6 nazioni under 20 2010

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

grubber
Messaggi: 2039
Iscritto il: 17 lug 2009, 16:55

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da grubber » 8 feb 2010, 22:21

...per poi tornarsene a casa quest'anno... :roll:
"Va bene ...stordito ! Appuntamento a Bologna ! 5 azioni in attacco e 5 in difesa a 5 metri dalla linea di meta senza scartare e senza cambi di direzione...dritto per dritto ...chi perde alla fine della serie fuori a vita dal forum ..ce le hai le palle per accettare o scapperai ancora ?...I miei bimbi ...chiedono la tua testa .." (Un simpatico utente del forum)

Il vantaggio di essere intelligente è che puoi sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile

tonione
Messaggi: 4548
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da tonione » 8 feb 2010, 22:50

a casa...non è tornato a casa. è venuto dalle tue parti grubber.

Avatar utente
PiVi1962
Messaggi: 2795
Iscritto il: 11 mar 2004, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da PiVi1962 » 8 feb 2010, 23:02

Scrivo il commento personale prima di leggere gli altri.

L'Italia Under 20 è stata semplicemente, letteralmente, di una categoria inferiore.
L'Irlanda giocava a 100 all'ora, l'Italia a 90.
Gli unici giocatori che avrebbero potuto fare da riserva a qualche irlandese sono i numeri 1, 9 e 10.
E il bello è che un solo giocatore dell'Irlanda (il numero 13) è apparso un potenziale campione, gli altri sembravano solamente meglio allenati al ritmo ed all'intensità dell'incontro.

E' chiaro che le tabelle d'allenamento devono essere riviste radicalmente, perché se i giocatori non hanno nelle gambe e nella testa il ritmo partita richiesto dal rugby a questo livello, allora non ci potrà essere mai confronto.

parega
Messaggi: 1275
Iscritto il: 25 lug 2004, 0:00
Località: rr
Contatta:

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da parega » 8 feb 2010, 23:40

PiVi1962 ha scritto :
L'Italia Under 20 è stata semplicemente, letteralmente, di una categoria inferiore.
L'Irlanda giocava a 100 all'ora, l'Italia a 90.
Gli unici giocatori che avrebbero potuto fare da riserva a qualche irlandese sono i numeri 1, 9 e 10.
E il bello è che un solo giocatore dell'Irlanda (il numero 13) è apparso un potenziale campione, gli altri sembravano solamente meglio allenati al ritmo ed all'intensità dell'incontro.

E' chiaro che le tabelle d'allenamento devono essere riviste radicalmente, perché se i giocatori non hanno nelle gambe e nella testa il ritmo partita richiesto dal rugby a questo livello, allora non ci potrà essere mai confronto.
straquotone , ci hanno massacrato sul ritmo giocatori lenti , grossi e lenti , tecnicamene inferiori , non abbiamo nessuna qualita' di quelle che ci volgiono a questo livello
e questi giocatori dovrebbero arrivare in prima squadra ?
andiamo bene

grubber
Messaggi: 2039
Iscritto il: 17 lug 2009, 16:55

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da grubber » 9 feb 2010, 0:15

parega ha scritto:
PiVi1962 ha scritto :
L'Italia Under 20 è stata semplicemente, letteralmente, di una categoria inferiore.
L'Irlanda giocava a 100 all'ora, l'Italia a 90.
Gli unici giocatori che avrebbero potuto fare da riserva a qualche irlandese sono i numeri 1, 9 e 10.
E il bello è che un solo giocatore dell'Irlanda (il numero 13) è apparso un potenziale campione, gli altri sembravano solamente meglio allenati al ritmo ed all'intensità dell'incontro.

