Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Rugby-Tv
Messaggi: 4438
Iscritto il: 25 mag 2006, 12:07
Località: Treviso

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da Rugby-Tv » 16 ott 2009, 14:18

MatR ha scritto:Non fai impresa se non hai passione. Alla base del successo di un imprenditore - laddove per successo intendiamo la costruzione di un'azienda di qualsivoglia dimensione e il suo mantenimento in buona salute nel tempo - ci sono sicuramente numerosi fattori, diversi dei quali imprescindibili e comuni a tutti. Uno di questi imprescindibili è la "passione". La passione in senso lato, in senso astratto: la voglia e la passione nel costruire una realtà, un "qualcosa", con riferimento a una particolare branca dell'agire umano.
Perché Enzo Ferrari è una leggenda? Perché, come lui stesso diceva, "la Ferrari non è un'automobile: è un sogno". Il suo sogno. Che lui ha saputo calare dal romantico mondo degli angioletti sospirosi, e unendo passione con sano pragmatismo, unendo un ideale con la capacità di stare con i piedi per terra e fare i conti con la dura e cinica realtà, ha costruito quello che è sotto gli occhi di tutti.
Io non conosco la storia dei Benetton specificamente, ma conosco un numero sufficiente di piccoli e grandi imprenditori da essere convinto che la storia vale per tutti, in queste cose. Nessuno di noi sta dentro la testa (ed il cuore) dei signori Benetton, e quindi nessuno di noi ha il diritto di usare il bilancino e il righello per separare la quantità di passione genuina e la quantità di freddo calcolo: sono convinto che esistano entrambe le cose, in entrambi gli ambiti - quello prettamente industriale dei maglioni e quello più sportivo del volley, basket, rugby... Quindi credo che la discussione non abbia vie di uscita: probabilmente se chiediamo a Benetton di spiegarci dove finisce la sua passione e dove comincia il calcolo, lui non saprebbe rispondere.
L'analisi di Ellis è oggettivamente inoppugnabile: che avere successo nello sport porti un ritorno nell'industria è un fatto acclarato e condiviso da tutti.

Lo fanno per passione o per calcolo? Io credo che il discrimine compaia proprio qui: c'è chi lo fa senza metterci l'anima, per freddo calcolo, e in genere questo tipo di imprenditori fa una brutta fine, foss'anche solo sportivamente parlando. Perché in ogni caso, se fai qualcosa senza crederci fino in fondo, alla fine è più facile che fallisca piuttosto che ti vada bene.
Ma se la domanda è: passione per il rugby o passione per il soldo o passione per il proprio ego? Non lo so, credo non lo sappiano nemmeno loro (i Benetton dico), e sinceramente credo che nemmeno ci possa e ci debba interessare. A me personalmente, perlomeno, frega poco: io guardo ai risultati effettivi. E sulla base di questi, capisco che i trevigiani abbiano verso i Benetton l'atteggiamento che vediamo anche in questo forum.

E sia chiaro: con tutto ciò non intendo assolutamente dire che i Benetton debbano essere santificati. Sono tutt'altro che verginelle. Ma il punto è: a noi ci cambia qualcosa?
TI STRAQUOTO.

delay
Messaggi: 1332
Iscritto il: 6 feb 2006, 0:00

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da delay » 16 ott 2009, 14:46

Rugby-Tv ha scritto: Mi spiegheresti, per cortesia, quali sarebbero tutti questi ritorni nel rugby?
parliamo in linea generale , facciamo cosiì "teorica" per evitare problemi :
dato che sponsorizzare in generale non porta reali vantaggi di immagine..
quelli veri.. innanzituttio puoi scaricare dalle tasse la somma investita , se poi trovi il giusto sistema (ti piace vincere facile), i soldi non solo non li hai tassati ma puoi farli sparire in maniera anche moooooooolto semplice , grazie ad accordi ad esempio tra procuratori ( giocatori ), dirigenza delle squadre e sponsor puoi far sparire fino al 50% della somma dichiarata , cosi che non solo non paghi le tasse ma fai sparire , tramite triangolazione i soldi all'estero ed è anche facile , grazie alle normative di molti paesi risultare pulitisssimi... IN PARTE come nel caso in cui è INDAGATA (tutti innocenti fino a che non viene verificato il contrario) proprio la benetton
.. ovviamente i discorsi del genere sono validi solo per cifre definiamole di importanza anche solo medio alta, per 30.000 euro non vale neanche la pena pensarlo un giro del genere visto il rapporto costo/rischio
Sembra Talco Ma Non È..
stamo a giocà co la proidiotialleluia ...c'ho un bizantinismo nell'orbe terracqueo..

