Accademie U18

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Rispondi
Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Accademie U18

Messaggio da Axel1965 » 9 set 2013, 9:22

Leggo su FB i tanti saluti che in queste ore i ragazzi mandano ad amici e parenti prima dell'inizio di questa nuova avventura.
Nel mio piccolo voglio rivolgere a tutti gli atleti coinvolti un sincero augurio di poter lavorare con serenità e profitto al raggiungimento degli obiettivi.
Senza andare oltre, allo Staff e a tutti coloro che affiancheranno i nostri ragazzi, un sincero "in bocca al lupo" !

sebago
Messaggi: 82
Iscritto il: 18 ago 2009, 21:18

Re: Accademie U18

Messaggio da sebago » 17 set 2013, 8:55

Scusate, ma io non ho capito bene come funzionano le Accademie.....cosa fanno gli atleti durante il giorno? Da chi sono seguiti?

jentu
Messaggi: 4110
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: Accademie U18

Messaggio da jentu » 17 set 2013, 10:09

sebago ha scritto:Scusate, ma io non ho capito bene come funzionano le Accademie.....cosa fanno gli atleti durante il giorno? Da chi sono seguiti?
Vanno a scuola con profitto... si spera.
Parlare e scrivere sono due attività umane differenti

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Accademie U18

Messaggio da Axel1965 » 17 set 2013, 13:25

Beh, in sintesi studiano e si allenano. le scuole sono pubbliche, quindi sono integrati ai coetanei. Gli staff delle singole Accademie li trovi sul Sito FIR e sugli articoli usciti in questi giorni.

lupomar
Messaggi: 910
Iscritto il: 16 set 2003, 0:00
Località: Vicenza/Verona

Re: Accademie U18

Messaggio da lupomar » 17 set 2013, 17:07

ACCADEMIE U18 = Ragazzi a metà delle scuole superiori sicuri prossimi campioni che da Imperia si trasferiscono a Torino, famiglie illuse di avere i nuovi Castrogovanni e Parisse in casa, tecnici e staff scelti in base a severi criteri obiettivi :shock: , società contente del premio di 3500 Euro.

http://www.lastampa.it/2013/09/07/edizi ... agina.html

Nel caso di società piccole e poco strutturate questo sistema potrebbe anche avere qualche validità, nel caso di società che fanno il loro onesto lavoro a livello giovanile mandando in campo le squadre complete tutti gli anni, questa "concorrenza sleale" della Fir è deleterea.

Ti pongo una domanda Axel: In queste condizioni, le società che stavano operando bene a livello giovanile, ma che non sono state premiate con l'accademia, cosa faranno?

mauott
Messaggi: 2323
Iscritto il: 27 ago 2008, 14:31

Re: Accademie U18

Messaggio da mauott » 17 set 2013, 17:41

lupomar ha scritto:ACCADEMIE U18 = Ragazzi a metà delle scuole superiori sicuri prossimi campioni che da Imperia si trasferiscono a Torino, famiglie illuse di avere i nuovi Castrogovanni e Parisse in casa, tecnici e staff scelti in base a severi criteri obiettivi :shock: , società contente del premio di 3500 Euro.

http://www.lastampa.it/2013/09/07/edizi ... agina.html

Nel caso di società piccole e poco strutturate questo sistema potrebbe anche avere qualche validità, nel caso di società che fanno il loro onesto lavoro a livello giovanile mandando in campo le squadre complete tutti gli anni, questa "concorrenza sleale" della Fir è deleterea.

Ti pongo una domanda Axel: In queste condizioni, le società che stavano operando bene a livello giovanile, ma che non sono state premiate con l'accademia, cosa faranno?
Guarda che non è obbligatorio andare in accademia, si può sempre rispondere di non essere interessati e nessuno può dirti nulla ...

le società che,per usare le tue parole, non sono state premiate con l'accademia continuano a lavorare come prima: non mi risulta che alla Guizza (tanto per fare un nome) non si continui con l'attività giovanile (certo gli ruga non ricevere il contributo FIR ma quello è un altro discorso) ...

