Covid 19

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Ilgorgo
Messaggi: 11217
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Covid 19

Messaggio da Ilgorgo » 29 feb 2020, 18:12

Mah, innanzitutto non devi leggermi come il vangelo perché non mi pare di dire mai chissà quali cose speciali.
In questo caso non volevo attaccare te anche perché non mi ricordo che tu abbia scritto qualcosa al riguardo di prendere sottogamba questa epidemia; ma al di là di questo, c'è qualcosa di sbagliato nel paragone che ho fatto? Se sì, spiegamelo. A me le due situazioni (morbillo, coronavirus) sembrano molto simili, e non capisco come si faccia in un caso ad attaccare chi ritiene superfluo vaccinarsi e nell'altro caso a ritenere superfluo prendere precauzioni. In entrambi i casi si mette a rischio soprattutto la parte debole della popolazione. Am I wrong?

Guido_53
Messaggi: 150
Iscritto il: 9 mar 2019, 8:14

Re: Covid 19

Messaggio da Guido_53 » 29 feb 2020, 22:57

https://www.onrugby.it/2020/02/29/coron ... e-rischio/
Situazione sempre più complicata...

Avatar utente
giuseppone64
Messaggi: 9808
Iscritto il: 13 dic 2011, 14:29
Località: roma

Re: Covid 19

Messaggio da giuseppone64 » 29 feb 2020, 23:03

Garry ha scritto:
29 feb 2020, 18:10
Quello di dire "è poco più di un'influenza" può servire per eliminare gli eccessi, per non avere paura per la propria incolumità. Per me è giusto sempre che sia unito alla disponibilità a fare il possibile per rallentare il contagio (fermarlo non si può, mi sembra chiaro).

Quello che non mi quadra è questo.
Le persone in pericolo sono le più deboli, anziani, ammalati eccetera.
Però la coppia di cinesi che adesso è guarita è rimasta ricoverata allo Spallanzani per più di un mese, e in terapia intensiva ci sono anche persone sulla trentina. Credo che ancora non ci sia chiarezza e univocità di pareri.

L'unica certezza è che chi critica il governo in una situazione del genere è un imbecille
Parlato stasera con uno dei massimi esperti. Il vero problema è che quando si sviluppa, 25-30% dei casi, ci vuole la terapia intensiva che può durare anche 60 giorni. Quindi una diffusione a larga scala modello influenza , per intenderci 2 o 3 milioni di soggetti colpiti, sarebbe una ecatombe perché già adesso alcuni ospedali rischiano il collasso e siamo a 1100, circa, contagiati. La grande preoccupazione è questa.
Scusa tesoro se sono stato un po' brusco stamani. Papà non sei stato un po' brusco, sei stato un barbaro...
mio figlio 17 anni
Amore sbrigati che facciamo tardi a scuola! Mi sbrigo solo se mi ripeti che sono la più bella del mondo.
mia figlia 6 anni
MA CHE ORA E'?
mia moglie
Molti amici molto onore
Io

Garry
Messaggi: 12739
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Covid 19

Messaggio da Garry » 29 feb 2020, 23:21

Esattamente. La grande preoccupazione è questa, più della mortalità.
Lo scopo primario è rallentare la diffusione.
"La vera bontà dell'uomo si può manifestare in tutta purezza e libertà solo nei confronti di chi non rappresenta alcuna forza.
Il vero esame morale dell'umanità, l'esame fondamentale (posto così in profondità da sfuggire al nostro sguardo), è il suo rapporto con coloro che sono alla sua mercé: gli animali. E qui sta il fondamentale fallimento dell'uomo, tanto fondamentale che da esso derivano tutti gli altri" (Milan Kundera)

Ilgorgo
Messaggi: 11217
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Covid 19

Messaggio da Ilgorgo » 1 mar 2020, 7:52

Se davvero nel 25-30% dei casi (così tanti?) ci vuole il ricovero in terapia intensiva forse sarebbe bene smettere di paragonarlo a un'influenza.
Io comunque continuo a leggere dati conflittuali, perfino all'interno di uno stesso articolo. Ieri sera ho letto "10 bufale sul contagio da smentire", su La Repubblica www.repubblica.it/scienze/2020/02/29/ne ... 249900718/ e alcune cose non le ho ben capite