AINDA
Messaggi: 722
Iscritto il: 20 giu 2009, 14:51
Località: MISCHIA

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da AINDA » 16 ott 2009, 14:52

dimenticate tutti una cosa fondamentale: luciano benetton è un grande appassionato di rugby da sempre, questa è la ragione principale del suo coinvolgimento in questo sport. se gestisce una società sportiva con capacità e competenza aziendale ottenendo risultati, che non sono solo le vittorie sul campo, ma anche la costruzione di un progetto a più ampio respiro, vogliamo fargliene una colpa?
per me è una qualità. ovvio che abbia anche dei ritorni, ma resta il fatto che continua ad investire in questo sport dimostrando capacità e soprattutto progettualità
qual'è il gruppo che in italia gestisce da anni tre realtà (rugby, volley, basket) con successo?
AINDA
------------
"La rivoluzione è un atto di violenza" Sergio Parisse

kkarli
Messaggi: 385
Iscritto il: 10 ott 2003, 0:00

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da kkarli » 16 ott 2009, 15:00

delay ha scritto: parliamo in linea generale , facciamo cosiì "teorica" per evitare problemi :
dato che sponsorizzare in generale non porta reali vantaggi di immagine..
quelli veri.. innanzituttio puoi scaricare dalle tasse la somma investita , se poi trovi il giusto sistema (ti piace vincere facile), i soldi non solo non li hai tassati ma puoi farli sparire in maniera anche moooooooolto semplice , grazie ad accordi ad esempio tra procuratori ( giocatori ), dirigenza delle squadre e sponsor puoi far sparire fino al 50% della somma dichiarata , cosi che non solo non paghi le tasse ma fai sparire , tramite triangolazione i soldi all'estero ed è anche facile , grazie alle normative di molti paesi risultare pulitisssimi... IN PARTE come nel caso in cui è INDAGATA (tutti innocenti fino a che non viene verificato il contrario) proprio la benetton
.. ovviamente i discorsi del genere sono validi solo per cifre definiamole di importanza anche solo medio alta, per 30.000 euro non vale neanche la pena pensarlo un giro del genere visto il rapporto costo/rischio
Lo vedi delay? Questi sono, e parlo per me, gli interventi che mi fanno girare le palle. Si cerca di ragionare, di dare una chiave di lettura, e arriva questo intervento.
Carissimo, questo è letame. Cacca. Talking shit.
Un misto di disinformazione (sono almeno 10 anni che non si possono più detrarre fiscalmente le sponsorizzazioni sportive), illazioni (ipotizzi questi reati: false fatturazioni, falso in bilancio, false comunicazioni, riciclaggio), imprecisioni (non c'è nessuna INDAGINE: c'è un accertamento della AdE che, come spero sia noto, è un'affermazione unilaterale, e soprattutto non ha nessuna implicazione né civile, né penale di per sé).

Ho appena finito di dirlo, e te lo dico in faccia. A me di difendere Benetton non importa nulla, ma avere di questi pregiudizi sulla figura degli imprenditori (perché tu suggerisci smaccatamente che "così si fa, capisci a me") è un problema, un ritardo culturale, un malvezzo e una dimostrazione di ignoranza sulla vera natura dell'imprenditoria italiana. Quando poi, a causa solo e soltanto di questo ritardo incredibile (letteralmente, difficile da credere nel 2009 in un paese che si basa sull'imprenditoria) ritardo culturale, si resta con le mosche in mano come è accaduto a Roma, se anziché riflettere sulle ragioni di un fallimento di impresa si fanno gli occhiolini e ci si dà di gomito (in linea teorica però, perché il sasso si tira ma la mano si nasconde sempre, vero?), si finisce per risultare patetici.

E ora arrabbiati pure, ma anche tu, prima, guardati intorno: qui si cercava di ragionare con pacatezza, e sei arrivato a suggerirci che in fondo sia tutto legato a 4 o 5 reati, e un po' di evasione fiscale. Io questa solfa l'ho già sentita e, credimi, alla centesima reiterazione in ogni ambito comincia a stufare per quanto puzza di stantio.

Senza rancore.

