Politica italiana e internazionale da bar

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
VANZANDT
Messaggi: 3177
Iscritto il: 17 feb 2010, 16:41

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da VANZANDT » 13 dic 2019, 16:19

sono in guerra ora. all'interno di una camicia di forza dove i più forti schiacciano gli altri.

Luqa-bis
Messaggi: 5505
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Luqa-bis » 13 dic 2019, 16:20

Non sono sicuro che uscire dalla UE favorisca meccanismi anti oligarchia.
E non credo che questa sia stata la riflessione della larga maggioranza dell'elettorato inglese.

zappatalpa
Messaggi: 7342
Iscritto il: 21 set 2015, 20:02

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da zappatalpa » 13 dic 2019, 16:23

jpr williams ha scritto:
13 dic 2019, 15:15
Dopo la lettura di questo articolo (zappa, credo possa interessarti)

http://espresso.repubblica.it/plus/arti ... ef=RHRR-BE

La mia domanda è: ma quelli di sinistra che cazzodibudda fanno?
I casi sono 3:
o non hanno capito l'importanza del giochino
o sono tirchi e non vogliono spendere
o non hanno un cazzodibudda da dire, ma considerando che gli altri hanno solo minchiate da sparare non credo sia questa la questione.

Oppure, forse, il problema è che questi nuovi format di comunicazione sono efficaci solo se hai solo minchiate da sparare, ma se vuoi fare un discorso serio sono inadatti. E alla gente oggi interessano solo le minchiate a quanto pare.
secondo me hanno preso elementi dello staff di Salvini, lo stile é troppo simile. e sí, stanno creando qualcosa di morboso che puó colpire, anche se il personaggio si presta veramente poco, tanto fa caxxare. La fanno bionda, vestiti a pois anni 30, photoshoppata con gli occhi azzurri, madre 50enne, pettinatura piú femminile... peccato che é veramente un cesso al limite.
Seconda domanda: la prima, non hanno capito (tranne uno, Matteo Renzi, e li fate la guerra :roll:), prob in parte perché imprigionati in una certa forma mentis, un certo realismo-razionalismo, che ancora ce lo impedisce. questa é una scienza diversa.
dai crucchi, sveglia!! leggo i giornali, i media brancolano nel buio
Ultima modifica di zappatalpa il 13 dic 2019, 16:24, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21896
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da jpr williams » 13 dic 2019, 16:23

VANZANDT ha scritto:
13 dic 2019, 16:19
sono in guerra ora. all'interno di una camicia di forza dove i più forti schiacciano gli altri.
Quindi meglio la guerra che si facevano con armi vere da scamiciati: è lì che intendi tornare?
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Consulente
Messaggi: 1407
Iscritto il: 21 nov 2009, 17:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Consulente » 13 dic 2019, 16:32

Luqa-bis ha scritto:
13 dic 2019, 16:20
Non sono sicuro che uscire dalla UE favorisca meccanismi anti oligarchia.
E non credo che questa sia stata la riflessione della larga maggioranza dell'elettorato inglese.
No infatti, e' la riflessione di un italiano che vive in UK ma per necessita', non per scelta.
Detto con uno spin negativo, la Brexit e' strumentale a danneggiare l'UE. Adesso le condizioni in UK sotto un governo tory peggioreranno per gli Inglesi (e per me personalmente), ma la battuta d'arresto al progresso della UE e' un buon risultato che vale bene il prezzo. Peraltro, questo riaprira' una finestra di opportunita' per il labour nel 2024, se rimarranno dove sono ora. Se davvero succedesse, allora magari la gente comincera' a capire che un altro mondo e' possibile.
E' la stessa logica per cui avevo votato lega. 5 anni di monocolore leghista farebbero molti meno danni di quanti non ne faccia stare nell'euro e nell'EU per 6 mesi. Poi e' andata come e' andata. Vedremo alle prossime elezioni.

VANZANDT
Messaggi: 3177
Iscritto il: 17 feb 2010, 16:41

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da VANZANDT » 13 dic 2019, 16:35

@jpr
mamma mia. fuori di una logica o di qua o di là non riesci proprio a ragionare. categorie fisse in contrapposizione. follia. la vita è in continua evoluzione mai ferma. non cristallizzabile in categorie. tra stati esiste la possibiltà di accordi nell'interesse reciproco. c'è spazione di mediazione lavoro politico (vero). e tanto altro. la guerra la scatenerà questa situazione che si è creata con la UE. uscirne certamente non sarebbe una passeggiata di salute e non proteggerebbe automaticamente dallo strapotere oligarchico ma ci sarebbero più strumenti in mano alla politica per provare a rispondere ai bisogni della gente.

rifletti su quello che diceva Preve ... noto fassista!!

