VI° giornata eccellenza

Moderatori: Ref, ale.com

Avatar utente
Total
Messaggi: 660
Iscritto il: 15 apr 2005, 0:00
Località: Catania
Contatta:

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da Total » 13 dic 2011, 12:00

mariemonti ha scritto:Questo è il commento ufficiale del direttore sportivo Catellani sulla partita con i Crociati diramato oggi dal Rugby Reggio:

"Il comunicato emanato mercoledì dall’ufficio del Giudice Sportivo Federale ha evidenziato la non omologazione del risultato della partita tra i Crociati ed il Rugby Reggio, giocata lo scorso sabato 3 dicembre a Parma, per gli accertamenti a seguito del reclamo presentato all’arbitro al termine dell’incontro dalla società rossonera.

La prossima settimana sarà resa nota la decisione del giudice sportivo, ma in attesa dell’esito finale Corrado Catellani, team manager dei rossoneri, commenta così la scelta del ricorso: “Lo scambio di giocatori è stato effettuato in un momento estremamente delicato della partita, dove l’arbitro è stato messo in confusione dall’atteggiamento scorretto dei giocatori dei Crociati, ma anche dallo stato confusionale che partiva dalla loro panchina. Questi minuti cruciali, giocati sulla linea di meta dei parmigiani, con il loro continuo fuorigioco ed il loro gioco scorretto, non sono stati puniti a dovere, come invece è accaduto la settimana precedente a Catania, dove al secondo fallo è stata assegnata la meta tecnica…. E in queste due situazioni gli allenatori delle squadre che ne hanno tratto maggiore vantaggio sono consiglieri federali.”


Mette in evidenza sospetti piuttosto pesantucci... sui consiglieri federali e sulle scorrettezze "impunite"...
0

Leggo con sommo stupore il ricorso della Rugby Reggio Emilia, nel quale il signor Corrado Catellani team-manager della stessa, cita fra gli altri il San Gregorio Catania Rugby: "come invece è accaduto la settimana precedente a Catania, dove al secondo fallo è stata assegnata la meta tecnica…. E in queste due situazioni gli allenatori delle squadre che ne hanno tratto maggiore vantaggio sono consiglieri federali.”. Vorrei precisare quanto segue: la partita che ci riguarda è quella disputata con l'Aquila nella quale ci è stata assegnata una meta tecnica allo scadere della partita, tutti coloro i quali hanno potuto vedere il match su Rai Sport 1 hanno visto che la stessa era sacrosanta, e soprattutto nessuno e dico nessuno dell'Aquila (correttamente) ha detto una parola in proposito o presentato ricorso. Inoltre, stigmatizzo il comportamento di questo signore, il quale si è permesso pubblicamente di dubitare della buonafede dell'arbitro dei due assistenti e del quarto uomo; della nostra società e delle persone che la compogono; e del nostro allenatore Orazio Arancio, che è anche consigliere federale. Ricordo a tutti, che non più tardi di sei mesi fa, la nostra squadra ha subito nella semifinale di ritorno con il Firenze, una meta tecnica... (il nostro allenatore era sempre il consigliere Arancio) perdendo di fatto l'accesso alla finale del Campionato di serie A contro il Calvisano! Infine, se il signor Catellani non crede nella regolarità del Campionato di Eccellenza al quale il Reggio Emilia partecipa; negli arbitri ed ai consiglieri federali, beh.... o si appella in maniera corretta fornendo prove evidenti di quanto pensa, o diversamente non si permetta più di sputare fango sulla mia società o ne risponderà personalemente nelle sedi opportune. Saluti Rosario Torrisi - VicePresidente del San Gregorio Catania Rugby

Avatar utente
Total
Messaggi: 660
Iscritto il: 15 apr 2005, 0:00
Località: Catania
Contatta:

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da Total » 13 dic 2011, 12:08

Total ha scritto:
mariemonti ha scritto:Questo è il commento ufficiale del direttore sportivo Catellani sulla partita con i Crociati diramato oggi dal Rugby Reggio:

"Il comunicato emanato mercoledì dall’ufficio del Giudice Sportivo Federale ha evidenziato la non omologazione del risultato della partita tra i Crociati ed il Rugby Reggio, giocata lo scorso sabato 3 dicembre a Parma, per gli accertamenti a seguito del reclamo presentato all’arbitro al termine dell’incontro dalla società rossonera.