E' chiaro che le tabelle d'allenamento devono essere riviste radicalmente, perché se i giocatori non hanno nelle gambe e nella testa il ritmo partita richiesto dal rugby a questo livello, allora non ci potrà essere mai confronto.
straquotone , ci hanno massacrato sul ritmo giocatori lenti , grossi e lenti , tecnicamene inferiori , non abbiamo nessuna qualita' di quelle che ci volgiono a questo livello
e questi giocatori dovrebbero arrivare in prima squadra ?
andiamo bene
Immagino me stesso a 20 anni, pensare di investire la mia vita sul rugby e dopo anni di c..i così in allenamento sentirmi dire cose come quelle che sileggono qui... bah...
Speriamo che non frequentino il forum.
"Va bene ...stordito ! Appuntamento a Bologna ! 5 azioni in attacco e 5 in difesa a 5 metri dalla linea di meta senza scartare e senza cambi di direzione...dritto per dritto ...chi perde alla fine della serie fuori a vita dal forum ..ce le hai le palle per accettare o scapperai ancora ?...I miei bimbi ...chiedono la tua testa .." (Un simpatico utente del forum)

Il vantaggio di essere intelligente è che puoi sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile

newrunner
Messaggi: 976
Iscritto il: 6 giu 2008, 20:01
Località: terre di mezzo

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da newrunner » 9 feb 2010, 1:27

Terzapilone ha scritto:Tanto per chiarire: non'e' scritto da nessuna parte che i frequentatori dell'accademia siano il meglio del rugby italiano.

Sono soltanto quelli che hanno accettato di andarci.

La cosa grave e' che chi la rifiuta non viene piu' considerato.
NOOOOOOO! Ma Va ! Dai vuoi dire che l'Antimafia deve farsi un giretto a Roma ??? :rotfl: :rotfl: :rotfl:
Ma scusa ...con nessun guadagno ...nè di risultati od onore in campo che reato hanno commesso ? Ah ..ho capito ...quello di ingrossare fisici senza insegnarli i fondamentali e buttarli in campo a rimediare figuracce ...se non fossero over 18 ...sarebbe da Telefono azzurro ....senza riferimento al colore della maglia nazionale ...tanto vilipesa.... :-]

TommyHowlett
Messaggi: 3629
Iscritto il: 7 apr 2004, 0:00
Località: Porto Viro

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da TommyHowlett » 9 feb 2010, 8:13

PiVi1962 ha scritto: ...
L'Irlanda giocava a 100 all'ora, l'Italia a 90.
Gli unici giocatori che avrebbero potuto fare da riserva a qualche irlandese sono i numeri 1, 9 e 10.
E il bello è che un solo giocatore dell'Irlanda (il numero 13) è apparso un potenziale campione, gli altri sembravano solamente meglio allenati al ritmo ed all'intensità dell'incontro.

E' chiaro che le tabelle d'allenamento devono essere riviste radicalmente, perché se i giocatori non hanno nelle gambe e nella testa il ritmo partita richiesto dal rugby a questo livello, allora non ci potrà essere mai confronto.
Magari avessero giocato ai 90 all'ora. L'impressione mia è che andassero al massimo ai 30... Ma il problema, oltre all'abitudine a ritmi nettamente differenti, è che alla nostra nazionale sono mancati un sacco di fondamentali che a 19 anni dovrebbero quantomeno essere appresi; parlo dei placcaggi efficaci, dei calci di spostamento e di liberazione, del sostegno. In più siamo stati penosamente carenti in situazioni fondamentali come le touche e i riposizionamenti in fase difensiva e in attacco, cose queste che teoricamente si dovrebbero imparare all'Accademia.
Non so se i miei giocatori bevono whisky. So che bevendo frappé non si vincono molte partite.