ItalianRugbyFriends
Messaggi: 3322
Iscritto il: 13 mar 2006, 0:00
Località: Milano
Contatta:

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da ItalianRugbyFriends » 16 ott 2009, 15:45

kkarli ha scritto:Un misto di disinformazione (sono almeno 10 anni che non si possono più detrarre fiscalmente le sponsorizzazioni sportive)


Mi trovi la legge che lo dice. Perché conosco un'azienda che sponsorizza diverse società sportive nella sua zona e NON lo fa per amore dello sport. O meglio, uno sport sì, è quello del bigboss, ma gli altri servono solo ad avere agevolazioni fiscali. Me lo ha detto lui stesso. L'anno scorso, non dieci anni fa...
Duccio

Rugby1823 - il mondo della palla ovale
http://rugby1823.blogosfere.it/

Umaga4ever
Messaggi: 1447
Iscritto il: 3 nov 2005, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da Umaga4ever » 16 ott 2009, 15:53

ItalianRugbyFriends ha scritto:
kkarli ha scritto:Un misto di disinformazione (sono almeno 10 anni che non si possono più detrarre fiscalmente le sponsorizzazioni sportive)


Mi trovi la legge che lo dice. Perché conosco un'azienda che sponsorizza diverse società sportive nella sua zona e NON lo fa per amore dello sport. O meglio, uno sport sì, è quello del bigboss, ma gli altri servono solo ad avere agevolazioni fiscali. Me lo ha detto lui stesso. L'anno scorso, non dieci anni fa...
La legge l'hanno fatta i santi benetton da Treviso... :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

kkarli, se vuoi ti dò tutte le dritte sulle sponsorizzazioni alle società e associazioni sportive, ovviamente dietro compenso... :-] :-] :-] :-]
http://www.villarugby.it
Keynes ha scritto:Il moltiplicatore è un'opportunità

IlVermicida
Messaggi: 1532
Iscritto il: 30 nov 2007, 18:35

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da IlVermicida » 16 ott 2009, 16:02

Due pagine sui Benetton in un 3D dedicato a Roma e al rischio di perdere il rugby importante, se al posto di Roma c'era Treviso scrivevate la Divina :? Commedia? :|

Gotrek
Messaggi: 292
Iscritto il: 5 apr 2004, 0:00

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da Gotrek » 16 ott 2009, 16:03

Non capisco come mai ogni volta che si toccano argomenti che toccano Roma-Rugby si prosegue con Roma-Rugby-Benetton e si finisca ai soliti litigi sterili.

Mio padre scherzando amava dire "dove non c'è guadagno la rimissione è certa" e secondo me è una verita del capitalismo. Partendo da questa base credo che il sig. Benetton come anche i padrn della ROma RUgby oltre ad una possibile e gredibile passione per lo sport abbia un tornaconto (immagine, soldi o altro) dal Benetton Treviso che sicuramente crescerà con la CL. Altrimenti come spiegare una guerra senza quartiere tra Roma e Treviso per la CL? Io all' idea del bene del movimento non ci credo tanto.
L'unica differenza sostanziale credo è che la mancata CL per propietari della ROma crea un mancato guadagno che l' attuale stato del rugby italiano non gli permette di ammortizzare, quindi pensano di ritirarsi dal rugby. Pensandoci bene credo che lo stesso discorso valga anche se in misura diversa per Benetton che ha fatto "carte false" per uscire dal s10 e andare in una realtà diversa

Umaga4ever
Messaggi: 1447
Iscritto il: 3 nov 2005, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da Umaga4ever » 16 ott 2009, 16:15

Comunque questo topic è nato sbagliato, perchè si è generalizzato un pò troppo. Il rugby a Roma NON è solo Abbondanza, se Abbondanza lascia NON chiude la Rugby Roma come non ha chiuso prima.
Ora continuate a scannarvi che mi sono rotto altamente i c******* di discutere con certa gente che da una parte non ci sente proprio.


P.s.: come è nato male è proseguito peggio.
http://www.villarugby.it
Keynes ha scritto:Il moltiplicatore è un'opportunità

kkarli
Messaggi: 385
Iscritto il: 10 ott 2003, 0:00

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da kkarli » 16 ott 2009, 16:18

Al momento, la legge che regola le sponsorizzazioni sportive è la 289/2002.
Di fatto, le spese di sponsorizzazione sono assimiliate a spese di pubblicità. Esiste, oltre a un limite annuo di deducibilità, una valutazione di plausibilità dell'importo. Il limite massimo è comunque di 200.000 euro per esercizio.
Lo ribadisco: ti do un milione e deduco un milione, stile "anni '80", non esiste più. Poi, se qualcuno ci marcia torniamo a quanto sopra: un conto è dire che qualcuno lo fa, un conto è "capisci a me". E il problema è sempre quello... Il fatto che esistano i taccheggiatori, evidentemente, induce qualcuno a pensare che un po' tutti rubano al supermercato. Non è vero, e non ha rilevanza dire: adesso ti insegno come si fa. Male se lo sai, peggio se lo insegni.
Il topic stava andando benone, faccio notare, prima di venire, come sempre, buttato in vacca sui presunti reati di Benetton (e ancora nessuno ha parlato di autostrade). Tanti saluti.