La prossima settimana sarà resa nota la decisione del giudice sportivo, ma in attesa dell’esito finale Corrado Catellani, team manager dei rossoneri, commenta così la scelta del ricorso: “Lo scambio di giocatori è stato effettuato in un momento estremamente delicato della partita, dove l’arbitro è stato messo in confusione dall’atteggiamento scorretto dei giocatori dei Crociati, ma anche dallo stato confusionale che partiva dalla loro panchina. Questi minuti cruciali, giocati sulla linea di meta dei parmigiani, con il loro continuo fuorigioco ed il loro gioco scorretto, non sono stati puniti a dovere, come invece è accaduto la settimana precedente a Catania, dove al secondo fallo è stata assegnata la meta tecnica…. E in queste due situazioni gli allenatori delle squadre che ne hanno tratto maggiore vantaggio sono consiglieri federali.”


Mette in evidenza sospetti piuttosto pesantucci... sui consiglieri federali e sulle scorrettezze "impunite"...
0

Leggo con sommo stupore il ricorso della Rugby Reggio Emilia, nel quale il signor Corrado Catellani team-manager della stessa, cita fra gli altri il San Gregorio Catania Rugby: "come invece è accaduto la settimana precedente a Catania, dove al secondo fallo è stata assegnata la meta tecnica…. E in queste due situazioni gli allenatori delle squadre che ne hanno tratto maggiore vantaggio sono consiglieri federali.”. Vorrei precisare quanto segue: la partita che ci riguarda è quella disputata con l'Aquila nella quale ci è stata assegnata una meta tecnica allo scadere della partita, tutti coloro i quali hanno potuto vedere il match su Rai Sport 1 hanno visto che la stessa era sacrosanta, e soprattutto nessuno e dico nessuno dell'Aquila (correttamente) ha detto una parola in proposito o presentato ricorso. Inoltre, stigmatizzo il comportamento di questo signore, il quale si è permesso pubblicamente di dubitare della buonafede dell'arbitro dei due assistenti e del quarto uomo; della nostra società e delle persone che la compongono; e del nostro allenatore Orazio Arancio, che è anche consigliere federale. Ricordo a tutti, che non più tardi di sei mesi fa, la nostra squadra ha subito nella semifinale di ritorno con il Firenze, una meta tecnica... (il nostro allenatore era sempre il consigliere Arancio) perdendo di fatto l'accesso alla finale del Campionato di serie A contro il Calvisano! Infine, se il signor Catellani non crede nella regolarità del Campionato di Eccellenza al quale il Reggio Emilia partecipa; negli arbitri ed ai consiglieri federali, beh.... o si appella in maniera corretta fornendo prove evidenti di quanto pensa, o diversamente non si permetta più di sputare fango sulla mia società o ne risponderà personalmente nelle sedi opportune. Saluti Rosario Torrisi - VicePresidente del San Gregorio Catania Rugby

rivel1
Messaggi: 3513
Iscritto il: 8 mag 2008, 18:31
Località: Rovigo/Ferrara

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da rivel1 » 13 dic 2011, 12:46

cmq veramente un brutto episodio
Se hai tempo per fare due cose male, fanne bene una e incrocia le dita

Visto che non voglio scrivere "secondo me" o "in mio parere" in ogni messaggio, ritenete pure ogni opinione espressa puramente personale senza alcuna pretesa di verità assoluta

valsrode
Messaggi: 106
Iscritto il: 14 apr 2011, 19:18

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da valsrode » 13 dic 2011, 13:34

mariemonti ha scritto:Questo è il commento ufficiale del direttore sportivo Catellani sulla partita con i Crociati diramato oggi dal Rugby Reggio:

"Il comunicato emanato mercoledì dall’ufficio del Giudice Sportivo Federale ha evidenziato la non omologazione del risultato della partita tra i Crociati ed il Rugby Reggio, giocata lo scorso sabato 3 dicembre a Parma, per gli accertamenti a seguito del reclamo presentato all’arbitro al termine dell’incontro dalla società rossonera.

