Il nuovo allenatore della nazionale

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Leinsterugby
Messaggi: 5550
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Leinsterugby » 3 dic 2019, 19:03

jpr williams ha scritto:
3 dic 2019, 18:18
Mr Ian ha scritto:
3 dic 2019, 17:18
Se si fosse scritto che l Italia di Brunel avrebbe preso un quarantello dalla Benetton Treviso di Crowley, allora posso essere d accordo. Ma paragonare il sistema Italia di O Shea con quello di Brunel non rende merito al francese nè alle vittorie raggiunte con lui nel 6N
D'accordo.
Posso però proporre una sorta di mediazione?

I momenti migliori di Brunel sono stati migliori di quelli di O'Sé
I momenti peggiori di O'Sé sono stati migliori di quelli di Brunel.

Comunque questi due teneteveli voi, che io mi prendo Coste e Berbizier.
Concordo. Con brunel (oltre alle vittorie) siamo andati vicinissimi a battere gli inglesi due volte(Mannaggia ai calci di notes, masi, bortolami e clancy) però nel 2014 e 16 sono state prese imbarcata che con COS non si sono mai viste
Link al gruppo telegram del forum rugby.it per i periodi in cui il forum non funziona:
https://t.me/bar_forum_rugbyit

italicbold
Messaggi: 717
Iscritto il: 15 dic 2008, 17:10

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da italicbold » 4 dic 2019, 11:16

A mio avviso si sottovaluta molto il lavoro di Mallett.

Avatar utente
giobart
Messaggi: 1507
Iscritto il: 18 mag 2004, 0:00
Località: Jesi

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da giobart » 4 dic 2019, 14:09

italicbold ha scritto:
4 dic 2019, 11:16
A mio avviso si sottovaluta molto il lavoro di Mallett.
Per me Mallett è un grandissimo allenatore, ma in Italia non ha portato niente di nuovo.
La disumanità è il male più grande dell'Umanità!

Leinsterugby
Messaggi: 5550
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Leinsterugby » 4 dic 2019, 14:20

italicbold ha scritto:
4 dic 2019, 11:16
A mio avviso si sottovaluta molto il lavoro di Mallett.
Mallet ha avuto la squadra più forte. Ebbe solo il merito di sistemare la difesa su cui poi brunel costruì i suoi successi. In attacco facevamo pena. L unica volta che fece giocare marcato vincemmo con la Scozia
Link al gruppo telegram del forum rugby.it per i periodi in cui il forum non funziona:
https://t.me/bar_forum_rugbyit

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21231
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da jpr williams » 4 dic 2019, 17:17

italicbold ha scritto:
4 dic 2019, 11:16
A mio avviso si sottovaluta molto il lavoro di Mallett.
Io l'ho messo sul gradino basso del podio dopo Coste e Berbizier.
L'unica cosa che non riesco a perdonargli è il fatto di aver sempre fatto giocare Marcato 15 e Masi 10 anzichè il contrario. Per me quello è stato peggio di Mauro 9, cosa clamorosa, ma durata un solo tempo.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Avatar utente
Hap
Messaggi: 6686
Iscritto il: 3 feb 2010, 16:49

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Hap » 5 dic 2019, 8:37

jpr williams ha scritto:
4 dic 2019, 17:17
italicbold ha scritto:
4 dic 2019, 11:16
A mio avviso si sottovaluta molto il lavoro di Mallett.
Io l'ho messo sul gradino basso del podio dopo Coste e Berbizier.
L'unica cosa che non riesco a perdonargli è il fatto di aver sempre fatto giocare Marcato 15 e Masi 10 anzichè il contrario. Per me quello è stato peggio di Mauro 9, cosa clamorosa, ma durata un solo tempo.
Mmmh, se non ricordo male non è stato sempre così. A Twickenham 2009 (mio felicissimo esordio come tifoso a seguito degli Azzurri), la funesta esperienza di Bergamauro a 9, Marcato giocò apertura. E prese, grazie anche alla non perfetta assistenza incolpevole di Bergamauro, delle tranvate colossali che lo fecero uscire dal campo infortunato. Credo che quella fu l'ultima presenza di Marcato con l'Italia.

Sono d'accordo con Leinster, Mallett uno dei peggiori, anche rispetto alla rosa a disposizione.
Agli amici che compaiono dagli abissi di internet solo quando l'Italia le prende, gustando il momento con rara intensità: grazie.
Grazie.
Grazie perché mi avete fatto capire il senso di tutti quei video porno in cui i mariti si sollazzano vedendo la moglie soddisfatta da un estraneo.

Garry
Messaggi: 9438
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Garry » 5 dic 2019, 9:17

Per Mallett basterebbe rileggere quello che hanno detto i giocatori quando ha terminato il suo mandato.
A cosa serviamo, esattamente?
Il mare di Napoli pulito, quasi pulito il cielo sopra la Cina, i pesci nei canali di Venezia, Venere e Sirio che rilucono, enormi, nel cielo trasparente. La ritirata dell'uomo, con il suo strascico sontuoso di deiezioni, rinvigorisce la natura, bastano poche settimane (in termini cosmici, meno di un istante) perché Gea festeggi la nostra stasi, la nostra malattia. Impressionanti l'immediatezza e la sincerità con le quali il mondo ci sta dimostrando che può fare a meno di noi.
Michele Serra

Man of the moment
Messaggi: 1318
Iscritto il: 19 feb 2018, 18:01

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Man of the moment » 5 dic 2019, 10:23

Garry ha scritto:
5 dic 2019, 9:17
Per Mallett basterebbe rileggere quello che hanno detto i giocatori quando ha terminato il suo mandato.
Tipo?

