Politica italiana e internazionale da bar

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 20 set 2020, 10:53

Consulente ha scritto:
20 set 2020, 0:37

1. Come quando si oso' dire che la Brexit era stata votata solo dagli ignoranti, solo per scoprire dopo che larghe fette di elettorato di sinistra votarono a destra pur di vedere la Brexit finalizzata.

2. Come quando Garry dice (semplifico) che gli elettori di Trump sono rozzi e ignoranti.
Mi permetto di rispondere su queste due perché gli ignoranti sono il mio campo di specializzazione :lol:

1. "Si osò dire" solo perché nelle interviste post-brexit (ricordo che il margine fu solo di un 4% dei votanti) molti cittadini dimostrarono di non sapere cosa avevano votato. Alcuni espressero il desiderio di votare di nuovo... :lol:
Larghe fette dell'elettorato di sinistra votarono a destra principalmente per togliersi Cameron dai co.glioni.

2. Così fai sembrare il mio discorso rozzo e ignorante. Non si dovrebbe semplificare.
Ho messo una statistica realizzata da un'università americana e ho detto che quegli individui, evidentemente ignoranti date le loro convinzioni, avrebbero votato Trump perché ha dimostrato di condividere quelle sciocchezze. Trump è un individuo rozzo ed ignorante, su questo credo saremo tutti d'accordo, lo dimostrano le cose che dice, pertanto è chiaro che piaccia a quegli individui. Però dicevo anche che a spanne (forse esagerando, lo ammetto) quegli individui potrebbero essere circa 100 milioni. Mettiamo, che siano più realisticamente 50 milioni, non basterebbero certo per vincere le elezioni.
Conclusione: gli elettori di Trump certamente non sono tutti rozzi ed ignoranti. Ci sarà anche chi ha interessi propri da tutelare, c'è chi realizza profitti dalla guerra commerciale con la Cina, c'è chi sulla mancata adesione sugli accordi per il clima sta facendo pacchi di dollari, c'è la nutritissima lobby delle armi ecc...ecc...
Magari anche il prof. Fauci voterà per Trump, chi lo sa.
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

Consulente
Messaggi: 1769
Iscritto il: 21 nov 2009, 17:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Consulente » 20 set 2020, 11:45

Garry ha scritto:
20 set 2020, 10:53


1. "Si osò dire" solo perché nelle interviste post-brexit (ricordo che il margine fu solo di un 4% dei votanti) molti cittadini dimostrarono di non sapere cosa avevano votato. Alcuni espressero il desiderio di votare di nuovo... :lol:
Larghe fette dell'elettorato di sinistra votarono a destra principalmente per togliersi Cameron dai co.glioni.

2. Così fai sembrare il mio discorso rozzo e ignorante. Non si dovrebbe semplificare.
...

1. mi riferisco al fatto che Boris Johnson ha impostato la sua campagna elettorale praticamente solo sul "Get Brexit Done" ed ha vinto una chiara maggioranza in parlamento, causando la defenstrazione di Corbyn, un vero socialista, che con un programma socialista aveva quasi sfiorato la vittoria la volta prima.
In ogni caso, dopo il referendum, il support per la Brexit e' lentamente ma costantemente aumentato mentre sulla stampa italiana si leggeva che gli Inglesi si fossero pentiti e ci avessero ripensato, cosa platealmente non vera.


2. ottima precisazione

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 24769
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da jpr williams » 20 set 2020, 13:43

@Consulente
Mi prendo anch'io un pò di tempo per risponderti. Magari lo farò a pezzi, magari fra qualche giorno, ma fidati.
Ci risentiamo.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

metabolik
Messaggi: 6756
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da metabolik » 20 set 2020, 15:39

Io ho votato. E voi ?

Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 20 set 2020, 17:04

Votato.
Solo perché è un referendum senza la spada di Damocle del quorum.
I referendum con quorum non mi vedranno mai fra i partecipanti
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 20 set 2020, 17:16

A occhio non mi è sembrata una grande affluenza. Decideranno soprattutto quei comuni e quelle regioni in cui si vota anche per le amministrazioni
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 20 set 2020, 19:50

Garry ha scritto:
20 set 2020, 17:16
A occhio non mi è sembrata una grande affluenza. Decideranno soprattutto quei comuni e quelle regioni in cui si vota anche per le amministrazioni
Completamente smentito dai fatti, almeno con i dati di affluenza delle 19.
La percentuale dei votanti per il referendum è praticamente identica a quella dei votanti per le regionali.
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

metabolik
Messaggi: 6756
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da metabolik » 20 set 2020, 21:36

Si, ma il punto era un altro, io ho votato e voi ?
mi aspettavo un
IO SI oppure un
IO NO.

Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 20 set 2020, 21:58

metabolik ha scritto:
20 set 2020, 21:36
Si, ma il punto era un altro, io ho votato e voi ?
mi aspettavo un
IO SI oppure un
IO NO.
"Votato" vuol dire IO SÌ, mi sembrava ovvio.
Siamo o no il bel paese la dove 'l sì suona?
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 24769
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da jpr williams » 21 set 2020, 10:02

Votato no.
Naturalmente senza speranze di fermare questa cacchiata populista.
Quasi il problema fosse il numero dei parlamentari anzichè la loro qualità e il modo in cui lavorano.
Penso poi che non si riuscirà MAI a fare una decente legge elettorale e quindi il risultato che uscirà dal combinato disposto di questa roba e della vigente legge elettorale sarà una vera mostruosità.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 21 set 2020, 10:07

Posizione riassunta bene da questa cosa in cui sono incappato in rete:

"Se hai 945 litri di Tavernello e ne butti via 345, non è che dopo hai 600 litri di Barolo" :lol:
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

Avatar utente
quaros
Messaggi: 740
Iscritto il: 23 lug 2018, 7:55

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da quaros » 21 set 2020, 15:26

Io sto facendo la conta di tutti quelli che ai tempi di Renzi votarono contro e adesso a favore... Viva l'Italia

metabolik
Messaggi: 6756
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da metabolik » 21 set 2020, 15:37

quaros ha scritto:
21 set 2020, 15:26
Io sto facendo la conta di tutti quelli che ai tempi di Renzi votarono contro e adesso a favore... Viva l'Italia
Sono sorpreso, in Parlamento votarono quasi all'unanimità a favore, mi sembra il 93 % !!!
Se c'è da fare una conta, ben più corposa, è di quelli che votarono a favore e adesso sono contro.

Consulente
Messaggi: 1769
Iscritto il: 21 nov 2009, 17:01

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Consulente » 21 set 2020, 16:45

jpr williams ha scritto:
18 set 2020, 10:28
Io non capisco due cose: perchè non ci si dovrebbe occupare dei diritti di soggetti a cui i diritti non sono riconosicuti e perchè il farlo dovrebbe impedire di occuparsi anche di altro. Ricordo lo stesso discorso sulla sinistra che si occupava dei diritti delle donne anzichè delle fabbriche negli anni '70. Quanto poi alle accuse di razzismo ed omofobia non mi risulta che vengano rivolte se non a chi razzista ed omofobo lo è veramente.
Primo punto, occuparsi di tutto assieme

Ovviamente nulla vieta di sposare le battaglie che si ritengono giuste, le piattaforme politiche sono ampie e possono contenere molto.
Pero', se sei di sinistra, il punto centrale dell'azione e' sostenere il lavoro contro il capitale. Un partito o un movimento NON e' di sinistra se non esplicitamente sostiene, come primo punto programmatico, sempre e comunque, a dispetto di tutto, la difesa del lavoro contro il capitale.
Io trasecolavo quando leggevo i programmi dell'allora PDS che non contenevano praticamente piu' nulla del genere. Ero con Moretti quando diceva "D'Alema, di' qualcosa di sinistra". Rimanevo basito quando Bersani proponeva le liberalizzazioni invece delle ri-nazionalizzazioni.
Oggi tutto cio' e' scomparso dal programma del PD e mi tocca sentire Marattin lamentare che i risparmi degli italiani sono in banca quando invece dovrebbero essere investiti in prodotti finanziari sofisticati per sviluppare il paese. E questo sarebbe di sinistra? A me sembra proprio di destra.


Secondo punto, accusare di razzismo ed omofobia.

La mia esperienza e' diversa, almeno su social e media.
C'e' una virulenza polemica contro chi non si conforma alla vulgata certificata dal PD che non vedo in altre parti politiche.
Uso un tuo esempio.
Dire che una e' una "p*** terzomondista" e' violento e fuori luogo, da condannare soprattutto in un discorso pubblico, ma e' peggio dare del fascista e razzista a chi lo dice sulla scorta di quella affermazione.
Nel primo caso stai dicendo, in maniera censurabile, che una persona ha sbagliato, nel secondo caso stai dicendo che una persona e' sbagliata.
Puoi dare del razzista a qualcuno solo se propone leggi razziali. Solo se dice "Se il colore della pelle e' x, allora si hanno meno diritti"
Puoi dare del fascista a qualcuno solo se propone un ritorno ad una dittatura o ad una oligarchia senza controllo popolare.
Perche questi sono i significati dei due termini e non altri. Non sono insulti generici.
Se guardi le cose attraverso questa lente, ti accorgi che di fascisti e razzisti, in realta', ce ne sono proprio pochi in giro per l'Europa. Ed il vederne cosi' tanti da farne un problema politico, e' esattamente il frutto dell'uso spropositato che si fa delle parole nei media e sui social.

Garry
Messaggi: 14607
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Politica italiana e internazionale da bar

Messaggio da Garry » 21 set 2020, 17:47

Consulente ha scritto:
21 set 2020, 16:45

Dire che una e' una "p*** terzomondista" e' violento e fuori luogo, da condannare soprattutto in un discorso pubblico, ma e' peggio dare del fascista e razzista a chi lo dice sulla scorta di quella affermazione.
Nel primo caso stai dicendo, in maniera censurabile, che una persona ha sbagliato, nel secondo caso stai dicendo che una persona e' sbagliata.
Se alle Olimpiadi ci fosse la gara di arrampicata sugli specchi saresti uno dei candidati alla medaglia d'oro.
- «Quando l'uomo pianifica, Dio ride» (proverbio yiddish)
- "Non torneremo alla normalità, perché la normalità era il problema"

Rispondi

Torna a “Chiamate la Neuro....”