L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

AINDA
Messaggi: 722
Iscritto il: 20 giu 2009, 14:51
Località: MISCHIA

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da AINDA » 8 feb 2010, 18:23

Bacioci ha scritto: Buso ha fatto una splendida partita.
ecco perchè mallet continua a non chiamarlo. a parte che il giocatore mi piace proprio anche perchè ha una spiccata propensione all'attacco quest'anno le poche volte che l'ho visto mi è sempre piaciuto. non è inferiore a mclean secondo me. dopo la disfatta di cardiff è stato relegato in nazionale A. assurdo è ancora giovane. sono queste le cose che mi fanno incazzare
AINDA
------------
"La rivoluzione è un atto di violenza" Sergio Parisse

Alucard
Messaggi: 2325
Iscritto il: 12 gen 2008, 8:38

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da Alucard » 8 feb 2010, 18:28

AINDA ha scritto:
Bacioci ha scritto: Buso ha fatto una splendida partita.
ecco perchè mallet continua a non chiamarlo. a parte che il giocatore mi piace proprio anche perchè ha una spiccata propensione all'attacco quest'anno le poche volte che l'ho visto mi è sempre piaciuto. non è inferiore a mclean secondo me. dopo la disfatta di cardiff è stato relegato in nazionale A. assurdo è ancora giovane. sono queste le cose che mi fanno incazzare
concordo...è stato fatto fuori troppo presto...però nn capiamo del perchè NM abbia dato così tante opportunità a Garcia...

Alucard
Messaggi: 2325
Iscritto il: 12 gen 2008, 8:38

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da Alucard » 8 feb 2010, 18:29

Bacioci ha scritto:Canavosio ieri ha giocato benissimo ed ha costretto l'allenatore dei Saxons a cambiare il mediano perchè se lo stava mangiando.
Buso ha fatto una splendida partita.
Mi sorpende vedere che non è stato richiamato Dellapé che ha fatto un partitone. Il crollo dei nostri è iniziato con l'uscita di Canavosio e con il giallo a Santiago.
se lo dici te che l'hai visto...io sono rimasto ai TM in Australia...veramente penoso...

Elessar77
Messaggi: 95
Iscritto il: 12 feb 2007, 14:34

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da Elessar77 » 8 feb 2010, 20:55

Mallett ha trovato la soluzione: Canavosio numero 9. E' etnicamente superiore a Tebaldi e Picone.

grubber
Messaggi: 2039
Iscritto il: 17 lug 2009, 16:55

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da grubber » 8 feb 2010, 22:34

Elessar77 ha scritto:Mallett ha trovato la soluzione: Canavosio numero 9. E' etnicamente superiore a Tebaldi e Picone.
Sono sicuro che avrà giocato benissimo tutte le volte che non l'ho visto...
"Va bene ...stordito ! Appuntamento a Bologna ! 5 azioni in attacco e 5 in difesa a 5 metri dalla linea di meta senza scartare e senza cambi di direzione...dritto per dritto ...chi perde alla fine della serie fuori a vita dal forum ..ce le hai le palle per accettare o scapperai ancora ?...I miei bimbi ...chiedono la tua testa .." (Un simpatico utente del forum)

Il vantaggio di essere intelligente è che puoi sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile

gab
Messaggi: 213
Iscritto il: 19 giu 2003, 0:00
Località: siena

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da gab » 9 feb 2010, 11:07

Canavosio, il buon Canavosio - se giocherà - è l'ennesima dimostrazione che i nostri antichi emigrati sono migliorati geneticamente rispetto a quelli rimasti nella madrepatria...
Sciocchezze a parte, ma quante chances vengono date a questi giocatori, a dispetto di rendimenti non eccelsi? Non dico che questa politica escluda dal campo chissà quali talenti autoctoni, ma spesso quelli relegati in panca sono equivalenti agli oriundi e agli equiparati.

Non capisco la politica della Fir, Non capisco soprattutto perché Mallett abbia accettato di guidare la squadra di una nazione che - è sempre più chiaro - non stima. Può anche aver ragione, ma non credo sia stato costretto dal dottore. Bisogna credere in quello che si ha. A dispetto dell'impegno, mai negato, di chi scende in campo, la mancanza di amalgama di fondo ha sempre, o quasi, penalizzato chi fa queste scelte. Le vicende della nazionale di calcio degli anni 50-60 dovrebbero pure insegnare qualcosa.
E non si venga a dire che l'ambiente non fa una grinza. Chi ha avuto occasione di parlare lontano dai microfoni con i rugbisti "autoctoni" della naz. non può che confermare il loro malessere e la loro frustrazione per la politica tecnica della Fir.