qui si continua a vederla come un'imposizione dall'alto e non come un'opportunità di crescita del movimento che prevede che i ragazzi e le loro famiglie facciano dei sacrifici (sono pur sempre dei 16/17 enni lontani da casa) ... vediamo come inizia e come continuerà e poi vediamo

nota: le società che "fanno il loro onesto lavoro a livello giovanile mandando in campo le squadre complete tutti gli anni" fino all'anno scorso invece che la concorrenza della FIR avevano la concorrenza della società di riferimento sul territorio ... io abito a Brescia e ti assicuro che ci sono delle società di città e provincia che fanno scouting e recruiting nelle altre: se un ragazzo viene invitato a tesserarsi dal Calvisano e ci vuole andare ci andrà cmq FIR o non FIR ...

jentu
Messaggi: 4110
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: Accademie U18

Messaggio da jentu » 17 set 2013, 17:50

La si può vedere anche diversamente.
La differenza fra prima ed ora è che il numero dei ragazzi selezionati è molto più alto, pertanto gli va spiegato molto bene che solo una minima percentuale di loro riuscirà forse a fare il professionista nel rugby. Tutti, compresi i futuri nazionali, ammesso che ci siano, dovranno studiare in scuole pubbliche (spero che la promozione sia un criterio di scelta per la permanenza in accademia) e preparare il loro futuro extrarugbistico. A questo proposito ho letto un interessante e preoccupante articolo sulle difficoltà di reinserimentio nella "vita civile" degli ex professionisti in Sudafrica (immaginiamo da noi).
Per quanto riguarda il rugby questi selezionati hanno l'occasione di allenarsi e giocare nel campionato delle accademie ad un livello più alto per quasi tutti, differentemente rispetto all'attività nel club, compresi molti clubs dei cosiddetti campionati "elite".
La concorrenza che si vede realmente non è quella della FIR, che ti rimanda pure il società il ragazzo per le partite di campionato, bensì quella subdola e micragnosa delle società geograficamente vicine alle accademie che, lucrando sulla posizione e sui soldi FIR, cercano di attrarre verso le loro giovanili i ragazzi provenienti da clubs lontani dalla sede accademica.
Poi si può sempre rinunciare e conosco ragazzi che l'hanno fatto.
Parlare e scrivere sono due attività umane differenti

giangi2
Messaggi: 1127
Iscritto il: 25 lug 2006, 9:00

Re: Accademie U18

Messaggio da giangi2 » 18 set 2013, 8:19

Secondo me le difficoltà di inserimento nella vita normale dei rugbysti in Italia è meno problematica rispetto al Sud Africa, proprio perchè da noi sono "meno professionisti" (o meglio è problematica come per chiunque altro).

sebago
Messaggi: 82
Iscritto il: 18 ago 2009, 21:18

Re: Accademie U18

Messaggio da sebago » 18 set 2013, 9:30

lupomar ha scritto:ACCADEMIE U18 = Ragazzi a metà delle scuole superiori sicuri prossimi campioni che da Imperia si trasferiscono a Torino, famiglie illuse di avere i nuovi Castrogovanni e Parisse in casa, tecnici e staff scelti in base a severi criteri obiettivi :shock: , società contente del premio di 3500 Euro.

http://www.lastampa.it/2013/09/07/edizi ... agina.html

Nel caso di società piccole e poco strutturate questo sistema potrebbe anche avere qualche validità, nel caso di società che fanno il loro onesto lavoro a livello giovanile mandando in campo le squadre complete tutti gli anni, questa "concorrenza sleale" della Fir è deleterea.

Ti pongo una domanda Axel: In queste condizioni, le società che stavano operando bene a livello giovanile, ma che non sono state premiate con l'accademia, cosa faranno?


tecnici e staff scelti in base a severi criteri obiettivi :shock: ......IMMAGINO, IN ITALIA VA "SEMPRE" TUTTO IN BASE ALLA MERITOCRAZIA.... :oops:

Ale_86
Messaggi: 1501
Iscritto il: 24 set 2006, 20:29
Località: Copenhagen/Boston

Re: Accademie U18

Messaggio da Ale_86 » 18 set 2013, 10:09

mauott ha scritto:
lupomar ha scritto:ACCADEMIE U18 = Ragazzi a metà delle scuole superiori sicuri prossimi campioni che da Imperia si trasferiscono a Torino, famiglie illuse di avere i nuovi Castrogovanni e Parisse in casa, tecnici e staff scelti in base a severi criteri obiettivi :shock: , società contente del premio di 3500 Euro.

http://www.lastampa.it/2013/09/07/edizi ... agina.html

Nel caso di società piccole e poco strutturate questo sistema potrebbe anche avere qualche validità, nel caso di società che fanno il loro onesto lavoro a livello giovanile mandando in campo le squadre complete tutti gli anni, questa "concorrenza sleale" della Fir è deleterea.

