Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Leinsterugby
Messaggi: 5479
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Leinsterugby » 10 gen 2020, 19:13

FP96 ha scritto:
10 gen 2020, 17:33
jpr williams ha scritto:
10 gen 2020, 9:48

"vedrete che Parisse entrerà in campo e ribalterà il risultato segnando la meta che ci darà il pareggio e poi la trasformerà dandoci la vittoria." :-]
La trasformerà rigorosamente in drop, ovviamente :-]
dio santo quel drop allo stade de france , il solo ricordo mi fa salire l'incazzatura
Link al gruppo telegram del forum rugby.it per i periodi in cui il forum non funziona:
https://t.me/bar_forum_rugbyit

FP96
Messaggi: 584
Iscritto il: 4 giu 2019, 13:36

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da FP96 » 10 gen 2020, 19:17

Leinsterugby ha scritto:
10 gen 2020, 19:13

dio santo quel drop allo stade de france , il solo ricordo mi fa salire l'incazzatura
A sua parziale discolpa, ricordo che in campo c'era Haimona che ammise di non averne mai tirato uno in vita sua...

Leinsterugby
Messaggi: 5479
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Leinsterugby » 10 gen 2020, 19:26

FP96 ha scritto:
10 gen 2020, 19:17
Leinsterugby ha scritto:
10 gen 2020, 19:13

dio santo quel drop allo stade de france , il solo ricordo mi fa salire l'incazzatura
A sua parziale discolpa, ricordo che in campo c'era Haimona che ammise di non averne mai tirato uno in vita sua...
per non parlare del vigile Gori che in quei contesti faceva + casino che altro nell'organizzare le ruck, detto ciò fu una scelta scellerata, stavamo avanzando lentamente
Link al gruppo telegram del forum rugby.it per i periodi in cui il forum non funziona:
https://t.me/bar_forum_rugbyit

Man of the moment
Messaggi: 1274
Iscritto il: 19 feb 2018, 18:01

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Man of the moment » 10 gen 2020, 20:27

Leinsterugby ha scritto:
10 gen 2020, 19:26
FP96 ha scritto:
10 gen 2020, 19:17
Leinsterugby ha scritto:
10 gen 2020, 19:13

dio santo quel drop allo stade de france , il solo ricordo mi fa salire l'incazzatura
A sua parziale discolpa, ricordo che in campo c'era Haimona che ammise di non averne mai tirato uno in vita sua...
per non parlare del vigile Gori che in quei contesti faceva + casino che altro nell'organizzare le ruck, detto ciò fu una scelta scellerata, stavamo avanzando lentamente
e Haimona che poi dichiara ridendo di non aver mai tirato un drop in carriera, che rabbia!!!! (Anche se il suo piazzato prima ci aveva riportato in vantaggio)

Avatar utente
Big Lebowski
Messaggi: 3310
Iscritto il: 9 mag 2015, 8:45
Località: Thiene (VI)

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Big Lebowski » 11 gen 2020, 10:11

jpr williams ha scritto:
9 gen 2020, 12:07
Guarda, come detto lascio perdere, mi basta solo che finisca il prima possibile sta roba.
Da un punto di vista metodologico:
Mi limito a dire che quella è la mia opinione, non ho alcuna pretesa che sia la verità. Ognuno di noi è portatore di opinioni, la verità qua non ce l'ho né io, né nessun altro. Se uno mi dice una cosa ed io gli rispondo dicendo che secondo me è diverso non sto affatto pretendendo che la mia sia la verità e la sua menzogna, come credo non lo pretenda lui nel dire la sua. Contrapponiamo opinioni. Se quando qualcuno dice la sua tu gli dici che pretende che la sua sia la verità ciò è un modo poco corretto per zittirlo, secondo me.
Su questo argomento sono pressochè l'unico ad avere questa posizione: forse è obbligatoria l'unanimità?
Si ma qua manca poco che siamo a livello delle scie chimiche eh.
Mi hai fatto tornare in mente la barzelletta del vecchietto in macchina che sente alla radio: "attenzione segnaliamo un pazzo che guida contromano in autostrada!" e lui mentre scansa macchine in continuazione esclama "uno solo? saran duecento!"

Avatar utente
Sergio Martin
Messaggi: 1631
Iscritto il: 7 mag 2015, 23:32
Località: Roma nord, molto nord...