Vorrei aggiungere che chi non apprezza questa politica non è per forza un disfattista o un bastian contrario.

Concludo sparandola grossa: ma Guidi vi dispiacebbere al timone degli azzurri?

Leinsterugby
Messaggi: 5550
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da Leinsterugby » 9 feb 2010, 11:28

gab ha scritto: Concludo sparandola grossa: ma Guidi vi dispiacebbere al timone degli azzurri?
è quello che stavo pensando anche io in questi giorni, però aspettavo la fine del 6n x esplicitarlo.
Una federazione seria e competente, con l'obiettivo del mondiale 2011, avrebbe dovuto dare il benservito al sig. Mallet dopo la vergognosa partita dello scorso anno a Twickenham e sostituirlo con Guidi, che avrebbe portato avanti il progetto col suo gruppo di giovani, magari affiancato da un valido allenatore dei 3/4, della difesa e degli avanti (Cuttitta + Orlandi?). inosmma da qualcuno con esperienza internazionale
Ora purtroppo se tutto va male, forse è troppo tardi perchè i risultati stanno mancando terribilmente
Link al gruppo telegram del forum rugby.it per i periodi in cui il forum non funziona:
https://t.me/bar_forum_rugbyit

ellis
Messaggi: 1709
Iscritto il: 19 feb 2006, 0:00

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da ellis » 9 feb 2010, 11:40

Leinsterugby ha scritto:
gab ha scritto: Concludo sparandola grossa: ma Guidi vi dispiacebbere al timone degli azzurri?
è quello che stavo pensando anche io in questi giorni, però aspettavo la fine del 6n x esplicitarlo.
Una federazione seria e competente, con l'obiettivo del mondiale 2011, avrebbe dovuto dare il benservito al sig. Mallet dopo la vergognosa partita dello scorso anno a Twickenham e sostituirlo con Guidi, che avrebbe portato avanti il progetto col suo gruppo di giovani, magari affiancato da un valido allenatore dei 3/4, della difesa e degli avanti (Cuttitta + Orlandi?). inosmma da qualcuno con esperienza internazionale
Ora purtroppo se tutto va male, forse è troppo tardi perchè i risultati stanno mancando terribilmente
Per me sarebbe una scelta eccezionale.

Ma io sono di parte perchè è un amico e rischio di essere non credibile se lo elogio troppo.

Ma i risultati, in questi anni, ma direi in tutta la sua carriera, li ha ottenuti.

Certo, nemmeno lui avrebbe la bacchetta magica, sia chiaro....
Ma almeno ci proverebbe.
Il carattere lo ha sempre avuto: anche quando aveva 16 anni, pesava 50 Kg. e nella squadra Cadetti del Rugby Livorno era il mediano di mischia di riserva.
Da lì in poi la forza di volontà l'ha sempre accompagnato nei suoi traguardi.

Ah e volevo anche dirvi che lui ha pure le spalle larghe perchè ha sempre dovuto convivere con un certo scetticismo di base; diciamo che in questo senso ha già gli anticorpi formati....Ma alla fine il lavoro ha sempre pagato.

L'unica cosa che spero se ciò avverrà è che dia più fiducia ai trequarti azzurri.

tafano
Messaggi: 1994
Iscritto il: 28 set 2007, 15:24
Contatta:

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da tafano » 9 feb 2010, 11:47

Canavosio.
Se è in forma e se ha giocato bene coi Saxons ben venga.
E' chiaro che Tebaldi non è a posto ora.
Con Canavosio in panca insieme a Bocchino NM potrebbe mettere un avanti in più di riserva, con Masi in campo al posto
di Garcia (che andrebbe fuori rosa per una partita).
Ma Pablo probabilmente sarà titolare vista l'amicizia e la stima di Troncon
http://illinkpiubellodelmondo.com/ : un blog da non leggere.

ellis
Messaggi: 1709
Iscritto il: 19 feb 2006, 0:00

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da ellis » 9 feb 2010, 11:59

Canavosio ha giocato bene contro i Saxons; menter Tebaldi ha giocato malino; perciò giusta chiamata, anche se oltre a lui c'erano pure Orquera e Buso che potevano farci comodo perchè stanno in forma.

