ecologia politica e apolitica

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
Avatar utente
time vortex
Messaggi: 830
Iscritto il: 7 mag 2015, 11:42
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da time vortex » 14 mag 2019, 13:00

Per sdrammatizzare un attimo...

Immagine

La notizia comunque è serissima...

https://www.swissinfo.ch/ita/scienza-te ... 2bf4yQqAOA
Nasciamo nudi, sporchi e affamati. Poi le cose peggiorano.

Garry
Messaggi: 9410
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da Garry » 14 mag 2019, 14:23

Ma non sono i rutti. Io sapevo che erano le flatulenze
A cosa serviamo, esattamente?
Il mare di Napoli pulito, quasi pulito il cielo sopra la Cina, i pesci nei canali di Venezia, Venere e Sirio che rilucono, enormi, nel cielo trasparente. La ritirata dell'uomo, con il suo strascico sontuoso di deiezioni, rinvigorisce la natura, bastano poche settimane (in termini cosmici, meno di un istante) perché Gea festeggi la nostra stasi, la nostra malattia. Impressionanti l'immediatezza e la sincerità con le quali il mondo ci sta dimostrando che può fare a meno di noi.
Michele Serra

VANZANDT
Messaggi: 3177
Iscritto il: 17 feb 2010, 16:41

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da VANZANDT » 14 mag 2019, 14:39

a sto punto non resta che aspettare il pronunciamento di Greta a cui seguiranno studi scientifici dei suggeritori. nel frattempo suggerisco una bella fiorentina abbondantemente irrorata da un bel rosso..

Garry
Messaggi: 9410
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da Garry » 14 mag 2019, 15:17

...e una montagna di patatine (cit. Tex Willer)
A cosa serviamo, esattamente?
Il mare di Napoli pulito, quasi pulito il cielo sopra la Cina, i pesci nei canali di Venezia, Venere e Sirio che rilucono, enormi, nel cielo trasparente. La ritirata dell'uomo, con il suo strascico sontuoso di deiezioni, rinvigorisce la natura, bastano poche settimane (in termini cosmici, meno di un istante) perché Gea festeggi la nostra stasi, la nostra malattia. Impressionanti l'immediatezza e la sincerità con le quali il mondo ci sta dimostrando che può fare a meno di noi.
Michele Serra


tonione
Messaggi: 4480
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da tonione » 17 mag 2019, 21:18

a differenza della volta scorsa non ho sicuramente la voglia di impegnarmi nel contenuto del link di vanzald per fare un riassunto. questa settimana mi hanno sottoposto alla compilazione di schemini, appesantendomi la mente. perciò tenderei a proseguire, con una certa timidezza, nel discorso della temperatura dell'atmosfera terrestre e al suolo. timidamente, per via della mente appesantita.

quando mi riferivo alle cause esogene a nessuno è venuto in mente di citare il sole. sembra che ci sia una relazione tra le macchie solari e la minor o maggior temperatura della terra. detta chiano chiano lemme lemme: più grandi sono le macchie solari più alta è la temperatura della terra. parrebbe che vi siano macchie solari particolarmente grandi nell'ultimo ventennio.

per quanto riguarda le cause endogene, sicuramente, una fonte attendibile è rappresentata da coloro che credono che il sovraffollamento sia il responsabile primario. credo che verso la fine del 700 ci fosse una sorta di filosofo, un tal Malthus, che ha scritto una teoria sul sovraffollamento. per questo filosofo era la causa di tutti i mali. da contenere con ogni strumento. fossero anche pestilenze guerre o divieto di accoppiamento attraverso precetti religiosi. mi sembra lampante che questo filosofo trova molti seguaci oggi! in un Italia stanca e sonnolenta il Maltusianesimo si diffonde...

ruttobandito
Messaggi: 1381
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da ruttobandito » 17 mag 2019, 21:52

tonione ha scritto: in un Italia stanca e sonnolenta il Maltusianesimo si diffonde...
Ma sai che sto tizio l'ho scoperto di recente e mi ha fatto paura non riuscire a dargli torto del tutto?
Eppure credo che non riusciremo a trovare un caprio espiatorio, un evento risolutore per un verso o per l'altro.
Immagino che sia la solita concorrenza di fattori, per me potrebbe anche essere quella c4$$o di farfalla scoreggiona, figurati il sole.
Quel richiamo che fai alla patria, in tutto questo è un fattore.
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)
In tempi di quarantena, la misantropia è una fortuna.