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Sergio Martin » 11 gen 2020, 10:53

Articolo di Stuart Barnes - The Times, su Sergione:

Parisse's farewell match is wrong kind of send-off Give Rome its bread-andrugby circus. Sergio Parisse is to bid an emotional farewell to Italy in this year's Guinness Six Nations. We are unsure whether he will bow out against Scotland, England or both, but it is certain that this will be the greatest individual distraction in the history of Italian rugby. The sport's third-most capped international with 142 appearances, he isn't just Italy's undisputed all-time great; to many Italian and non-Italian fans he is the sole symbol of the Azzurri. First capped in 2002, he has carried the burden of his nation's struggling team for almost two decades. Gradually the No8 has metamorphosed from Italy's most magnificent servant to their overbearing master. The last I knew, rugby union was a team game. There will be nothing collective about either his fmal game or the hyperbole that will surround what should be a professional build-up to an important international. Everything will centre on the individual. Parisse himself knows how disruptive his presence could prove. His will be the guest appearance, or appearances. The superstar who hogs the headlines. This week he admitted: "If I were permanently in the group [of player even more if I were captain, I would occupy certain spaces." Make that every available space that Italian rugby has to offer. Franco Smith, the new Italy head coach, has stated that Parisse deserved better than to finish his career with a postponed international against the All Blacks in Japan. Beaten by the weather, not New Zealand. Parisse would have served his country better by accepting the cruel vicissitudes of fate and leaving the stage, anticlimactic an ending as it would have been. But that is how it goes. New Zealand dropped Owen Franks, a prop forward with more than 100 caps, because it didn't suit their plans for the World Cup. He won't be donning a black shirt in the summer as a token thanks, much as he too merits an emotional farewell. The team comes first. It always has in New Zealand. Not so in Italy, where the past pulls back against the present and the development into the future. Parisse is past his best. To pick a 36-year-old either to start or come off the bench against Scotland or England is to delay the rebuilding of an Italy team radically in need of overhaul. Past it? Parisse has said it better than anyone. "Physically and mentally I don't have the same energy as when I was 25." He has admitted that "young guys deserve to play and take my place. I don't have any more progress" One has to wonder what role, other than elder statesman, he should have been playing in Japan. He is an honourable, urbane man, and has earned his place in rugby's pantheon. To speak as he did of his own declining game is the honest assessment of a man who has given his all for his country. And so he has. The burden he has borne is immense, but that is not to excuse the fact that for a number of years, Italy s skipper has overplayed his own individual game in an attempt to lift his team. He has been forced into becoming individualistic in what is one of the most demanding team sports. The best Italian back row I have seen in years was the one that blew Canada away in the World Cup: Braam Steyn, Jake Polledri and Sebastian Negri. There were few miracle passes but there was dynamic carrying and abrasive tackling. These are the young guys who deserve their chance. The passing of the baton is already too long delayed. Outside Italy, the team is Parisse. He is the headline before the game and the face the television directors search out. As his powers have waned, his aura has spread. Little have Italy flourished in his shadow. And so we head towards his finale. This is not a selection based on form, on anything to do with Italy's hopes of a rare win; it is a tribute. Nobody disputes that Parisse deserves a tribute. Where else than Rome? The scene of so many fights against the odds. But bringing a potentially debilitating distraction into an international sporting environment is the wrong way to pay homage. Let him walk out alone. Rome would roar its appreciation. The atmosphere may be worth a few points to an Italian team with their best available 23 ready and raring to go. In the short term, that would do the trick. In the longer term, a statue could be erected to the great man. There are many ways to express gratitude and admiration but the one that Parisse and the Italian Federation have concocted is wrong. Much as his family and friends want to see him bow out on the international stage and not a training field in Toyota, there is little doubt that this most committed of Italians has overstepped one of rugby's cherished views. No individual is bigger than the team —so they say — but if someone who has made himself unavailable for Six Nations away games (ironically for all the right reasons, allowing a new captain and team their own space) requests a final hurrah, then treat the saying as nothing but a throwaway line. Sergio's greatness is sealed. He doesn't need one last roll call.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20981
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da jpr williams » 11 gen 2020, 11:13

