Trofeo garibaldi 2011

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

luqa
Messaggi: 1908
Iscritto il: 26 lug 2006, 12:54

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da luqa » 4 feb 2011, 16:49

Immaginavo ...

Per il semplice motivo che quelle camicie rosse sono legate ai "garibaldini", ovvero i volontari non arruolati nelle forze regolari piemontesi che oltre che nella spedizione dei Mille, formarono anche i Cacciatori dell Alpi .

Siccome questo è il Trofeo Garibaldi, o si rifiuta in toto il mito e alloroa niente Trofeo Garibaldi, ma abbiate il coraggio di scriverlo, o si celebrano anche , almeno in occasione del 150 anniversario dell' Unità, gli "oscuri fanti".

Oltretutto, non sarannostati certo dei santi, ma la repressione contro i "briganti" e i "borbonici" del dopo 1861 la fecero i sabaudi membri del regio esercito, che già allora portavano quelle fasce azzurre rimaste per gli ufficiali e che permangono nella maglia della nazionale.

Il rosso dei garibaldini è di difficile digestione e invece è indiscutibile l'azzurro dei Savoia (con una storia un po' più discutibile di quella dei volontari del Risorgimento)?

Sono abbastanza dispiaciuto , anzi molto dispiaciuto.

jentu
Messaggi: 3932
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da jentu » 4 feb 2011, 17:04

luqa ha scritto:Immaginavo ...

Per il semplice motivo che quelle camicie rosse sono legate ai "garibaldini", ovvero i volontari non arruolati nelle forze regolari piemontesi che oltre che nella spedizione dei Mille, formarono anche i Cacciatori dell Alpi .

Siccome questo è il Trofeo Garibaldi, o si rifiuta in toto il mito e alloroa niente Trofeo Garibaldi, ma abbiate il coraggio di scriverlo, o si celebrano anche , almeno in occasione del 150 anniversario dell' Unità, gli "oscuri fanti".

Oltretutto, non sarannostati certo dei santi, ma la repressione contro i "briganti" e i "borbonici" del dopo 1861 la fecero i sabaudi membri del regio esercito, che già allora portavano quelle fasce azzurre rimaste per gli ufficiali e che permangono nella maglia della nazionale.

Il rosso dei garibaldini è di difficile digestione e invece è indiscutibile l'azzurro dei Savoia (con una storia un po' più discutibile di quella dei volontari del Risorgimento)?

Sono abbastanza dispiaciuto , anzi molto dispiaciuto.
Il mio essere terrone non mi impedisce di conoscere la storia tormentata del nostro risorgimento - anche se Bixio a Bronte fece i primi passi sulla via della repressione e dell'annessione più che dell'unità - e di essere d'accordo con te sulla celebrazione dell'evento con la maglietta rossa di richiamo garibaldino.

luqa
Messaggi: 1908
Iscritto il: 26 lug 2006, 12:54

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da luqa » 4 feb 2011, 17:24

Bixio a Bronte fece un macello forse anche per giustificare che loro non erano una banda di irregolari e basta ma perseguivano l'ordine statuale.

Ma fece un macello e una soverchieria sociale su tutto.

Ma lo spirito delle "camicie rosse " era <Uniti ! > o <Dagli al lazzerone! > ?

Io penso il primo.

stmod
Messaggi: 110
Iscritto il: 19 apr 2010, 16:23

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da stmod » 4 feb 2011, 19:06

Per inciso io rifiuto in toto il mito di Garibaldi, trofeo del chips incluso.

L'azzurro bene o male rappresneta i savoia, ma anche 100 anni di sport italiano e quindi non mi disturba.

Per un evento specifico, sottolineare un lutto (tale è per il punto di vista di molti la spedizione dei mille) è inutile.

Tutto qui...


ciao

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4068
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da gcruta » 4 feb 2011, 19:35

Ma non è un forum di rugby?







Per inciso, tengo a dire che è difficile trovare terroni più terroni di me - e io mi sento comunque italiano.
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."

stmod
Messaggi: 110
Iscritto il: 19 apr 2010, 16:23

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da stmod » 4 feb 2011, 20:50

gcruta ha scritto:Ma non è un forum di rugby?







Per inciso, tengo a dire che è difficile trovare terroni più terroni di me - e io mi sento comunque italiano.
O sei siculo.... o sono più terrone io....

e cmq mi sento italianissimo (anche molto europeo), solo che mi da fastidio l'apologia e il travisamento storico di tutta una serie di avvenimenti.