Avatar utente
PiVi1962
Messaggi: 2795
Iscritto il: 11 mar 2004, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da PiVi1962 » 9 feb 2010, 8:15

grubber ha scritto: Immagino me stesso a 20 anni, pensare di investire la mia vita sul rugby e dopo anni di c..i così in allenamento sentirmi dire cose come quelle che sileggono qui... bah...
Speriamo che non frequentino il forum.
La sveglia la dà il confronto sportivo.
In realtà ho anche sottolineato che il difetto sta nel manico (allenatori evidentemente impreparati al confronto con realtà più avanzate) e non nei giocatori.
Quanti dei nostri allenatori sono andati alle accademie del rugby/università dove si studia il rugby neozelandese, australiana, sudafricana, francese, irlandese a verificare sistemi di allenamento, criteri di selezione, intensità e numerosità delle partite?

copernico
Messaggi: 240
Iscritto il: 12 mar 2009, 12:47

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da copernico » 9 feb 2010, 10:34

PiVi1962 ha scritto:
grubber ha scritto: Immagino me stesso a 20 anni, pensare di investire la mia vita sul rugby e dopo anni di c..i così in allenamento sentirmi dire cose come quelle che sileggono qui... bah...
Speriamo che non frequentino il forum.
La sveglia la dà il confronto sportivo.
In realtà ho anche sottolineato che il difetto sta nel manico (allenatori evidentemente impreparati al confronto con realtà più avanzate) e non nei giocatori.
Quanti dei nostri allenatori sono andati alle accademie del rugby/università dove si studia il rugby neozelandese, australiana, sudafricana, francese, irlandese a verificare sistemi di allenamento, criteri di selezione, intensità e numerosità delle partite?
Ma tu pensi veramente quello che scrivi o lo fai solo così a caso,perchè per avere il dubbio che gli allenatori federali non sono costantemente aggiornati con quello che fanno all'estero mi sembra una enorme stronzata.In Italia le accademie le ha fatte e le segue tutt'ora tale Giorge Coste,che dopo aver messo in piedi quelle francesi è venuto ad allestire quelle Italiane, e si occupa anche della formazione degli allenatori e dei loro aggiornamenti.Prova invece ha chiederti come mai gli altri fanno i 100 e noi i 50,poi chiedi ad un allenatore se la velocità e il ritmo la fai in allenamento o domenicalmente in partita.Poi vai a vedere dove giocano i vari giocatori e quanto giocano e dopo aspetto un tuo commento.Se qualcuno pensa che gli errori di placcaggio e di passaggio(skills) sono da attribuire alla federazione allora non arriveremo mai da nessuna parte.Mi è capitato di vedere un 'interzonale con selezioni regionali u 16 è una cosa triste vedere il livello che c'è, e li scusate la colpa è dei club che non formano i giocatori,per farli diventare buoni giocatori,ma si preoccupano solo di assolvere l'obbligatorietà oppure di vincere la domenica.

LECTER
Messaggi: 35
Iscritto il: 1 feb 2007, 20:56

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da LECTER » 9 feb 2010, 10:38

copernico ha scritto:
PiVi1962 ha scritto:
grubber ha scritto: ma si preoccupano solo di assolvere l'obbligatorietà oppure di vincere la domenica.

Ineccepibile!

percheno
Messaggi: 133
Iscritto il: 14 set 2009, 9:44

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da percheno » 9 feb 2010, 11:38

...effettivamente il problema sta alla base e non in federazione. Il livello del campionato U20 e anche del campionato U18 è bassissimo. Giocate al rallentatore e così via. Manca stile di allenamento c'è troppa palestra c'è poca atletica pezzo forte degli anglosassoni. Si imparano gli schemi e si provano le giocate meccanicamente MA SOPRATUTTO ci si allena senza contrasto perchè apparte le grosse squadre di U 20 agli allenamenti al massimo ci si trova in 15.

supermax
Messaggi: 2424
Iscritto il: 8 mar 2003, 0:00
Località: roma

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da supermax » 9 feb 2010, 12:20