Ti pongo una domanda Axel: In queste condizioni, le società che stavano operando bene a livello giovanile, ma che non sono state premiate con l'accademia, cosa faranno?
nota: le società che "fanno il loro onesto lavoro a livello giovanile mandando in campo le squadre complete tutti gli anni" fino all'anno scorso invece che la concorrenza della FIR avevano la concorrenza della società di riferimento sul territorio ... io abito a Brescia e ti assicuro che ci sono delle società di città e provincia che fanno scouting e recruiting nelle altre: se un ragazzo viene invitato a tesserarsi dal Calvisano e ci vuole andare ci andrà cmq FIR o non FIR ...
Stradaccordo. Per le societá minori non cambia nulla. Se cambia qualcosa é solo per le societá "grosse" senza accademia. Da un lato, per puro spirito vendicativo, non mi dispiace che passino anche loro attraverso quel che fan passare agli altri da anni. Dall'altro, poiché o possono sempre approvvigionarsi altrove o sono veramente bravi di loro (vedi Valsugana/Vicenza), non cambierá nulla neanche per loro da questo punto di vista.
Potete aumentarmi le tasse su tutto, ma non sulla mia birra!
http://www.salvalatuabirra.it

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Accademie U18

Messaggio da Axel1965 » 18 set 2013, 10:30

Per Lupomar;

non credo di essere all'altezza di fornirti una risposta, posso sempre e solo parlare a livello personale. A mio parere stiamo giudicando un "sistema" strutturato per fornire risultati nel 2019, oltre che stabilire una base solida. Non posso parlare di casi specifici/personali, ma sul mio territorio, Milano hinterland, già i ragazzi tendono verso le Società di spicco ( CUS, GRM ). Avere, da una parte, un centro di formazione U16 e di conseguenza un percorso facilitato per i futuri Accademici mi sembra una buona cosa. Chi ha rifiutato lo ha fatto per motivi personali, e magari già rimpiange. Non vedo però le illusioni di cui si parla. A nessuno è stato paventato nulla se non un percorso netto, senza ostacoli ad eventuali talenti ( che ci sono di nascita, nell'uono per mille dei casi, o lo diventano con il lavoro ). Al momento, e siamo alla seconda settimana, vedo solo: entusiasmo dei ragazzi, difficoltà ad affrontare un lavoro più intenso da parte di chi ha giocato in società minori, grande profusione di uomini e mezzi. Sull'ultima pagina della META di settimana scorsa c'è una bellissima risposta di Borra ad un lettore che ancora ribadiva di aver preferito più soldi ai Clubs invece delle Accademie. Il giornalista paragona le Accademie ad un Istituto Professionale, dove viene insegnato il Rugby. Se mandiamo i nostri figli ad imparare i segreti dell'idraulica, o della panificazione, potremmo solo essere contenti di questa innovazione. Per chi studia al Liceo attualmente c'è meno fatica ad affrontare il percorso perchè in Accademia è tutto, o quasi, a portata di mano. Però gli interrogativi che non solo tu hai posto sono moltissimi, e occorre continuare a parlarne pacatamente e con obiettività.
Parlo, ripeto, a titolo personale e non del Club. Avrai notato come i nostri ragazzi sono sparsi tra remedello e Milano a vario titolo, quindi posso solo riportare impressioni e risultati di queste due realtà. Ribadisco però a chi parlava dei tecnici coinvolti che ho grandissima fiducia nei team nominati, e nelll'impronta data sin da subito al percorso.

