Politica italiana e internazionale da bar

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 9 apr 2019, 16:50

Però il tipo che ha scritto quel pezzo mi sembra tutt'altro che un Guareschi.
Mi è sembrato uno di quei pezzi "un tanto al chilo" (e infatti nel profilo dice di essere un appassionato di calcio... :lol: ).
L'assunto iniziale, che il rugby nel dopoguerra sia stato osteggiato per questioni politiche, mi sembra tutto da dimostrare, anzi molto fantasioso. Cozza con i racconti di chi in quell'epoca giocava.
Sarà una balla messa in giro da Dondi e Gavazzi per giustificare il nostro ritardo... :-]
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Axel1965 » 9 apr 2019, 17:27

Cavolo hai ragione... ho sbagliato link... sarà la mancanza di materia grigia... Avevo trovato delle belle vignette di trinariciuti... pazienza dai. Sarà per la prossima...

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 9 apr 2019, 17:36

Eheheh, grande Guareschi, uno che ha sempre saputo quale fosse la parte giusta, e per questo ha pagato profumatamente
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 9 apr 2019, 20:10

Alles Gute für Sie, ihre
Familien und auch für Ihre Firmen, um in dieser turbulenten Zeit zu bestehen.
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Axel1965 » 9 apr 2019, 20:15

Garry ha scritto:Alles Gute für Sie, ihre
Familien und auch für Ihre Firmen, um in dieser turbulenten Zeit zu bestehen.
Got mit uns !

metabolik
Messaggi: 5798
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da metabolik » 9 apr 2019, 23:50

evvollevo vedere che non vincevano la prima partita ufficiale in casa contro la Spagna/Catalogna.
C'era Vinci 1 , Vinci 2 e pure Vinci 3 !!

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 9 apr 2019, 23:55

metabolik ha scritto:evvollevo vedere che non vincevano la prima partita ufficiale in casa contro la Spagna/Catalogna.
C'era Vinci 1 , Vinci 2 e pure Vinci 3 !!
Attenzione a Vinci, eh...
Per molti anni come iettatura per far sbagliare il calciatore avversario dalla piazzola il pubblico diceva, appunto, Paolo Vinci (che non ricordo quale fosse dei tre). Ma lo dicevano anche i giocatori in campo.
Mi ricordo che una volta durante una partita in cui stavo giocando un arbitro evidentemente superstizioso con la faccia allarmata aveva mormorato "Nun se dicono 'ste cose"
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 9 apr 2019, 23:57

Trovato.

Paolo Vinci era il "Vinci II". I fratelli poi erano in tutto quattro
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Luqa-bis
Messaggi: 5144
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Luqa-bis » 10 apr 2019, 8:16

Mia solita vis polemica.

La chiusura e la documentazione fotografica dell'articolo sono discutibili: hai speso tutte queste righe per confutare la teoria del rugby sport del regime, hai speso righe per sancire via la politica dallo sport.
Corolli il tutto con il sermone contro l'antifascista militante che non ama vedere la nazionale ritratta davanti al quadro "Apoteosi del fascismo" citando l'esempio del Curzi Telekabul Riserva Indiana che salva l'obelisco.
Poi ci infili una sequenza di partite con squadre con saluto fascista e chiudi con un "il rugby in Italia si è diffuso grazie al fascismo".

Tajani al parlamento UE è venuto a ripetizione da te.

In quanto alla opposizione (presunta) al rugby:
negli anni '70 mi risultano cose un po' diverse e colorite

forse più del pregiudizio politico, rifletterei sul possibile pregiudizio culturale di una Italia intellettuale che ricordava l'opinione dei fautori del rugby sugli intellettuali (citata nel testo), del resto ad Oscar Wilde, non mi pare fossimo particolarmente simpatici.

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Axel1965 » 10 apr 2019, 8:47

Premetto che sono entrato in questa stanza perchè su FB se ne è parlato come una delle più effervescenti. Premetto che il tempo trascorso in discussioni è tempo rubato alla passione, divulgazione e sostegno al nostro sport. Premetto che il sito si chiama "Rugby.it". Ma per la miseria fascisti, comunisti, gente senza cervello ecompagnia cantando, poi in inghilrterra passa la regola del metà tempo obbligatorio e qui nessuno ne parla ? Andiamo bene, viviamo di ricordi, nepotismi, nostalgia e W il Parroco. Per il resto vuoto pneumatico...

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 10 apr 2019, 9:17

Veramente quello che ha messo un articolo su "ricordi", sei statu tu, eh...
Tanto per essere precisi.

Il forum è diviso in varie sezioni, è singolare che uno entri in un forum che si chiama "Rugby.it", e siccome vuole parlare di rugby, di RUGBY, si dirige subito dove? Nella sezione degli arbitri? In quella in cui si parla dei campionati? No, in quella che richiama "Chiamate la neuro".
CHIAMATE LA NEURO :lol:
All'interno di questa, sempre cercando di parlare di rugby, si dirige sul topic "Politica italiana e internazionale da bar" per lamentarsi che non si parla di rugby.