- "Le mascherine standard non proteggono dal contagio di Sars-CoV-2. Né il modello 'da sala operatoria' né l’antismog N95 possono bloccare del tutto la diffusione del virus, ma aiutano le persone infette a prevenirla filtrando le goccioline di saliva che possono trasmettere il virus".
Se aiutano le persone infette a prevenirla (o voleva dire "a diffonderla"?) dovrebbero aiutare anche i sani a non venire in contatto con quelle goccioline. Cioè forse non proteggono completamente ma lo fanno parzialmente, il ché è sempre una forma di protezione.

- "Ci sono meno probabilità di contrarre l’influenza? Non necessariamente. La capacità di diffusione del coronavirus è calcolata in base al valore riproduttivo R0 che esprime il numero di persone che possono essere contagiate da un unico paziente infetto. L’R0 di Sars-CoV-2, il virus che causa Covid-19, è stimato su circa 2,2, mentre l’influenza si attesta su 1,3 [...]".
Allora sì, ci sono meno probabilità di contrarre l'influenza: 2,2 è maggiore di 1,3.

- "Il coronavirus è meno letale dell'influenza. Finora sembra che Sars-CoV-2 sia più letale dell'influenza. Tuttavia, c'è ancora molta incertezza sul tasso di mortalità del virus. Secondo il Cdc, negli Usa l'influenza stagionale in media ha un tasso di mortalità di circa lo 0,1%, che quest’anno è stimato su circa lo 0,05% tra i pazienti che hanno contratto il virus influenzale. Mentre i recenti dati su Covid-19 suggeriscono che il tasso di letalità di Sars-CoV-2 è di 20 volte superiore, ossia del 2,3% (fonte: China Cdc Weekly, 18 febbraio) [...]"
Ieri sera era scritto "finora non sembra che Sars... sia più letale dell'influenza", e poi seguivano i dati che affermano il contrario. Questo dava a tutto l'articolo un tono ancor più disorientante, ora vedo invece che hanno tolto quel 'non' (o me lo ero sognato io ieri sera?) e almeno questo paragrafo riacquista logicità

Ilgorgo
Messaggi: 11217
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Covid 19

Messaggio da Ilgorgo » 1 mar 2020, 7:55

Guido_53 ha scritto:
29 feb 2020, 22:57
https://www.onrugby.it/2020/02/29/coron ... e-rischio/
Situazione sempre più complicata...
In Asia hanno rinviato a data da definire tutte le competizioni internazionali di rugby previste da qui al 30 giugno

jentu
Messaggi: 4158
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: Covid 19

Messaggio da jentu » 1 mar 2020, 8:21

I giornalisti scrivono su tutto ciò di cui non sono competenti.
La competenza del giornalista sta, quindi, nella sua capacità di discernere quali sono le fonti affidabili e quali no.
Su questo non c'è fama di giornale serio che tenga in quanto il sensazionalismo ha contagiato, qui davvero, tutti.
Siamo immersi in un calderone di notizie e fake dove capire cosa è vero è impresa titanica, già arrivare al verosimilmente è difficile.
Ad esempio la data di diffusione in Italia del virus, con la nuova datazione della sua diffusione originaria in Cina (ottobre), pare che possa risalire a Natale con il ritorno degli italiani per le feste dalla Cina, verosimilmente ma non certo.
Parlare e scrivere sono due attività umane differenti

ruttobandito
Messaggi: 1834
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: Covid 19

Messaggio da ruttobandito » 1 mar 2020, 8:52

Ilgorgo ha scritto: Se davvero nel 25-30% dei casi (così tanti?) ci vuole il ricovero in terapia intensiva forse sarebbe bene smettere di paragonarlo a un'influenza.
No Gorgo, Giuseppone ha scritto "quando si sviluppa". Significa che, nei casi in cui la malattia non è asintomatica o lieve e non viene contrastata o addirittura trova condizioni favorevoli per progredire, nel 25-30% dei casi il suo decorso è più grave di quello di un'influenza.