La prossima settimana sarà resa nota la decisione del giudice sportivo, ma in attesa dell’esito finale Corrado Catellani, team manager dei rossoneri, commenta così la scelta del ricorso: “Lo scambio di giocatori è stato effettuato in un momento estremamente delicato della partita, dove l’arbitro è stato messo in confusione dall’atteggiamento scorretto dei giocatori dei Crociati, ma anche dallo stato confusionale che partiva dalla loro panchina. Questi minuti cruciali, giocati sulla linea di meta dei parmigiani, con il loro continuo fuorigioco ed il loro gioco scorretto, non sono stati puniti a dovere, come invece è accaduto la settimana precedente a Catania, dove al secondo fallo è stata assegnata la meta tecnica…. E in queste due situazioni gli allenatori delle squadre che ne hanno tratto maggiore vantaggio sono consiglieri federali.”


Mette in evidenza sospetti piuttosto pesantucci... sui consiglieri federali e sulle scorrettezze "impunite"...
CATELLANI gli stessi consiglieri federali,se ti riferisci a REVERBERI c'era anche a PRATO 2 anni fà dove al NOCETO gli fu data contro una meta tecnica all'ultimo minuto ed il Prato passò in TOP 10 ed il Noceto rimase in A

mariemonti
Messaggi: 3339
Iscritto il: 17 nov 2011, 19:14

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da mariemonti » 13 dic 2011, 15:23

Il dirigente parlava di allenatori, ed infatti sia Arancio che Mazzariol sono consiglieri federali.

Se fossimo nel calcio, dopo una dichiarazione così arriverebbe una squalifica da far cambiare mestiere al dirigente. Manghi ha fatto bene a mandare avanti Catellani... 8-)

grumpy
Messaggi: 58
Iscritto il: 5 dic 2011, 12:38
Località: l'Isola che non c'è

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da grumpy » 13 dic 2011, 15:35

ramarbitr ha scritto:
mariemonti ha scritto:Questo è il commento ufficiale del direttore sportivo Catellani sulla partita con i Crociati diramato oggi dal Rugby Reggio:

"Il comunicato emanato mercoledì dall’ufficio del Giudice Sportivo Federale ha evidenziato la non omologazione del risultato della partita tra i Crociati ed il Rugby Reggio, giocata lo scorso sabato 3 dicembre a Parma, per gli accertamenti a seguito del reclamo presentato all’arbitro al termine dell’incontro dalla società rossonera.

La prossima settimana sarà resa nota la decisione del giudice sportivo, ma in attesa dell’esito finale Corrado Catellani, team manager dei rossoneri, commenta così la scelta del ricorso: “Lo scambio di giocatori è stato effettuato in un momento estremamente delicato della partita, dove l’arbitro è stato messo in confusione dall’atteggiamento scorretto dei giocatori dei Crociati, ma anche dallo stato confusionale che partiva dalla loro panchina. Questi minuti cruciali, giocati sulla linea di meta dei parmigiani, con il loro continuo fuorigioco ed il loro gioco scorretto, non sono stati puniti a dovere, come invece è accaduto la settimana precedente a Catania, dove al secondo fallo è stata assegnata la meta tecnica…. E in queste due situazioni gli allenatori delle squadre che ne hanno tratto maggiore vantaggio sono consiglieri federali.”


Mette in evidenza sospetti piuttosto pesantucci... sui consiglieri federali e sulle scorrettezze "impunite"...
ricordo anche qui (l'ho gia fatto in un altro post) che la meta "di punizione" non si da più dopo il terzo o quarto fallo ma dopo che un fallo ha impedito una CHIARA azione da meta
Premetto che a Parma c'ero e quella di S.Gregorio l'ho vista in TV.
Tralasciamo le polemiche politiche e concentriamoci sull'aspetto tecnico:
Secondo regolamento, perchè sia concessa una "penalty try" si devono verificare due condizioni (ndr. entrambe e non una delle due):
1) fallo di antigioco (falli di gioco violento oppure falli tecnici ripetuti o professionali) .
2) tale fallo deve aver impedito una meta che altrimenti sarebbe probabilmente stata segnata.
Il punto 1 è oggettivo, basta vedere il video dell'azione incriminata.
Il punto 2 è soggettivo entro certi limiti: sta alla valutazione dell'arbitro.
L'azione del S.Gregorio era sulla linea di meta, quelle del Reggio sulla linea dei 5 mt. ..... forse gli arbitri in questione hanno deciso correttamente .....
Forse si può discutere sulla meta del S.Gregorio, ma ha comunque un fondamento: il fallo c'era, anzi più di uno, e l'azione era sulla linea di meta.
Quella di Parma non esiste proprio: vicini alla meta i reggiani non sono mai andati, ed inoltre c'erano altri difensori prima della linea di meta. L'arbitro ha dato 2 gialli a distanza di 1 minuto l'uno dall'altro.
Non voglio difendere gli arbitri (sul resto della gara ce ne sarebbe da dire!!), ma in questo caso mi sento di dire che ci sia stata una certà omogeneità: hanno seguito quanto prescrive il regolamento.