Vosawai ci fa comodo in assenza di Parisse.

Favaro è assolutamente da nazionale maggiore ma finchè c'è Bergamauro.....

Sepe è da anni uno dei trequarti con più fantasia offensiva; chiedo a chi lo conosce meglio se secondo loro può fare alcune delle giocate usuali anche
a livello di 6N.

Bernabò e Pratichetti: non mi sembrano nel loro momento di forma più smagliante, anche se in passato hanno fatto comodo alla Nazionale maggiore e sono due patrimoni da non disperdere.

rivel1
Messaggi: 3513
Iscritto il: 8 mag 2008, 18:31
Località: Rovigo/Ferrara

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da rivel1 » 9 feb 2010, 12:17

non ricordo una partita in cui bernaqbò ha fatto comodo alla maggiore
a meno che con "comodo" si intenda riuscire a schierarne 15
Se hai tempo per fare due cose male, fanne bene una e incrocia le dita

Visto che non voglio scrivere "secondo me" o "in mio parere" in ogni messaggio, ritenete pure ogni opinione espressa puramente personale senza alcuna pretesa di verità assoluta

Bacioci
Messaggi: 1626
Iscritto il: 23 set 2003, 0:00

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da Bacioci » 9 feb 2010, 12:19

ellis ha scritto:Canavosio ha giocato bene contro i Saxons; menter Tebaldi ha giocato malino; perciò giusta chiamata, anche se oltre a lui c'erano pure Orquera e Buso che potevano farci comodo perchè stanno in forma.
Vosawai ci fa comodo in assenza di Parisse.
Favaro è assolutamente da nazionale maggiore ma finchè c'è Bergamauro.....
Sepe è da anni uno dei trequarti con più fantasia offensiva; chiedo a chi lo conosce meglio se secondo loro può fare alcune delle giocate usuali anche
a livello di 6N.
Bernabò e Pratichetti: non mi sembrano nel loro momento di forma più smagliante, anche se in passato hanno fatto comodo alla Nazionale maggiore e sono due patrimoni da non disperdere.
Orquera e Buso hanno giocato proprio bene. Credo che Lucianino abbia un po' le porte chiuse per due motivi:
1) Giustamente si deve provare Bocchino
2) è veramente troppo leggero per l'altissimo livello
Purtroppo Buso resterà per molto tempo all'ombra di McLean, che, lo ripeto, vedrete cosa diventerà nei prossimi anni.
Vosawai a mio parere è terrificante e ogni volta che va a contatto perde il pallone, per cui 100.000 volte meglio Zanni
Favaro: è uscito malconcio domenica, per cui non so in che condizioni sia. Al momento credo che sia comunque un po' acerbo per il VI nazioni
Sepe non è tecnicamente un giocatore di rugby di alto livello. Ogni volta che lo vedo mi fa impressione la sua pochezza di tecnica individuale. Avrà anche gambe, ma poi veramente basta.
Per quanto riguarda Guidi, paradossalmente credo che adesso vada bene lì, perchè sta facendo crescere un bel gruppo (quello della A) che potrebbe essere l'ossatura della nazionale post mondiale. A questo punto ritengo che ormai sia giusto che Mallet prosegua fino al mondiale, per poi tirare le somme subito dopo. A quel punto, in caso di probabile (ma da me non augurabile) insuccesso, sarebbe giusto far subentrare Guidi.

supermax
Messaggi: 2424
Iscritto il: 8 mar 2003, 0:00
Località: roma

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da supermax » 9 feb 2010, 12:36

L'unico dato incontrovertibile, mi sembra, è che la Nazionale "A" sia l'unica che sta rispondendo alle aspettative poste in essa sia come risultati, sia come gioco sia come esperienza fatta maturare a ragazzi ancora acerbi sul piano internazionale. Mallett forse farebbe bene ad attingere maggiormente dalla "A" quando le cose non vanno benissimo, come fanno negli altri Paesi, anche per non far credere a qualche senatore di avere il posto assicurato in prima squadra qualunque cosa succeda. Se guardiamo alla formazione dei Saxons c'erano tantissimi giocatori che hanno giocato con la Nazionale maggiore e c'è sempre stato un ricambio continuo fra le due squadre. Una volta ci poteva stare la scusa che non avevamo ricambi dopo i primi 20-25 giocatori ora, alla luce dei risultati della "A", mi sembra non sia più così.

