganza di NM..il suo continuo screditare anche quel poco di buono che ha la nostra nazionale..nessuno ha mai avuto questo atteggiamento prima..e il risultato di questo atteggiamento sono le sconfortanti dichiarazioni di perugini..che non condivido..

Laporte
Messaggi: 8614
Iscritto il: 8 mar 2008, 10:01

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da Laporte » 9 feb 2009, 19:41

scanfer ha scritto:
Satiro ha scritto:ma si cacciamo mallett...tanto qua su sto forum ne troviamo a decine di allenatori migliori...
l'allenatore può sbagliare ma in campo ci vanno i giocatori!!!!
e se in campo vanno pippe si perde...anche se le pippe so 5 su 15 SI PERDEEEE
non sono d'accordo..è l'atteggiamento di mallett che non mi sta + bene..perde 3 tm ed è subito pronto a dire che il nostro movimento fa cacare..che i nostri non sono abituati a giocare a certi ritmi (invece ribadisco che quasi tutti giocano all'estero o cmq in HC con squadre italiane..)..fa giocare mauro mm..gettando merda su tutti gli mm italiani..(come fece lo scorso anno su tutti i ma..facendo giocare masi..e poi l'unica partita gliela fa vincere chi? marcato..)..e ora che fa? convoca griffen..e il tutto con una supponenza veramente irritante..e anche a me che ero a twickenham sabato..la cosa che + ha dato fastidio è stato vederlo esultare con quel porco franzoso di cariat alla meta di mirco..
mancop Johnstone aveva sputatocosì nel piatto dove mangiava

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da EmmePi » 9 feb 2009, 19:49

Va bene, ma quelle cose le hanno pensate tutti i tecnici che abbiamo avuto, solo che nessuno le diceva.
Adesso si dice che l'unico sistema per far crescere "il movimento" sia la partecipazione alla Celtic League e sembra una grande novità.

In una cena con Kirwan quando era allenatore della nazionale ricordo che disse che con il nostro campionato non si sarebbe andati avanti, che lui avrebbe preso i primi 4 club italiani, li avrebbe sovvenzionati tramite la FIR e li avrebbe fatti partecipare al campionato francese.
Più o meno quello che dice adesso Mallett
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

Laporte
Messaggi: 8614
Iscritto il: 8 mar 2008, 10:01

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da Laporte » 9 feb 2009, 20:00

Mettiamoci d'accordo: siamo una nazionale che punta a vincere i mondiali del 2011 ?
O ancora siamo una squadra che può barattare 4 anni di fiugre barbine per giocare una partita in più ai mondiali ?

Se SI' teniamoci questo "allenatore", guardiamo la nazionale fare figure del menga del genere, sperando che prima o poi lo scienziato pazzo trovi una genialata che funzioni.

Se NO, se il Sei nazioni è il vero nostro mondiale, non possiamo andare avanti così rischiamo 4 anni di figure barbine senza la garanzia non solo di entrare tra i primi 8 , ma neppure di restare tra le prime 12. Finire come è finita Samoa, e come avrebbe meritato l'Irlanda (ossia di finire 4° nel girone) non è una cosa impossibile. E di relegare il rugby di nuov a sport da deficenti come era alla fine deglianni '80.

Qui sta la discriminante.

yeti
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 apr 2003, 0:00
Località: Saarbruecken (Germania)