mariemonti
Messaggi: 3339
Iscritto il: 17 nov 2011, 19:14

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da mariemonti » 13 dic 2011, 15:40

grumpy ha scritto:[

Premetto che a Parma c'ero e quella di S.Gregorio l'ho vista in TV.
Tralasciamo le polemiche politiche e concentriamoci sull'aspetto tecnico:
Secondo regolamento, perchè sia concessa una "penalty try" si devono verificare due condizioni (ndr. entrambe e non una delle due):
1) fallo di antigioco (falli di gioco violento oppure falli tecnici ripetuti o professionali) .
2) tale fallo deve aver impedito una meta che altrimenti sarebbe probabilmente stata segnata.
Il punto 1 è oggettivo, basta vedere il video dell'azione incriminata.
Il punto 2 è soggettivo entro certi limiti: sta alla valutazione dell'arbitro.
L'azione del S.Gregorio era sulla linea di meta, quelle del Reggio sulla linea dei 5 mt. ..... forse gli arbitri in questione hanno deciso correttamente .....
Forse si può discutere sulla meta del S.Gregorio, ma ha comunque un fondamento: il fallo c'era, anzi più di uno, e l'azione era sulla linea di meta.
Quella di Parma non esiste proprio: vicini alla meta i reggiani non sono mai andati, ed inoltre c'erano altri difensori prima della linea di meta. L'arbitro ha dato 2 gialli a distanza di 1 minuto l'uno dall'altro.
Non voglio difendere gli arbitri (sul resto della gara ce ne sarebbe da dire!!), ma in questo caso mi sento di dire che ci sia stata una certà omogeneità: hanno seguito quanto prescrive il regolamento.
...e al dirigente del Reggio? Può sparare accuse ad altezza uomo così come crede senza incorrere in sanzioni?
La FIR non può fargli capire che non è pinco pallino che parla al bar sport ma è un dirigente che risponde ad un'intervista su un giornale?

Ilgorgo
Messaggi: 9579
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da Ilgorgo » 14 dic 2011, 16:58

Quel dirigente del R.Reggio è una persona molto in gamba e mi sembra che una dichiarazione del genere gli appartenga poco.
Anch'io perciò ho un po' il sospetto che la sua sia stata una affermazione voluta dalla società per premere sulla commissione giudicante della Fir; lui forse ha solo accettato di sacrificarsi in questo ruolo un po' ingrato.

Sapete quando sarà discusso il ricorso e quando sarà data una sentenza?

Ilgorgo
Messaggi: 9579
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da Ilgorgo » 22 dic 2011, 12:29

Partita vinta al Rugby Reggio e quattro punti di penalizzazione per Parma
Se ho capito bene, Parma ha fatto rientrare in campo due giocatori già sostituiti ma uno dei due non è andato a giocare in prima linea e quindi non aveva diritto a rientrare. Di qui la squalifica

http://www.federugby.it/index.php?optio ... 46&lang=it

Yattaran
Messaggi: 2304
Iscritto il: 11 nov 2005, 0:00

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da Yattaran » 5 gen 2012, 10:04

Ilgorgo ha scritto:Partita vinta al Rugby Reggio e quattro punti di penalizzazione per Parma
Se ho capito bene, Parma ha fatto rientrare in campo due giocatori già sostituiti ma uno dei due non è andato a giocare in prima linea e quindi non aveva diritto a rientrare. Di qui la squalifica

http://www.federugby.it/index.php?optio ... 46&lang=it
Crociati ultimi a 3 punti...
"non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello, poi ti batte con l'esperienza"