yeti
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 apr 2003, 0:00
Località: Saarbruecken (Germania)

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da yeti » 9 feb 2010, 12:47

Come qualcuno ha notato, in altre culture rugbystiche il passaggio da nazionale maggiore a nazionale A è visto come una cosa piuttosto normale, mentre nella nostra cultura rugbystica mi sembrano prevalere due atteggiamenti:
- dalla nazionale maggiore alla A = bocciatura, così si deprimono i giocatori e si bruciano i loro talenti.
- dalla A alla maggiore = promozione, vuol dire che il giocatore è pronto ad alto livello e sarebbe meglio che non scendesse più nella A perché altrimenti si sente bocciato, e allora poi si deprime e si bruciano i loro talenti.

Con questo atteggiamento non si fa molta strada.

Guardate un pochino dove gioca Cipriani, che solo due anni fa veniva additato come grande, grandissimo talento, futuro dell'Inghilterra. Gioca nella A e pure da estremo. Se in Italia fosse successa una cosa del genere, hai voglia a gridare allo scandalo.
E c'è da dire che Mallett (che ci piaccia o no) viene da questo tipo di cultura rugbystica anglosassone, dove la trasposizione del rapporto padre-figlio/madre-figlia (tipicamente latino) sui rapporti di "lavoro" con tutte le crisi del caso (vedi esempi nostrani del tipo "mi sarei aspettato qualcosa di diverso dal CT, visto il nostro rapporto umano") non mi sembrano così considerati. Non dico che sia giusto o sbagliato. Dico che mi pare sia semplicemente così.

Alucard
Messaggi: 2325
Iscritto il: 12 gen 2008, 8:38

Re: L'ITALIA RIENTRATA A ROMA. TRENTA I CONVOCATI

Messaggio da Alucard » 9 feb 2010, 15:48

da solorugby:
Masi e Bocchino, l'Italia riparte da qui?
Sabato, contro l'Irlanda, appena 22 minuti in campo nella ripresa. Troppo poco per una pedina del calibro di Andrea Masi, il 28enne utility back aquilano tornato alla corte del ct azzurro Nick Mallett esattamente un anno dopo l'ultima apparizione. Era il 15 febbraio 2009, guarda caso Italia-Irlanda al Flaminio: da allora tanta jella a bussare alle porte del giocatore prima di ritrovare la Nazionale.
Oggi, nel corso della partitella alla Borghesiana dove l'Italrugby affila le armi in vista del match di domenica contro l'Inghilterra, "Masò" è stato schierato all'ala. Suo dirimpettaio Kaine Robertson, l'autore della meta italiana al Croke Park che lo stesso Masi ha rilevato al 18' della ripresa.
"Lui è molto forte - le parole di Robertson - se non il nostro tre quarti più forte. E' potente, è veloce ed ha un'ottima visione di gioco. Un suo possibile impiego all'ala? Lui contro Ugo Monye potrebbe essere una bella sfida".
Ad ogni modo, come riportato ieri su queste pagine, il tecnico dei trequarti Troncon è rimasto piacevolmente colpito da tutti i sette della linea arretrata, eccezion fatta per Tebaldi che "ha mostrato qualche problema". Buono, sempre secondo l'ex mediano di mischia azzurro, anche il gioco al piede ("efficace quello di McLean").
E per la mediana scalpita Riccardo Bocchino, che domenica potrebbe tornare da protagonista al Flaminio dopo la bella esperienza con la Capitolina. "Se l'allenatore mi chiamerà per la sfida con l'Inghilterra - le parole del 21enne viterbese - entrare in quello stadio sarà una emozione fortissima".
E pensare che nel mitico Italia-Scozia del 2000, debutto assoluto degli azzurri nel Sei Nazioni, Riccardo sedeva nella curva davanti alla quale Giampiero De Carli realizzò la prima, storica meta italiana nel Championship. "E' una vita che mi impegno per realizzare il sogno di giocare nel Sei Nazioni (sabato scorso per lui 8 indimenticabili minuti rilevando Gower per ferita temporanea, ndr). Cosa posso portare di mio a questa squadra? L'enorme attaccamento a questa maglia, il 110%".
Basterà contro l'Inghilterra?

09 / 02 / 2010

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”