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da yeti » 9 feb 2009, 20:03

Io però non capisco: arriva Kirwan e dice "siamo fortissimi, in cinque anni vinciamo il 6 nazioni". Sul sito (e non solo) all'epoca (ahimé sono uno dei vecchi, ne ho visto di acqua scorrere, e posso dire che non c'é nulla di nuovo sotto il sole) si scatena la caccia allo spaccone: "come fa a dire una cosa del genere?", "ma ha visto con che gente giochiamo?", "Ma ha visto il nostro campionato?", "Ma Stoica mica è Gareth Thomas", "Ma Pez di qui" "Ma Mirko Bergamasco che invece di placcare perquisisce Harynordoqui" "Ma vi sembra che Bortolami sia una seconda? Mica è Johnson!", "bisogna restare con i piedi per terra", "il nostro movimento non é paragonabile". Benissimo. Arriva BBz. Fantastico. Diventeremo dei fuoriclasse. A leggere qui ora sembra che BBz abbia capito tutto perfettamente. Non ha sbagliato nulla. Non ha detto che siamo i più forti, ma non ha detto neanche che siamo delle mezze calzette. Avrà forse detto che cercherà di raccogliere risultati con quello che ha? Avrà detto di tirare fuori il meglio dai giocatori a disposizione? A questo punto mi chiedo se abbia mai detto qualcosa. Fattosta che è stato giubilato anche lui. Per i pessimi risultati? Per le spaccature nello spogliatoio? per aver fatto giocare Pez invece di Scanavacca? per aver messo Bortolussi a 15 che fa schifo lasciando fuori chissá quali campioni del super10? per aver portato Wosawai ai mondiali (vi ricordate? Wosawai! WOSAWAI!!!!!)? Per aver detto a Dondi che le Jaguar fanno schifo e che le Peugeot sono meglio? Non so. Qualcuno mi spieghi perché BBz é stato esonerato. E qualcuno mi spieghi perché a un certo punto tutti volevano che fosse esonerato.
Arriva Mallet: dall'inizio predica di stare con i piedi per terra. Dice che ci sono cose buone, che ci sono buoni giocatori, anzi ottimi in certi reparti, ma dice anche che ci sono cose che non vanno, che ci sono vuoti difficili da colmare in altri settori. Non ha promesso mari e monti, dice le cose come stanno, anzi, lo dice in maniera fin troppo diplomatica: dice che il nostro movimento non è in grado di produrre giocatori di valore internazionale nei ruoli chiave dove siamo carenti. Dice che forse riusciremo a vincere una partita, due sarebbe un lusso. Risultato? Ecco uno che spala merda sui giocatori, sul movimento, non è vero che siamo inferiori agli altri, anzi, abbiamo fior di giocatori fortissimi a 9 a 10 che giocano in serie A, così si demoralizza la squadra.
Insomma, mi viene in mente quel passaggio dei Vangeli in cui Gesù apostrofa i farisei: "Giovanni il Battista digiuna e fa penitenze e voi dite: è indemoniato. Io non faccio digiuni e penitenze: ecco un beone e un crapulone!".
Come finirá? Prenderemo un altro allenatore, armati di mille speranze. Siccome nessuno ha il dono dell'infallibilità, comincierà a fare cappelle pure lui, e alla fine dopo due anni manderemo a quel paese anche lui. E comincieremo a dire: "Ah, certo che almeno quando c'era Mallet....".

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da EmmePi » 9 feb 2009, 20:09

kkarli ha scritto:
yeti ha scritto:Mah, capirei il discorso fatto da KKarli se si trattasse di uno come Kirwan, che non aveva nessuna fama come allenatore...
Mallet non crede alla Nazionale che allena e ne disprezza il movimento sottostante; piuttosto che lottare contro la tempesta (e cosa si aspettava se non questo guidando l'Italia nel 6 Nazioni?) dà ordini assurdi, per poi dire che la colpa è dell'equipaggio. Kirwan, Johnstone, Berbizier non erano semi-dei alla Mallet...
Beh Johnstone era diventato famoso per aver detto che i nostri giocatori erano dei mammoni che dopo trenta secondi dalla partenza del pullmann erano tutti già attaccati ai telefonini. E' quello che ha mandato a casa Scanavacca perchè aveva paura degli scarafaggi (e soprattutto l'ha sputtanato davanti alla stampa)...
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

tonione
Messaggi: 4043
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da tonione » 9 feb 2009, 20:18

al termine del 6 nazioni Mallet dovrà porsi la domanda: perchè restare?

ma adesso dimettersi sarebbe una grave inadempienza. troppo comodo. cosa vuol dire mi assumo le responsabilità di Mauro a 9? che cammina scalzo sulle braci ardenti? che ce ne frega. assumersi le responsabilità vuol dire rimanere migliorando la situazione di merda che si è venuta a creare. questo lo deve fare, se assumersi le responsabilità vuol dire ancora qualcosa di concreto. altrimenti vuol dire che questo cospargimento di cenere sul capo è solo un mal di testa da cacciare via in qualche modo. dimettendosi in pieno 6 nazioni. e no. se ti assumi delle responsabilità devi anche subire delle conseguenze, reggerle e andare avanti. altrimenti è troppo facile.

tonione
Messaggi: 4043
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: Ma dimettersi?

Messaggio da tonione » 9 feb 2009, 20:53

"Qualcuno mi spieghi perché BBz é stato esonerato." ricordo una dimissione anticipata pre-mondiale, non un esonero.

fattosta, bello fattosta ma io ci metterei l'accento alla fine. fattostà che una delle difficoltà del nostro movimento è proprio il continuo avvicendarsi degli allenatori della nazionale che ha comportato, nel tempo, una confusione totale nella capacità di individuare le abilità da trasferire e ricercare nei giocatori. allenatori che guardano tabelle excel per vedere se il giocatore è dentro o fuori i paramentri fisici. perchè se è fuori è escluso. allenatori che spostano i giocatori da un ruolo all'altro come si spostano le pedine nella scacchiera ovvero calcolando vantaggi e svantaggi nel modo di deep blue. ma cazio sono giocatori non pedine.allenatori che potrebbero essere sostituiti da un computer. allenatori che non hanno una scuola propria che non sia quella dei club. un marasma.

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”