Umaga4ever
Messaggi: 1447
Iscritto il: 3 nov 2005, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da Umaga4ever » 16 ott 2009, 16:32

kkarli ha scritto:Al momento, la legge che regola le sponsorizzazioni sportive è la 289/2002.
Di fatto, le spese di sponsorizzazione sono assimiliate a spese di pubblicità. Esiste, oltre a un limite annuo di deducibilità, una valutazione di plausibilità dell'importo. Il limite massimo è comunque di 200.000 euro per esercizio.
Lo ribadisco: ti do un milione e deduco un milione, stile "anni '80", non esiste più. Poi, se qualcuno ci marcia torniamo a quanto sopra: un conto è dire che qualcuno lo fa, un conto è "capisci a me". E il problema è sempre quello... Il fatto che esistano i taccheggiatori, evidentemente, induce qualcuno a pensare che un po' tutti rubano al supermercato. Non è vero, e non ha rilevanza dire: adesso ti insegno come si fa. Male se lo sai, peggio se lo insegni.
Il topic stava andando benone, faccio notare, prima di venire, come sempre, buttato in vacca sui presunti reati di Benetton (e ancora nessuno ha parlato di autostrade). Tanti saluti.

Senti, e la chiudo sul serio, i presunti reati di cui parli sono degli accertamenti effettuati dall'agenzia delle entrate che per quanto di parte ti possa sembrare è sempre lo stato. Se i Benetton con le sponsorizzazioni hanno effettuato delle operazioni di elusione fiscale lo stabilirà qualcun'altro, il punto è che non sono angeli.
Sul discorso delle sponsorizzazioni ti potrei fare una consulenza di tre ore e farti ricredere di quello che hai scritto; tu ragioni, magari a ben vedere, come il negoziante sotto casa mia, la realtà delle grosse società è un pochino più complessa e i modi per eludere una norma fiscale sono talmente tanti e variegati che non si possono riassumere in poche righe, sappi che ci sono e ci si guadagna abbastanza.
Stammi bene.
http://www.villarugby.it
Keynes ha scritto:Il moltiplicatore è un'opportunità

jaco
Messaggi: 7003
Iscritto il: 5 feb 2003, 0:00
Località: san donà di piave

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da jaco » 16 ott 2009, 17:21

A parte ciò che dice sulla presunta antitesi tra cattolicesimo e passione (OT visione assolutamente deviata di ciò che veramente è il cattolicesimo OT), devo accodarmi a quanto detto da kkarli.
Poi volevo chiarire cosa intendevo dire quando parlvao di mancato ritorno.
Partendo dal presupposto che non voglio santificare nessuno (tanto meno i Benetton) credo sia giusto sottolineare come Benetton abbia preso in mano la squadra a fine anni 70 quando il rugby non se lo filava nessuno (a parte in determinate e ben conosciute aree, peraltro all'epoca in gran parte depresse "obiettivo 5" :| ) ed era ben lungi dal diventare un possibile veicolo anche solo di "marketing". Vogliamo almeno riconoscergli che per 20-25 anni al di là di possibili detrazioni fiscali (ma scusate, perchè anche altri non l'hanno fatto se era così tanto conveniente?) si è ciucciato un osso senza un po' di polpa? O non si può dire perchè i Benetton (come tutti i ricchi imprenditori, specie del nordest) sono brutti, sporchi, cattivi ed evasori a prescindere?
Benetton non fa della beneficienza, è chiaro. Ma è da trent'anni in questo sport (anche se potrebbe vivere benissimo senza) mentre altri magnati sono scappati dopo pochi anni... forse un motivo ci sarà...