Detto che Garibaldi era un mercenario e i Savoia dei conquistatori di uno stato più avanzato del loro, grido di tutto cuore "viva l'italia"

saluti e torniamo al rugby :)

stmod

luqa
Messaggi: 1908
Iscritto il: 26 lug 2006, 12:54

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da luqa » 5 feb 2011, 1:26

Mi rammarico per il fastidio arrecato

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4068
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da gcruta » 5 feb 2011, 12:53

stmod ha scritto:
gcruta ha scritto:Ma non è un forum di rugby?







Per inciso, tengo a dire che è difficile trovare terroni più terroni di me - e io mi sento comunque italiano.
O sei siculo.... o sono più terrone io....
Non solo siculo, ma a pochi chilometri da Capo Passero...
Buon rugby
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."

juanwells
Messaggi: 25
Iscritto il: 12 ott 2010, 23:21

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da juanwells » 5 feb 2011, 16:27

luqa ha scritto:Immaginavo ...

Per il semplice motivo che quelle camicie rosse sono legate ai "garibaldini", ovvero i volontari non arruolati nelle forze regolari piemontesi che oltre che nella spedizione dei Mille, formarono anche i Cacciatori dell Alpi .

Siccome questo è il Trofeo Garibaldi, o si rifiuta in toto il mito e alloroa niente Trofeo Garibaldi, ma abbiate il coraggio di scriverlo, o si celebrano anche , almeno in occasione del 150 anniversario dell' Unità, gli "oscuri fanti".

Oltretutto, non sarannostati certo dei santi, ma la repressione contro i "briganti" e i "borbonici" del dopo 1861 la fecero i sabaudi membri del regio esercito, che già allora portavano quelle fasce azzurre rimaste per gli ufficiali e che permangono nella maglia della nazionale.

Il rosso dei garibaldini è di difficile digestione e invece è indiscutibile l'azzurro dei Savoia (con una storia un po' più discutibile di quella dei volontari del Risorgimento)?

Sono abbastanza dispiaciuto , anzi molto dispiaciuto.

dal rio grande do sul, all'uruguay, a Marsala a Digione, peppino il corsaro andava solo se lo pagavano bene.

supermax
Messaggi: 2411
Iscritto il: 8 mar 2003, 0:00
Località: roma

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da supermax » 5 feb 2011, 18:40

juanwells ha scritto:dal rio grande do sul, all'uruguay, a Marsala a Digione, peppino il corsaro andava solo se lo pagavano bene
Questa poi......va bene dissacrare i miti (esercizio che può farci sentire degli originali) ma non a prezzo di assurdità!

marcorebbi88
Messaggi: 90
Iscritto il: 1 ott 2009, 22:16

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da marcorebbi88 » 5 feb 2011, 19:06

sì ma in america nessuno si sogna di dire che lincoln sterminava texani... possibile che non riusciamo ad avere uno straccio di mito nazionale condiviso?

juanwells
Messaggi: 25
Iscritto il: 12 ott 2010, 23:21

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da juanwells » 5 feb 2011, 19:26

Mito nazionale ?


Scusa ma perchè dovremmo nascondere che oltre a combattere per la patria (cosa che faceva per mestiere) faceva cose assai poco oneste ? La storiografia ) ha meso in evedenti documenti storici che dimostra no che

Dopo essersi infiltrato nella marina piemontese tentò un'insurrezione a Genova contro il Piemonte,scoperto fuggi in Francia.Processato in contumacia a Genova,fu condannato alla pena capitale per alto tradimento del governo piemontese.
Nel 1835 fuggì in Brasile(...) Tra i 28 e i 40 anni Garibaldi visse come un corsaro ed imitò i grandi pirati del passato assaltando navi,saccheggiando

Nel maggio del 1837,coi soldi della carboneria,Garibaldi mise in mare una barca di 20 tonnellate per prendare navi brasiliane,non a caso fu battezzata "Mazzini".

In Uraguay si batteva per assicurare il monopolio commerciale dell'Impero Britannico contrastando l'egemonia cattolico-spagnola.Nel 1844 a Montevideo iniziò la sua vera carriera di massone dopo l'iniziazione avuta con l'iscrizione alla Giovane Italia di Mazzini.

La carriera massonica di Garibaldi culminò col 33° grado,ricevuto a Torino nel 1862.