Garry
Messaggi: 10682
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 13 dic 2019, 18:09

Consulente ha scritto:
13 dic 2019, 16:07
Adryfrentzen ha scritto:
13 dic 2019, 12:43
Se l'ambiguità fosse seriamente punita Johnson sarebbe a rompere le pietre da qualche parte nello Yorkshire.
...Peccato che c'erano troppi dubbi sulla Brexit. Se si fossero chiaramente schierati per il pro Brexit, avrebbero vinto.
È esattamente quello che ho raccontato qui questa mattina.
I politologi su Rai3 dicevano questo.
Però per me è stata una sorpresa. Pensavo che gli inglesi, il popolo, intendo, si fossero pentiti del referendum. Alcuni anche immediatamente dopo il voto. Pensavo fossero per il remain e invece...
L'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

Consulente
Messaggi: 1407
Iscritto il: 21 nov 2009, 17:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Consulente » 13 dic 2019, 18:16

Garry ha scritto:
13 dic 2019, 18:09
Consulente ha scritto:
13 dic 2019, 16:07
Adryfrentzen ha scritto:
13 dic 2019, 12:43
Se l'ambiguità fosse seriamente punita Johnson sarebbe a rompere le pietre da qualche parte nello Yorkshire.
...Peccato che c'erano troppi dubbi sulla Brexit. Se si fossero chiaramente schierati per il pro Brexit, avrebbero vinto.
È esattamente quello che ho raccontato qui questa mattina.
I politologi su Rai3 dicevano questo.
Però per me è stata una sorpresa. Pensavo che gli inglesi, il popolo, intendo, si fossero pentiti del referendum. Alcuni anche immediatamente dopo il voto. Pensavo fossero per il remain e invece...
No di certo, era la solita storiella dei media mainstream.

Garry
Messaggi: 10682
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 13 dic 2019, 19:24

Il collegio di Belfast North non era mai stato Repubblicano
John Finucane aveva 8 anni quando, nel 1989, suo padre Pat fu ucciso davanti a lui, a sua mamma, ai suoi fratelli.
Uomini dell'UFF entrarono in casa e lo freddarono mentre era a tavola.
Pat Finucane era un avvocato, colpevole di aver difeso, tra gli altri dell'Ira, anche Bobby Sands
John si è presentato alle elezioni, il suo partito, il Sinn Fein, per la prima volta ha vinto North Belfast. E per la prima volta in 105 anni, oggi, l'equilibrio in Irlanda del Nord è ribaltato: i Repubblicani (Cattolici) hanno 9 seggi, gli Unionisti (protestanti) 8.
L'Irlanda ha detto no al confine che la Brexit riporterebbe nella sua terra
L'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

metabolik
Messaggi: 6259
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da metabolik » 13 dic 2019, 22:28

Consentitemi due righe di spiegazione per lo zappa che mi 'stalkera' (educatamente) su un altro 3d.
Confesso che leggo il 3D politico superficialmente, un'occhiata ogni tanto; purtuttavia mi sembra che non sia mica più tanto da bar o da Neuro. Scorporando le acidità interpersonali dai contenuti, il 3D propone interventi spesso degni di interesse. Al medesimo tempo è diventato un 3D complicato (come nota Time Vortex), per intervenire nel quale occorre un certo tempo di elaborazione; a questo double face impegno/piacere,
purtroppo, non posso corrispondere per impegni pressanti.
(Ultimamente sono intervenuto a spot isolati, ma la tragedia è che quasi sicuramente non potrò andare a Parma per il derby :( e nemmeno al match casalingo Lyons PC - Calvisano :( :( . MANNAGGIAgg :evil: *°§%zprç aff@°£# ^$ :evil: )
Non vi snobbo, zappa, sono solo parecchio incasinato.

Garry
Messaggi: 10682
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 13 dic 2019, 22:53

Anche meta è un po’ triggerato
L'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

Ilgorgo
Messaggi: 11018
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Ilgorgo » 14 dic 2019, 10:46

In genere non impazzisco per le cose che dice Severgnini ma qui mi pare di concordare con lui totalmente. Come avevo già scritto su questo forum, non riesco a capire tutto il fastidio che la Greta provoca, soprattutto nelle persone di mezza età (Severgnini parla di anziani, a me sembra che i più infastiditi siano quelli dell'età di mezzo). E' vero, a volte la ragazzina svedese scivoli un po' su toni da barricadera, ma a quell'età credo sia quasi inevitabile. A giudicare da quel che vedo nella mia piccola realtà non mi pare che le sue battaglie abbiano modificato in modo evidente il modo di comportarsi delle persone, ma se anche lei avesse spinto la gente ad essere solo lo 0,1% più ecologica di prima, questo, calcolando il numero di persone che la sua comunicazione ha raggiunto, sarebbe comunque un risultato enorme. Anzi, enormissimo, considerando che è stato raggiunto da una ragazzina svedese un po' strana che ha iniziato facendo scioperi solitari davanti a scuola

https://video.corriere.it/cronaca/fotos ... i-ogni-eta

Garry
Messaggi: 10682
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 14 dic 2019, 11:23