C'è qualcosa che non quadra
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Axel1965 » 10 apr 2019, 10:13

Garry ha scritto:Veramente quello che ha messo un articolo su "ricordi", sei statu tu, eh...
Tanto per essere precisi.

Il forum è diviso in varie sezioni, è singolare che uno entri in un forum che si chiama "Rugby.it", e siccome vuole parlare di rugby, di RUGBY, si dirige subito dove? Nella sezione degli arbitri? In quella in cui si parla dei campionati? No, in quella che richiama "Chiamate la neuro".
CHIAMATE LA NEURO :lol:
All'interno di questa, sempre cercando di parlare di rugby, si dirige sul topic "Politica italiana e internazionale da bar" per lamentarsi che non si parla di rugby.

C'è qualcosa che non quadra
Ti avero riconosciuto subito, sei quello che dice una cosa, ne pensa un'altra e ne fa un'altra ancora. Sono sul forum da anni, e per la prima volta dopo aver letto su FB la storia del sito sono venuto a curiosare qui in basso... Comunque pazienza, credevo che comunque il sito si chiamasse "Rugby.it" e per il cazzaggio ci fossero altri lidi. Prendo nota che le regole le fai, le disfi, e le rifai a tuo piacere. Forse è casa tua. Prego i moderatori di cancellarmi, perchè non ho genitori, figli, nipoti che giocano quindi non ho nessuno da raccomandare per questo sport che giocano anche in italia, chiamandolo con lo stesso nome, ma in una versione più lenta e latinizzata, lamenti compresi. Buona vita Gerardo o Gerry o Garry o come vuoi chiamarti.

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 10 apr 2019, 10:32

Anch’io ti avevo conosciuto subito, solo che ho tenuto per me le mie valutazioni, come sarebbe corretto fare.
Questo intervento finale (almeno così sostieni) conferma la mia opinione
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Axel1965
Messaggi: 198
Iscritto il: 21 dic 2012, 11:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Axel1965 » 10 apr 2019, 10:39

Garry ha scritto:Anch’io ti avevo conosciuto subito, solo che ho tenuto per me le mie valutazioni, come sarebbe corretto fare.
Questo intervento finale (almeno così sostieni) conferma la mia opinione
Esatto, non serve aggiungere altro: dopo anni di frequentazione ti trovo qui a parlare di politica su un sito che si chiama "Rugby.it" ( te lo riscrivo perchè sei di quelli che negano la realtà ). Mai visto sulle stanze che frequento io, forse il tuo sport è perculare la gente nascosto dietro un Gerardo qualsiasi. Ti ricordo che la tua opinione su di me vale zero, e nemmeno me ne curo. Ti sei mostrato per quello che sei: la Via, la Verità e il Verbo, e guai a chi vuole cambiare un rugby fatto di figli e figliastri. Buona vita ciccio, non strozzarti con l'osso.

Garry
Messaggi: 7033
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 10 apr 2019, 10:48

Axel1965 ha scritto:
Garry ha scritto:Anch’io ti avevo conosciuto subito, solo che ho tenuto per me le mie valutazioni, come sarebbe corretto fare.
Questo intervento finale (almeno così sostieni) conferma la mia opinione
Esatto, non serve aggiungere altro: dopo anni di frequentazione ti trovo qui a parlare di politica su un sito che si chiama "Rugby.it" ( te lo riscrivo perchè sei di quelli che negano la realtà ). Mai visto sulle stanze che frequento io, forse il tuo sport è perculare la gente nascosto dietro un Gerardo qualsiasi. Ti ricordo che la tua opinione su di me vale zero, e nemmeno me ne curo. Ti sei mostrato per quello che sei: la Via, la Verità e il Verbo, e guai a chi vuole cambiare un rugby fatto di figli e figliastri. Buona vita ciccio, non strozzarti con l'osso.
Mi chiedo se questo astio derivi dalla vignetta sui neofascisti che ha provocato il tuo primo intervento.
Non frequento le tue stesse sezioni, però mi puoi trovare (ma spero che tu non lo faccia) su quella della nazionale, su quella del Pro14 e su altre.
La mia opinione su di te vale zero? Per te vale zero, certo, e sempre per te avrà invece un grandissimo valore l’opinione che hai su di me, tanto che ti sei sentito in dovere di scriverla. Bravo.

Auguri per il cambiamento che vuoi portare al rugby. Un progetto ambizioso e prestigioso, bravo.
Che tu possa ottenere ciò che desideri e desiderare ciò che ottieni. 8-)
MEMENTO: Apologo di Menenio Agrippa

Rispondi

Torna a “Chiamate la Neuro....”