La spedizione dei mille è notorio che fu finanziata dalla massoneria Inglese con una somma spaventosa di piastre turche,equivalente a 500 milioni di dollari attuali.
Con tale montagna di danaro,potè corrompere generali,alti funzionari,e ministri borbonici,tra i quali non pochi erano massoni come Don Liborio Romano Primo Ministro Borbonico,massone di alto grado.

Appena arrivato a Palermo Garibaldi saccheggiò il Banco di Sicilia,Chiese e tutto ciò che trovava sulla sua strada.
In una lettera Vittorio Emanuele II ebbe a lamentarsi con Cavour,circa le ruberie del pirata nizzardo...." Come avrete visto,ho liquidato rapidamente la sgradevolissima faccenda Garibaldi,.sebbene,statene certo,questo personaggio non è affatto così docile nè così onesto come lo si dipinge,e come voi stesso ritenete.Il suo talento militare è molto modesto,come prova l'affare di Capua,e il male immenso che è stato commesso qui,ad esempio l'infame furto di tutto il denaro dell'erario,è da atribuirsi interamnte a lui,che se circondato di canaglie,ne ha seguito i cattivi consigli e ha piombato questo infelice paese in una situazione spaventosa"

Insomma smettiamo di idealizzare chi altri non era se non un dipendete della massoneria inglese per la quale combatte in Europa ed in Amrica

luqa
Messaggi: 1908
Iscritto il: 26 lug 2006, 12:54

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da luqa » 5 feb 2011, 19:36

Un intervento da fare alcuni anni fa,quando fu proposto il Trofeo Garibaldi.

Stride un po' sulla mia proposta, che è diretta a chi scelse di combattere per l'unificazione, ai volontari .

Poi , la massoneria ha tante colpe, ma essere massone non ha colpe peggiori che essere fervente cattolico.
E il buon Vittorio Emanuele II nonfunè dispiaciuto dei soldi raccattati, né della repressione successiva.

Va a finire che mi scriverannoche i pischelli di Curtatone e Montanara erano dei bamboccioni viziati.

marcorebbi88
Messaggi: 90
Iscritto il: 1 ott 2009, 22:16

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da marcorebbi88 » 5 feb 2011, 22:05

ma chissenefrega se non era onesto, chissenefrega se aveva i peli fuori dalle orecchie o non si puliva mai il sedere dopo aver fatto la cacca, è un eroe e una figura centrale nel processo di unità nazionale.
Poi sula condotta dell'uomo e suila sua morale ci possono essere tutte le magagne che vuoi, ma io credo che questo paese abbia bisogno di un simbolo in cui riconoscersi, e a me la figura di Garibaldi come simbolo di lotta per l'unità d'italia piace e andrebbe idealizzata, come è giusto e doveroso che sia, è nella natura dell'uomo creare dei miti che lo rappresentino, e il concetto va al di là dell'uomo ma diventa una leggenda.
Se poi stiamo ancora al campanilismo, alla diffidenza tra regione e regione e alle perplessità su sistemi tributari e anniversari dell'unità, è anche perchè questo c4$$o di paese non riesce a credere in alcun simbolo unico e condiviso, fosse anche solo questa nazionale di rugby che andrebbe sempre onorata e amata, al di là delle critiche che spesso gli vengono rivolte, perchè è un emblema che dovrebbe essere intoccabile.
Poi si fanno le analisi tecniche, ma in ogni caso, anche se scendessero in campo 15 scimmie, dovremmo solo essere orgogliosi di quella maglia azzurra, e si badi bene che non voglio fare retorica ma solo invocare un MINIMO di "mitologia laica condivisa" che questo paese necessita come il pane; Garibaldi per me è un monumento laico, un ideale nazionale forte che va al di là della persona e trascende dalla storia. Non è possibile che l'unica cosa che ci sentiamo di difendere come collettività sia un simbolo religioso come il crocefisso.

M22S1280
Messaggi: 68
Iscritto il: 21 set 2005, 0:00
Località: Scandicci (fi)

Re: Trofeo garibaldi 2011

Messaggio da M22S1280 » 6 feb 2011, 10:14

invece di trovare come al solito il modo di dividersi e di sparare cavolate, nessuno dice il grande evento che sarà per il nostro mondo ovale: dopo 11 edizioni del torneo, dopo 58 partite, di cui 29 al Flaminio, alla 12a edizione, 59esima partita e 30 esima al Flaminio, il nostro presidente della repubblica, oggi Giorgio Napolitano, parteciperà ad una gara della nostra nazionale nel 6 nazioni, io credo un grande passo in avanti per il nostro rugby...

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”