Noooo! Ci sei cascato pure tu!
Greta = Trigger!
Sei cascato nell’algoritmo! Clicchi su Greta e senza saperlo versi un euro nelle tasche di Frank Smazzacapre, trafficante d’armi con l’Isis
L'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21896
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da jpr williams » 14 dic 2019, 11:32

VANZANDT ha scritto:
13 dic 2019, 16:35
@jpr
mamma mia. fuori di una logica o di qua o di là non riesci proprio a ragionare. categorie fisse in contrapposizione. follia. la vita è in continua evoluzione mai ferma. non cristallizzabile in categorie. tra stati esiste la possibiltà di accordi nell'interesse reciproco. c'è spazione di mediazione lavoro politico (vero). e tanto altro. la guerra la scatenerà questa situazione che si è creata con la UE. uscirne certamente non sarebbe una passeggiata di salute e non proteggerebbe automaticamente dallo strapotere oligarchico ma ci sarebbero più strumenti in mano alla politica per provare a rispondere ai bisogni della gente.

rifletti su quello che diceva Preve ... noto fassista!!
Se la mia logica è manichea, direi che la tua è speculare: identica nell'atteggiamento, ma opposta nella scelta di campo. Per te la UE è l'origine di tutti i mali. In questo sei perfettamente nel clichè che Flaiano da me citato più sopra attribuisce ai fascisti, sempre alla ricerca di qualcuno cui dare la colpa della propria inettitudine. Sia chiaro che non parlo di te come VANZ, ma come italiano e quindi la cosa riguarda anche me che questa cittadinanza ce l'ho. L'Italia s'è incasinata da sola con le proprie mani senza aiuto od istigazione di nessuno costruendosi da sola la camicia di forza di cui parli, fatta di un debito mostruoso. Un debito che, ripeto, ci siamo fatti da soli e che nessuno ci abbuonerà. Altri paesi europei dentro la camicia di cui parli ci stanno benissimo per il semplice fatto che si sono sempre dati classi politiche serie in linea con la serietà delle popolazioni. E quindi oggi prosperano quando le cose vanno bene ed hanno gli strumenti per porre rimedio quando vanno male. Noi in quanto popolo cialtrone abbiamo sempre votato cialtroni come noi che in cambio ci hanno dato baby-pensioni, aziende pubbliche tenute in piedi a suon di debiti benchè fuori mercato, strizzatine d'occhio all'evasione fiscale lenite da condoni-premio per i più furbi e larga parte del territorio appaltata ad organizzazioni criminali in cambio di voti. La logica è che tanto si sarebbe pagato a babbo morto: ebbene, il babbo ha tirato le cuoia e adesso ci sono i debiti. La logica che mi sembri proporre è quella di pagare questi debiti facendone altri. Solo che nessuno sarebbe più disposto a farci credito.
Lo ammetto candidamente: uno dei motivi, se non il principale, del mio straconvinto europeismo è la mia totale sfiducia nella capacità degli italiani di autogovernarsi, una sfiducia che deriva dalla frequentazione giornaliera di molti dei suddetti e dall'averli visti all'opera nei decenni che hanno costruito l'Himalaya debitorio invalicabile che abbiamo costruito e che ci rende oggi impotenti.

Infine Preve, e tutti quelli come lui: gente in buonissima fede ed una benedizione dal cielo per tutte le destre magnone della storia d'Italia. Grazie a loro le destre hanno potuto sempre governare in pace perchè contribuivano ad indebolire la proposta politica della sinistra rendendola indigeribile per il ventre molle moderato del paese. E regalandolo ai conservatori di sé stessi.
I Bertinottiformi sono sempre stati la sinistra preferita dei reazionari italici.
Non a caso l'unica volta che la sinistra ha governato (e benissimo secondo me) il paese è stato quando a guidarla c'era un moderato che tu detesti e che per me, insieme a Veltroni e Ciampi, è stato l'ultimo uomo politico per cui ho avuto ammirazione.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Garry
Messaggi: 10682
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 14 dic 2019, 11:37

Ilgorgo ha scritto:
14 dic 2019, 10:46
...non riesco a capire tutto il fastidio che la Greta provoca, soprattutto nelle persone di mezza età (Severgnini parla di anziani, a me sembra che i più infastiditi siano quelli dell'età di mezzo)...
Attenzione, Severgnini parla di “anziani di ogni età”, e infatti aggiunge che si può essere anziani anche a 20 anni.
Per me è “anziano” chi non riesce a capire quelli che sono diversi da lui. È anziano che non sa adattarsi alle trasformazioni della società, chi si oppone all’evoluzione della cultura. Chi non ha senso di autocritica e chi non prova a vedere le cose da un punto di vista differente.
Credo che Severgnini intendesse una cosa del genere
L'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

Rispondi

Torna a “Chiamate la Neuro....”