Big Lebowski ha scritto:
11 gen 2020, 10:11
Si ma qua manca poco che siamo a livello delle scie chimiche eh.
Mi hai fatto tornare in mente la barzelletta del vecchietto in macchina che sente alla radio: "attenzione segnaliamo un pazzo che guida contromano in autostrada!" e lui mentre scansa macchine in continuazione esclama "uno solo? saran duecento!"
Si, la conoscevo.
Dipende poi tutto dalla base statistica, però: 200 contro 1 non è granchè, ma è un indizio. 10 o 11 contro 1 è una casualità.
Potrei contrapporre il grande Marcello Marchesi: "Mangiate merda! Miliardi di mosche non possono sbagliarsi tutte!". :-]
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Garry
Messaggi: 8377
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Garry » 11 gen 2020, 11:31

Sergio Martin ha scritto:
11 gen 2020, 10:53
Articolo di Stuart Barnes - The Times, su Sergione:
Davvero un ottimo articolo, scrive bene Barnes e argomenta molto bene e da britannico prende il rugby molto ma molto seriamente, altro che partita d’addio o tributo alla carriera...

Mi ha quasi convinto, ma c’è una cosa che non torna, ed è uno dei club più importanti in Europa e nel mondo che lo mette in campo quasi tutte le settimane
Memento apologo di Menenio Agrippa
494 a.C.

Mr Ian
Messaggi: 4311
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Mr Ian » 11 gen 2020, 12:02

Garry ha scritto:
11 gen 2020, 11:31
Sergio Martin ha scritto:
11 gen 2020, 10:53
Articolo di Stuart Barnes - The Times, su Sergione:
Davvero un ottimo articolo, scrive bene Barnes e argomenta molto bene e da britannico prende il rugby molto ma molto seriamente, altro che partita d’addio o tributo alla carriera...

Mi ha quasi convinto, ma c’è una cosa che non torna, ed è uno dei club più importanti in Europa e nel mondo che lo mette in campo quasi tutte le settimane
Barnes dice cose che in Italia sanno tutti ma in pochi hanno il coraggio di dire..però Barnes non dice che non è colpa di Parisse se il sistema non ha prodotto un suo degno sostituto. Per cui dopo aver portato la croce e cantato per quasi un ventennio, adesso è l ora del suo meritato tributo e capitolo chiuso.

Garry
Messaggi: 8377
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Garry » 11 gen 2020, 12:05

Ma Barnes è d’accordo sul tributo, non è d’accordo sul fatto che il tributo sia fargli giocare una partita come passerella
Memento apologo di Menenio Agrippa
494 a.C.

stilicone
Messaggi: 1678
Iscritto il: 22 nov 2008, 19:40

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da stilicone » 11 gen 2020, 14:36

Ma Garry ha ragione, quanti altri italiani o italianizzabili, AD OGGI, partono titolari nel Tolone?
Inoltre non si sa esattamente quando e quanto giocherà.
E se entrasse a 20 minuti dalla fine e facesse il classico canto del cigno, non potrebbe ancora contribuire a darci la vittoriuzza che tutti agogniamo'
MEMENTO MAROCCO.

Aironifan
Messaggi: 1017
Iscritto il: 12 feb 2012, 10:46

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da Aironifan » 11 gen 2020, 20:15

stilicone ha scritto:
11 gen 2020, 14:36
Ma Garry ha ragione, quanti altri italiani o italianizzabili, AD OGGI, partono titolari nel Tolone?
Inoltre non si sa esattamente quando e quanto giocherà.
E se entrasse a 20 minuti dalla fine e facesse il classico canto del cigno, non potrebbe ancora contribuire a darci la vittoriuzza che tutti agogniamo'
No, purtroppo. La partita d'addio la gioca da titolare, con conseguente sostituzione per la standing ovation. La consuetudine sarebbe questa.

pilonepoltrone
Messaggi: 288
Iscritto il: 10 mar 2018, 13:10
Località: Un po' qua, un po' là

Re: Sergione sì... Sergione no... Sergione Highlander...mah

Messaggio da pilonepoltrone » 12 gen 2020, 9:34

Ilgorgo ha scritto:
10 gen 2020, 9:23
Sì, era una barzelletta, ma non tanto divertente... ecco la soluzione:

Perché
Potenza + Matera = Basi Licata

Immagine
muoro... :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”