Garry
Messaggi: 9438
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Garry » 5 dic 2019, 10:27

Man of the moment ha scritto:
5 dic 2019, 10:23
Garry ha scritto:
5 dic 2019, 9:17
Per Mallett basterebbe rileggere quello che hanno detto i giocatori quando ha terminato il suo mandato.
Tipo?
Tipo che se il pallone passava al di là del numero 10, insomma, se veniva "aperto", ti fucilavano sul posto.
A cosa serviamo, esattamente?
Il mare di Napoli pulito, quasi pulito il cielo sopra la Cina, i pesci nei canali di Venezia, Venere e Sirio che rilucono, enormi, nel cielo trasparente. La ritirata dell'uomo, con il suo strascico sontuoso di deiezioni, rinvigorisce la natura, bastano poche settimane (in termini cosmici, meno di un istante) perché Gea festeggi la nostra stasi, la nostra malattia. Impressionanti l'immediatezza e la sincerità con le quali il mondo ci sta dimostrando che può fare a meno di noi.
Michele Serra

Man of the moment
Messaggi: 1318
Iscritto il: 19 feb 2018, 18:01

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Man of the moment » 5 dic 2019, 10:28

Garry ha scritto:
5 dic 2019, 10:27
Man of the moment ha scritto:
5 dic 2019, 10:23
Garry ha scritto:
5 dic 2019, 9:17
Per Mallett basterebbe rileggere quello che hanno detto i giocatori quando ha terminato il suo mandato.
Tipo?
Tipo che se il pallone passava al di là del numero 10, insomma, se veniva "aperto", ti fucilavano sul posto.
Hai dei link?

Garry
Messaggi: 9438
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da Garry » 5 dic 2019, 10:37

Man of the moment ha scritto:
5 dic 2019, 10:28
Garry ha scritto:
5 dic 2019, 10:27
Man of the moment ha scritto:
5 dic 2019, 10:23
Garry ha scritto:
5 dic 2019, 9:17
Per Mallett basterebbe rileggere quello che hanno detto i giocatori quando ha terminato il suo mandato.
Tipo?
Tipo che se il pallone passava al di là del numero 10, insomma, se veniva "aperto", ti fucilavano sul posto.
Hai dei link?
Eh, si va troppo indietro. Non ho nulla. Bisognerebbe rileggerle interviste dopo i primi raduni con Brunel quando facevano il paragone con il precedente
A cosa serviamo, esattamente?
Il mare di Napoli pulito, quasi pulito il cielo sopra la Cina, i pesci nei canali di Venezia, Venere e Sirio che rilucono, enormi, nel cielo trasparente. La ritirata dell'uomo, con il suo strascico sontuoso di deiezioni, rinvigorisce la natura, bastano poche settimane (in termini cosmici, meno di un istante) perché Gea festeggi la nostra stasi, la nostra malattia. Impressionanti l'immediatezza e la sincerità con le quali il mondo ci sta dimostrando che può fare a meno di noi.
Michele Serra

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21231
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da jpr williams » 5 dic 2019, 11:35

Hap ha scritto:
5 dic 2019, 8:37
Mmmh, se non ricordo male non è stato sempre così. A Twickenham 2009 (mio felicissimo esordio come tifoso a seguito degli Azzurri), la funesta esperienza di Bergamauro a 9, Marcato giocò apertura. E prese, grazie anche alla non perfetta assistenza incolpevole di Bergamauro, delle tranvate colossali che lo fecero uscire dal campo infortunato. Credo che quella fu l'ultima presenza di Marcato con l'Italia.

Sono d'accordo con Leinster, Mallett uno dei peggiori, anche rispetto alla rosa a disposizione.
Bergamauro 9 è stata una cosa così clamorosa da essere rimasta nell'immaginario collettivo, ma, ripetò, durò un tempo.
Marcato giocò molte più partite a 15 che non a 10.

Non sono un entusiasta di Mallett, ma per me gli altri che ho messo dietro di lui sono stati ancora meno entusiasmanti.
Ecco, forse ho un pò penalizzato Kirwan, ma rimango convinto della mia graduatoria: Coste, Berbizier, Mallett, Kirwan.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21231
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da jpr williams » 5 dic 2019, 11:39

Garry ha scritto:
5 dic 2019, 10:27
Tipo che se il pallone passava al di là del numero 10, insomma, se veniva "aperto", ti fucilavano sul posto.
La squadra ideale di Mallett era formata da 8 avanti e 7 terze linee... :-]
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

jentu
Messaggi: 4113
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da jentu » 5 dic 2019, 12:48

jpr williams ha scritto:
5 dic 2019, 11:39
Garry ha scritto:
5 dic 2019, 10:27
Tipo che se il pallone passava al di là del numero 10, insomma, se veniva "aperto", ti fucilavano sul posto.
La squadra ideale di Mallett era formata da 8 avanti e 7 terze linee... :-]
Un disastro tecnico, quindi, non capisco perchè lo apprezzi
Parlare e scrivere sono due attività umane differenti

speartakle
Messaggi: 3589
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Il nuovo allenatore della nazionale

Messaggio da speartakle » 5 dic 2019, 12:53

jentu ha scritto:
5 dic 2019, 12:48
jpr williams ha scritto:
5 dic 2019, 11:39
Garry ha scritto:
5 dic 2019, 10:27
Tipo che se il pallone passava al di là del numero 10, insomma, se veniva "aperto", ti fucilavano sul posto.
La squadra ideale di Mallett era formata da 8 avanti e 7 terze linee... :-]
Un disastro tecnico, quindi, non capisco perchè lo apprezzi
perchè contano i risultati :wink:

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”