A chi mi da del "Ghedini" dico che non mi offende affatto (è un ottimo avvocato), ma dice una vaccata: un sandonatese che non parla male di Treviso e dei Benetton lo fa solo se costretto dall'evidenza, non certo per una simpatia congenita nè tantomeno per leccaculaggine...

parabellum2
Messaggi: 880
Iscritto il: 24 mar 2009, 13:35
Località: Roma

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da parabellum2 » 16 ott 2009, 19:54

Avevo giurato di non intervenire + sull'argomento, ma non resisto.
Partiamo da questo assunto: chi investe nello sport non lo fa certo per "beneficienza" in senso stretto", lo fa spesso per passione e eventuali vantaggi fiscali, a volte solo per i vantaggi fiscali.
Per me i Benetton appartengono alla prima categoria, almeno per ciò che concerne il rugby a Treviso: la vera sponsorizzazione e il vero ritorno d'immagine lo hanno avuto semmai con il basket e la pallavolo, due sport che, non ho paura di dire inesattezze, sono molto + seguiti del rugby in Italia.
Basandosi un pò sui fatti: investono nel rugby da circa 30 anni, vuoi che per loro quello che ci investono siano bruscolini (si fa per dire), vuoi che nel calcio non sarebbe possibile (nessuno ha mai avuto 30 anni di proprietà di una squadra di alto livello, vabbè gli Agnelli li escludo perchè di tasca loro penso ci abbiano sempre messo ben poco, come per la FIAT)...hanno cmq investito per 30 anni senza avere guadagni di grosso rilievo(semmai penso abbiano avuto qualche perdita). Di questo gli va datto atto senza dubbio. Hanno organizzato un centro sportivo coi fiochhi, ai primi posti non solo per la realtà italiana, hanno dato continuità ad un progetto e almeno in Italia ne hanno raccolto i frutti a suon di vittorie.
Benchè, in totale OT, per me siano persone di dubbia moralità come tanti altri imprenditori (e non solo del Nord Est, per carità ne siamo pieni), e ovviamente non parlerò di ciò che gli posso imputare perchè non è la sede adatta questa, non posso negare che nel rugby abbiano dei meriti grossi.

Sul discorso Abbondanza, beh, ha preso in mano Roma sul lastrico e l'ha riportata nella massima serie, di questo bisogna dargli atto. Evidentemente però, se ritiene che il rugby a livello di futuro super12 non possa fruttargli un qualunque tipo di ricavo (cittadella del rugby etc), non posso biasimarlo se vuole farsi da parte, anche se fa riflettere su quanto poi il rugby rappresenti per lui un investimento dettato dalla passione. Il rugby a Roma sopravviverà lo stesso.

PS : trattasi di considerazioni personali, ovviamente sarei lieto di vedere un imprenditore che investa a fondo perduto spinto solo dalla passione, ma non mi faccio illusioni
L'Olimpico per il rugby? Ma non si gioca con le mani???
Si gioca con le mani, coi piedi, con la testa e con il cuore

magopiccolo
Messaggi: 212
Iscritto il: 22 mar 2005, 0:00

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da magopiccolo » 16 ott 2009, 19:58

La Benettton basket è statta l'unica società(da quest'anno anche AJ Olimpia Milano) a non stipulare contratti d'immagine che consentono di non pagare circa il 40% di tasse, contratti comunque legali. Alcune socetà si spingono oltre e fanno i doppi contratti, uno basso da depositare, e uno in nero più sostanzioso.
"Bè potrei anche fare altre cose, ad esempio mi occupo di magia, si sono un mago, potrei sempre scopare nel tempo libero!"

blackjack
Messaggi: 1146
Iscritto il: 15 ott 2007, 20:37

Re: Crisi Capitale - Roma rischia di perdere l'eccellenza ovale

Messaggio da blackjack » 16 ott 2009, 21:16

Come al solito quoto parabellum, che conosce molte cose sul rugby romano (vedi quando racconta degli allenamenti di Scanavacca e Pez nel 2001) e fa una corretta analisi sui Benetton, che non lo fanno solo per soldi o scarichi fiscali (ma anche quello ci sta).
Osservo che qualcuno in materia di sponsorizzazioni è riuscito a dire prima bianco e poi grigio antracite in pochi post .
Tornando alla situazione del rugby romano, mi sembra che il post non dica che sparirà il rugby a Roma, ma solo che rischia di perdere l'eccellenza e di finire come tante altre realtà del centrosud.
E su questa questione non c'è confronto, è così.
Ma, a mio sommesso avviso, anche se il 6N rimanesse eternamente a Roma non cambierebbe praticamente nulla.
Nessun appassionato episodico romano viene a vedere il 6N al Flaminio per la banale ragione che i biglietti sono finiti ben prima di due settimane prima, e li comprano stranieri o romani fidelizzati o italiani fidelizzati, o bagarini.
In sostanza il Flaminio (di cui non sto a discettare di pregi, difetti e mancati adeguamenti) non crea indotto per il rugby romano allargato, rimane un bell'evento nazionale concentrato in due-tre sabati ed amen.
E torniamo al punto di partenza.
"Qui ognuno festeggia il suo 17 giugno"

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”