Anche tu Giusè, mica puoi sganciare così certe bombe però, eh... :roll:
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)

Ilgorgo
Messaggi: 11217
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Covid 19

Messaggio da Ilgorgo » 1 mar 2020, 9:21

Ok
Comunque continuo a non riuscire a mettere insieme tutti i pezzi e i dati e le percentuali che si leggono; mi sembra che spesso combacino poco.
Però va bè, cercherò di capirne un po' di più da solo senza venire a lamentarmi sempre sul forum

Garry
Messaggi: 12739
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Covid 19

Messaggio da Garry » 1 mar 2020, 10:43

L’ultima è di Travaglio, noto infettivologo. Ha detto che l’influenza causa 214 decessi alla settimana :rotfl:
Un Paese di infettivologi :lol:

Se c’è una cosa positiva di questa epidemia è che costringe la gente a pensare un po’ di più alla vita e alla morte
"La vera bontà dell'uomo si può manifestare in tutta purezza e libertà solo nei confronti di chi non rappresenta alcuna forza.
Il vero esame morale dell'umanità, l'esame fondamentale (posto così in profondità da sfuggire al nostro sguardo), è il suo rapporto con coloro che sono alla sua mercé: gli animali. E qui sta il fondamentale fallimento dell'uomo, tanto fondamentale che da esso derivano tutti gli altri" (Milan Kundera)

Mr Ian
Messaggi: 4944
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Covid 19

Messaggio da Mr Ian » 1 mar 2020, 10:46

Questo virus ha mostrato purtroppo la vera faccia di questo paese, un popolo debole e che crede a tutto quello che gli viene detto senza un minimo di spirito critico o con la volontà di riflettere sulla reale questione.
Abbiamo una stampa di bassissimo livello, quasi nullo. Direttamente proporzionale alla qualità politica del paese stesso.
Dopo anni e anni di aver ridotto all osso il sistema sanitario nazionale, oggi ci accorgiamo che quest ultimo è l unico baluardo sanitario del paese, dove sono le varie cliniche ed ospedali privati?
Siamo un popolo debole ed individualista, andiamo in crisi per nulla, come se quello che succede a pochi passi da noi quasi non ci toccasse. Sono altre le cose che mi preoccupano, ogni volta soffro quando arrivano le immagini delle varie guerre che ci sono in Medio Oriente, immagini crudeli che spesso colpiscono i più deboli..
Siamo inermi di fronte a quella che è un influenza, forse più aggressiva, ma niente di che...magari in molti l abbiamo avuta ma siccome non abbiamo fatto in tampone siamo guariti normalmente...
Cosa accadrebbe in questo paese se fossimo invece colpiti da un conflitto bellico? Avremmo la forza di reagire? Io personalmente condanno e ripudio ogni tipo di offesa ad un altro essere umano, ma noi siamo diventati dei rammolliti senza spina dorsale

ruttobandito
Messaggi: 1834
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: Covid 19

Messaggio da ruttobandito » 1 mar 2020, 11:06

No Signor Gianni, non è vero che siamo alla disfatta, anzi.
Se è vero che la sanità pubblica è sottodimensionata per affrontare eventi straordinari, come il contagio inatteso di un virus semisconosciuto, è perché quegli eventi sono sempre più rari. La pianificazione finanziaria tende a preferire interventi preventivi, come le vaccinazioni, alla predisposizione di strutture e organizzazioni dal mantenimento oneroso e normalmente poco sfruttate.
L'approccio finanziario alle questioni economiche di interesse pubblico non è un'esclusiva italiana, è una dinamica tipica del capitalismo e dello stile di vita occidentale, non facciamocene una colpa squisitamente nostra.
Riguardo prospettive peggiori, come guerre e carestie, tenderei ad escluderle dal dibattito. Mi sembra che di carne al fuoco ne abbiamo già abbastanza così.
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)

30 min
Messaggi: 520
Iscritto il: 20 mar 2016, 11:27

Re: Covid 19

Messaggio da 30 min » 1 mar 2020, 12:36

Garry:
"L’ultima è di Travaglio, noto infettivologo. Ha detto che l’influenza causa 214 decessi alla settimana"