Radagast
Messaggi: 2182
Iscritto il: 23 ott 2003, 0:00
Località: Altrove

Re: Accademie U18

Messaggio da Radagast » 18 set 2013, 15:37

Axel,
da anni non intervengo sul blog..però in questo caso vorrei dirti la mia
se il metodo è agevolare il passaggio dei ragazzi dei club ai cui buon Dio non dà i suoi raggi
fino a quelli "d'altri paraggi" (..al sole..) credo che la cosa non si sosterrà a lungo
e la voglia di collaborazione del contribuente diverrà sempre minore

per quello che conosco anche io sono concorde sul giudizio dei tecnici (formatori) selezionati in regione
ma non trovo coerenza nelle scelte logistiche con i dati statistici (peraltro prodotti da CRL)
sulle capacità dei singoli club di generare qualità

vediamo cosa succede (tanto non possiamo fare altro) e poi giudicheremo (senza alcuna attenuante)

R
Immagine
…. perché chi combatterà ivi sarà per noi per sempre fratello e, per quanto sia di umile campionato,
questo giorno lo eleverà al disopra di qualsiasi professionista..

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Accademie U18

Messaggio da Axel1965 » 18 set 2013, 19:18

Per Radagast;

comincio con il dire che seguo questo forum da un paio di anni. Se sei tornato mi fa solo piacere leggerti, bentornato.

Certo, staremo a vedere e ne discuteremo come stiamo facendo ora, in modo da capire un pò di più cosa potrà funzionare e cosa no.

A presto.

A.

sebago
Messaggi: 82
Iscritto il: 18 ago 2009, 21:18

Re: Accademie U18

Messaggio da sebago » 19 set 2013, 8:39

Radagast ha scritto:Axel,
da anni non intervengo sul blog..però in questo caso vorrei dirti la mia
se il metodo è agevolare il passaggio dei ragazzi dei club ai cui buon Dio non dà i suoi raggi
fino a quelli "d'altri paraggi" (..al sole..) credo che la cosa non si sosterrà a lungo
e la voglia di collaborazione del contribuente diverrà sempre minore

per quello che conosco anche io sono concorde sul giudizio dei tecnici (formatori) selezionati in regione
ma non trovo coerenza nelle scelte logistiche con i dati statistici (peraltro prodotti da CRL)
sulle capacità dei singoli club di generare qualità

vediamo cosa succede (tanto non possiamo fare altro) e poi giudicheremo (senza alcuna attenuante)

R
per quello che conosco anche io sono concorde sul giudizio dei tecnici (formatori) selezionati in regione........NON CREDETE SIA UN PO' TRISTE STA COSA????? NE VA COMUNQUE DEL FUTURO RUGBYSTICO DEI RAGAZZI, O NO???? BOOOOO, NON MI SCANDALIZZO PIU' PERCHE' PROBABILMENTE SARA' SEMPRE COSI'!!!!!..... :(

Radagast
Messaggi: 2182
Iscritto il: 23 ott 2003, 0:00
Località: Altrove

Re: Accademie U18

Messaggio da Radagast » 19 set 2013, 9:27

Sebago ... my mistake, mi sono spiegato male
nel panorama federale (regionale) dei tecnici disponibili non ho alcuna difficoltà a concedere fiducia alla maggioranza dei tecnici (master) che conducono a Milano e dintorni 18 e cfu16 .. sia per la competenza (sul metodo) che sull'empatia umana.

Non nutro assolutamente il medesimo stato d'animo sul modello generale di gioco e sulle scelte strategiche in cui tuttavia tali persone sono solo minimamente coinvolte. Le maggiori remore sono sui criteri selettivi, e sull'argomento ho avuto scontri epocali con le medesime persone, e peggio sul coinvolgimento totalizzante di certe fasce d'età ancora emotivamente fragili (e sognanti).

Ritengo tuttavia che oggettivamente gli obiettivi miei di padre o di dirigente di club divergano in maniera significativa da quelli della federazione .. può far male, può dare fastidio ma dobbiamo farcene una ragione (come facciamo con la gravità o la dinamica dei fluidi). Partendo serenamente da tale presupposto non posso che cercare di dare a queste persone una prospettiva differente...sperando capiscano.

Sulla meritocrazia nel sistema, sicuramente in maniera più sfumata, posso essere abbastanza d'accordo con te ma tuttavia noto che spesso il numero di candidati spesso si riduce ai disponibili ... non agli ottimali
Immagine
…. perché chi combatterà ivi sarà per noi per sempre fratello e, per quanto sia di umile campionato,
questo giorno lo eleverà al disopra di qualsiasi professionista..

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”