Mi sembra che troppi commentatori qui siano legati a questo o quel club, per cui è sempre facile addossare tutte le colpe sempre e comunque alla Federazione senza mai guardare in casa propria. L'Accademia è un progetto voluto da tutti ed esistente come modello da anni in tutte le Federazioni principali. Dovrebbe servire a migliorare i fondamentali di giocatori già interessanti che per un anno o due dovrebbero vivere di "pane e rugby" per prepararsi al possibile passaggio al professionismo. Tecnicamente finora la cosa non ha funzionato, ma il problema delle giovanili in Italia non risiede solo nell'Accademia di Tirrenia. Vorrei ricordare che a livello di under 18 prendiamo "sveglie" anche peggiori, ma qui nessuna accusa i club di non insegnare i fondamentali ai giocatori! Per l'under 20, invece, dagli ai tecnici federali ed alla FIR in generale. Per non parlare delle critiche alle scuole (sic!) frequentate dai ragazzi (Ursula, da dove viene fuori che gli studi siano di basso livello, dai commenti di qualche frequentatore?). Allora Coste è un incompetente, mentre Cavinato è un servo della FIR che convoca solo i raccomandati ed in generale a Tirrenia si rovinano i migliori prospetti del rugby italiano! Bella questa favola, se serve ad assolvere il lavoro di molta quantità ma, spesso, di scarsa qualità che viene svolto nelle giovanili dei club.

Avatar utente
PiVi1962
Messaggi: 2795
Iscritto il: 11 mar 2004, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da PiVi1962 » 9 feb 2010, 12:29

copernico ha scritto:Ma tu pensi veramente quello che scrivi o lo fai solo così a caso,perchè per avere il dubbio che gli allenatori federali non sono costantemente aggiornati con quello che fanno all'estero mi sembra una enorme stronzata.In Italia le accademie le ha fatte e le segue tutt'ora tale Giorge Coste,che dopo aver messo in piedi quelle francesi è venuto ad allestire quelle Italiane, e si occupa anche della formazione degli allenatori e dei loro aggiornamenti.Prova invece ha chiederti come mai gli altri fanno i 100 e noi i 50,poi chiedi ad un allenatore se la velocità e il ritmo la fai in allenamento o domenicalmente in partita.Poi vai a vedere dove giocano i vari giocatori e quanto giocano e dopo aspetto un tuo commento.Se qualcuno pensa che gli errori di placcaggio e di passaggio(skills) sono da attribuire alla federazione allora non arriveremo mai da nessuna parte.Mi è capitato di vedere un 'interzonale con selezioni regionali u 16 è una cosa triste vedere il livello che c'è, e li scusate la colpa è dei club che non formano i giocatori,per farli diventare buoni giocatori,ma si preoccupano solo di assolvere l'obbligatorietà oppure di vincere la domenica.
Se non c'è un torneo nazionale ufficiale di rugby seven in italia (magari anche a più livelli di età), che è secondo me la base per imparare molti skills, soprattutto nel gioco aperto, il responsabile è uno solo: la FIR.
Avendo visto più volte giocare la nazionale seven (o come cavolo la hanno chiamata nei vari tornei) qui a Roma nel Romaseven, posso assicurarti che non avrei fatto di peggio come allenatore nemmeno io.

Avatar utente
PiVi1962
Messaggi: 2795
Iscritto il: 11 mar 2004, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da PiVi1962 » 9 feb 2010, 12:45

supermax ha scritto:Mi sembra che troppi commentatori qui siano legati a questo o quel club, per cui è sempre facile addossare tutte le colpe sempre e comunque alla Federazione senza mai guardare in casa propria. L'Accademia è un progetto voluto da tutti ed esistente come modello da anni in tutte le Federazioni principali. Dovrebbe servire a migliorare i fondamentali di giocatori già interessanti che per un anno o due dovrebbero vivere di "pane e rugby" per prepararsi al possibile passaggio al professionismo. Tecnicamente finora la cosa non ha funzionato, ma il problema delle giovanili in Italia non risiede solo nell'Accademia di Tirrenia. Vorrei ricordare che a livello di under 18 prendiamo "sveglie" anche peggiori, ma qui nessuna accusa i club di non insegnare i fondamentali ai giocatori! Per l'under 20, invece, dagli ai tecnici federali ed alla FIR in generale. Per non parlare delle critiche alle scuole (sic!) frequentate dai ragazzi (Ursula, da dove viene fuori che gli studi siano di basso livello, dai commenti di qualche frequentatore?). Allora Coste è un incompetente, mentre Cavinato è un servo della FIR che convoca solo i raccomandati ed in generale a Tirrenia si rovinano i migliori prospetti del rugby italiano! Bella questa favola, se serve ad assolvere il lavoro di molta quantità ma, spesso, di scarsa qualità che viene svolto nelle giovanili dei club.
Anni fa, prima della penultima elezione di Dondi (ma forse lo ho fatto anche dopo l'elezione precedente), ho suggerito ai frequentatori di questo forum di andarsi a leggere gli Annual Report delle federazioni Neozelandese, Australiana, Inglese, Sudafricana e Irlandese.
Si potrà vedere che il governo del movimento rugbystico viene lì declinato in decine e decine di sotto-obiettivi (che, per la Nuova Zelanda, arrivano fino anche a riferirsi alla data di sottoscrizione degli accordi televisivi).