Guarda che Travaglio non ha detto una sciacchezza. I dati sulla motalita' annua per influenza in Italia negli ultimi anni sono di 300-400 decessi direttamente legati all' influenza e 4.000-10.000 decessi dovuti a complicazioni legate all' infezione. Fonte ISS.

speartakle
Messaggi: 4381
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Covid 19

Messaggio da speartakle » 1 mar 2020, 12:47

ruttobandito ha scritto:
1 mar 2020, 11:06
No Signor Gianni, non è vero che siamo alla disfatta, anzi.
Se è vero che la sanità pubblica è sottodimensionata per affrontare eventi straordinari, come il contagio inatteso di un virus semisconosciuto, è perché quegli eventi sono sempre più rari. La pianificazione finanziaria tende a preferire interventi preventivi, come le vaccinazioni, alla predisposizione di strutture e organizzazioni dal mantenimento oneroso e normalmente poco sfruttate.
L'approccio finanziario alle questioni economiche di interesse pubblico non è un'esclusiva italiana, è una dinamica tipica del capitalismo e dello stile di vita occidentale, non facciamocene una colpa squisitamente nostra.
Riguardo prospettive peggiori, come guerre e carestie, tenderei ad escluderle dal dibattito. Mi sembra che di carne al fuoco ne abbiamo già abbastanza così.
Sposo il commento e ribadisco che il sistema sanitario di altri paesi che possono sembrare meno rammolliti di noi potrebbe andare completamente nella pupù. Vedasi Usa ( loro si sarebbero nella merda più totale) o GB.
Direi che denigrarci in questo momento sia abbastanza inutile.
Evidenti i problemi dell'informazione, ma come dimostrano anche altri thread di questo forum, la gente ha difficoltà a rapportarsi col prossimo, leggere attentamente quanto gli altri scrivono e capirne il senso.

Avatar utente
giuseppone64
Messaggi: 9808
Iscritto il: 13 dic 2011, 14:29
Località: roma

Re: Covid 19

Messaggio da giuseppone64 » 1 mar 2020, 14:20

ruttobandito ha scritto:
1 mar 2020, 8:52
Ilgorgo ha scritto: Se davvero nel 25-30% dei casi (così tanti?) ci vuole il ricovero in terapia intensiva forse sarebbe bene smettere di paragonarlo a un'influenza.
No Gorgo, Giuseppone ha scritto "quando si sviluppa". Significa che, nei casi in cui la malattia non è asintomatica o lieve e non viene contrastata o addirittura trova condizioni favorevoli per progredire, nel 25-30% dei casi il suo decorso è più grave di quello di un'influenza.

Anche tu Giusè, mica puoi sganciare così certe bombe però, eh... :roll:
Il problema è che su cose così serie bisogna essere integralisti nell’onestà. Io ho diversi amici medici tra cui uno specialista al momento impegnato su questo fronte. Forse sono stato poco diplomatico nel condividere l’informazione, ma tant’è. Considerate, e qui mi non c’è alcun intento discriminatorio, che i focolai si sono sviluppati nelle due regioni dove il servizio sanitario eccelle, non oso immaginare come potevano gestire la situazione in campania e in calabria e sopratutto quali sarebbero state le conseguenze del contagio. OMS è preoccupato per i paesi africani e latini che a differenza della cina non hanno i mezzi per fronteggiare il fenomeno. Chiudo con il pensiero rivolto agli eroici giovani medici cinesi morti come mosche lavorando ininterrottamente per diversi giorni. Mi è stato raccontato del consumo smodato di pannoloni perché non c’erano tute di ricambio e di come siano riusciti ad isolare il focolaio principale. È una grande brutta storia che vorremmo finisse presto per tornare alla normalità e se ci riusciremo in parte sarà per il sacrificio di tanti giovani dei quali il mondo non saprà, o farà finta di non sapere, mai nulla.
Scusate il lungo pistolotto,
Buon rugby a tutti.
Scusa tesoro se sono stato un po' brusco stamani. Papà non sei stato un po' brusco, sei stato un barbaro...
mio figlio 17 anni
Amore sbrigati che facciamo tardi a scuola! Mi sbrigo solo se mi ripeti che sono la più bella del mondo.
mia figlia 6 anni
MA CHE ORA E'?
mia moglie
Molti amici molto onore
Io

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”