tonione
Messaggi: 4480
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da tonione » 17 mag 2019, 22:22

in questo caso, bandito, non c'è una concomitanza di fattori. credo che vi sia una pesantezza delle leggi della fisica. il sole conterà sempre molto di più di un miliardo, o cento, di scoreggioni. quindi,nelle parte esogena del ragionamento le grandezze sono assolute. se il sole aumenta la sua attività, nel senso delle macchi solari, potrebbe scaldare la parte esterna della cappa, cioè la troposfera.

alla parola patria reagisco. in effetti dovrebbe esserci molto più senso dell'appartenenza alla comunità, il cui apice intellettuale è rappresentato dal concetto di patria. è sdoganata la patria! potrebbe essere la risposta al male. in senso politico. però non voglio rubare argomenti al capitolo di jpr.

Garry
Messaggi: 9410
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da Garry » 17 mag 2019, 22:36

Caprio espiatorio:

Immagine


:lol:
A cosa serviamo, esattamente?
Il mare di Napoli pulito, quasi pulito il cielo sopra la Cina, i pesci nei canali di Venezia, Venere e Sirio che rilucono, enormi, nel cielo trasparente. La ritirata dell'uomo, con il suo strascico sontuoso di deiezioni, rinvigorisce la natura, bastano poche settimane (in termini cosmici, meno di un istante) perché Gea festeggi la nostra stasi, la nostra malattia. Impressionanti l'immediatezza e la sincerità con le quali il mondo ci sta dimostrando che può fare a meno di noi.
Michele Serra

ruttobandito
Messaggi: 1381
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da ruttobandito » 17 mag 2019, 22:36

Riguardo le scale di grandezza, ti ricordo il motto dell'asso di coppe. Il valore assoluto può essere infinitesimale.
Riguardo l'accezione alla patria, dipende dalla scala di valori di appartenenza. Se la tua preoccupazione è la troposfera, forse sentirti italiano non basta.
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)
In tempi di quarantena, la misantropia è una fortuna.

ruttobandito
Messaggi: 1381
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da ruttobandito » 17 mag 2019, 22:38

Garry ha scritto:Caprio espiatorio:
Immagine
:lol:
:rotfl:
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)
In tempi di quarantena, la misantropia è una fortuna.

tonione
Messaggi: 4480
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da tonione » 17 mag 2019, 22:48

non la troposfera bandito, l'attività del sole come fattore esogeno. i popoli, di qualsiasi nazione, subiscono le leggi della fisica e dovrebbero essere tutti interessati ad essa; ma invece non lo sono. preferiscono pensare di poterle modificare. e pensandolo dimenticano l'appartenenza alla comunità.


ruttobandito
Messaggi: 1381
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da ruttobandito » 20 mag 2019, 18:36

Parla VANZ, esprimiti, scrivi con parole tue quello che pensi, almeno in parte, almeno l'intro.
Non costringerci a dirti che non apriremo il link purché siamo pigri...
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)
In tempi di quarantena, la misantropia è una fortuna.

VANZANDT
Messaggi: 3177
Iscritto il: 17 feb 2010, 16:41

Re: ecologia politica e apolitica

Messaggio da VANZANDT » 20 mag 2019, 18:44

guarda in che punti sono scoppiate WW.
rutto perdona è grave non conoscere Malthus. il nostro tempo ne è impregnato in maniera sinistra. sotto una superficie che dovrebbe essere sempre più trasparente.
mi piace il richiamo alla comunità di tonione. è un elemento chiave secondo me (e ve lo dice un lupo delle steppe).
sulla fisica va detto che quello che noi classifichiamo comunemente fisica è un corpo di conoscenze in continuo divenire (tra scoperte e dimenticanze del passato) che non può essere fissato. certo è che tutto sembra essere decisamente interconnesso ragion per cui dovrebbe sembrave evidente che una sistema basato sull ego-centrismo come modello di sviluppo è un sigillo sulla tomba.

Rispondi

Torna a “Chiamate la Neuro....”