Se la Federazione non stabilisce un sistema premiante non "a pioggia", ma basato ad esempio sul minutaggio complessivo che gli Under hanno nelle prime squadre, secondo te di chi è la colpa?
Non ho scritto che Coste è un incompetente, né che Cavinato è un servo della FIR (questo lo hai scritto tu, e in genere un fatto del genere significa che probabilmente lo pensi).
Quello che ho scritto in altri post è che spesso manca l'idea di un obiettivo generale del rugby in Italia, e quindi nella mancanza di organicità dei progetti. Ciascuno procede apparentemente in modo individualistico.
Il risultato è quello che si è visto in campo.

Se, secondo te, ora dobbiamo fare finta di non aver visto, e consolare i nostri giocatori dicendo che hanno "preso le totò" da una squadra di marziani, liberissimi di pensarlo. Io non la penso affatto così.
Hai sputato sangue per 5-10 anni? Se vuoi arrivare al loro livello (anzi, se volete arrivare al loro livello), dovete sputare il doppio di sangue!

parega
Messaggi: 1275
Iscritto il: 25 lug 2004, 0:00
Località: rr
Contatta:

Re: 6 nazioni under 20 2010

Messaggio da parega » 9 feb 2010, 13:03

grubber ha scritto :
PiVi1962 ha scritto :
L'Italia Under 20 è stata semplicemente, letteralmente, di una categoria inferiore.
L'Irlanda giocava a 100 all'ora, l'Italia a 90.
Gli unici giocatori che avrebbero potuto fare da riserva a qualche irlandese sono i numeri 1, 9 e 10.
E il bello è che un solo giocatore dell'Irlanda (il numero 13) è apparso un potenziale campione, gli altri sembravano solamente meglio allenati al ritmo ed all'intensità dell'incontro.

E' chiaro che le tabelle d'allenamento devono essere riviste radicalmente, perché se i giocatori non hanno nelle gambe e nella testa il ritmo partita richiesto dal rugby a questo livello, allora non ci potrà essere mai confronto.



straquotone , ci hanno massacrato sul ritmo giocatori lenti , grossi e lenti , tecnicamene inferiori , non abbiamo nessuna qualita' di quelle che ci volgiono a questo livello
e questi giocatori dovrebbero arrivare in prima squadra ?
andiamo bene



Immagino me stesso a 20 anni, pensare di investire la mia vita sul rugby e dopo anni di c..i così in allenamento sentirmi dire cose come quelle che sileggono qui... bah...
Speriamo che non frequentino il forum.
lungi da me dare addosso ai giocatori , sempre stato dalla loro parte , dentro e fuori dal campo , solo che si tratta di valutare le partite , nessuna offesa , ho solo valutato il fatto che in dieci annio di sei nazioni abbbiamo fatto solo un passettino inavanti , ma nonandremo oltre vista la qualita' degl'allenatori del settore giovanile della nazionale e dei club , le squadre puntano piu' a vincere la partita successiva che a mettere in piedi un progetto a lungo termine per il suddetto settore, visto in internet una decina di minuti della partita under 20 fra scozia e francia viene da preoccuparsi
speriamo bene

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”