"poe sempre darsi che mi e ti no capimo un ca$$o de regbi" (cit. ForrestGump)

sticutzi
Messaggi: 402
Iscritto il: 28 lug 2006, 9:41

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da sticutzi » 5 gen 2012, 10:34

grumpy ha scritto:
Tralasciamo le polemiche politiche e concentriamoci sull'aspetto tecnico:
Secondo regolamento, perchè sia concessa una "penalty try" si devono verificare due condizioni (ndr. entrambe e non una delle due):
1) fallo di antigioco (falli di gioco violento oppure falli tecnici ripetuti o professionali) .
2) tale fallo deve aver impedito una meta che altrimenti sarebbe probabilmente stata segnata.
Il punto 1 è oggettivo, basta vedere il video dell'azione incriminata.
Il punto 2 è soggettivo entro certi limiti: sta alla valutazione dell'arbitro.

io credo che ti sbagli.... per la meta di punizione esiste un'unica condizione: va assegnata per qualsiasi fallo che impedisca una probabile meta.
Meta di punizione. Una meta di punizione è accordata se una meta sarebbe
stata probabilmente segnata senza il fallo della squadra in difesa. Una meta di
punizione è accordata se, senza il fallo della squadra in difesa, la meta sarebbe
stata probabilmente segnata in una posizione più favorevole

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4068
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da gcruta » 5 gen 2012, 11:41

sticutzi ha scritto:io credo che ti sbagli.... per la meta di punizione esiste un'unica condizione: va assegnata per qualsiasi fallo che impedisca una probabile meta.
Meta di punizione. Una meta di punizione è accordata se una meta sarebbe
stata probabilmente segnata senza il fallo della squadra in difesa. Una meta di
punizione è accordata se, senza il fallo della squadra in difesa, la meta sarebbe
stata probabilmente segnata in una posizione più favorevole
Temo tu sia in errore... Non si tratta di qualsiasi fallo, ma di un fallo d'antigioco ("foul play"): se un difensore, nel tentativo corretto d'intercettare l'ultimo passaggio tra due attaccanti, fa un "in avanti", assegneresti una meta di punizione?
Buon rugby
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."

grumpy
Messaggi: 58
Iscritto il: 5 dic 2011, 12:38
Località: l'Isola che non c'è

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da grumpy » 5 gen 2012, 12:25

sticutzi ha scritto:
grumpy ha scritto:
Tralasciamo le polemiche politiche e concentriamoci sull'aspetto tecnico:
Secondo regolamento, perchè sia concessa una "penalty try" si devono verificare due condizioni (ndr. entrambe e non una delle due):
1) fallo di antigioco (falli di gioco violento oppure falli tecnici ripetuti o professionali) .
2) tale fallo deve aver impedito una meta che altrimenti sarebbe probabilmente stata segnata.
Il punto 1 è oggettivo, basta vedere il video dell'azione incriminata.
Il punto 2 è soggettivo entro certi limiti: sta alla valutazione dell'arbitro.

io credo che ti sbagli.... per la meta di punizione esiste un'unica condizione: va assegnata per qualsiasi fallo che impedisca una probabile meta.
Meta di punizione. Una meta di punizione è accordata se una meta sarebbe
stata probabilmente segnata senza il fallo della squadra in difesa. Una meta di
punizione è accordata se, senza il fallo della squadra in difesa, la meta sarebbe
stata probabilmente segnata in una posizione più favorevole
Mi sembra che quanto da me scritto sia quello che dice la regola. Come dicevo nel mio intervento: è solo l'arbitro che giudica e valuta se una meta sarebbe stata probabilmente segnata (distanza dalla linea di meta, posizione degli avversari, posizone del pallone, etc....) senza il fallo di antigioco, che è una dato oggettivo, altra cosa poi è se l'arbitro lo vede oppure no. A tal proposito ricordo che alcuni anni fa in una semifinale di S10 GranPR-Benetton ci fu una clamorosa spinta su giocatore Gran in area di meta che, senza palla, stava andando a schiacciare per la meta il pallone che rotolava. Nè l'arbitro ne il GdL videro quel fallo ed il gioco continuò. Purtroppo gli arbitri ed i loro errori (come quelli dei giocatori) fanno parte del gioco: se decidiamo di partecipare ad un gioco, dobbiamo accettarne e conoscerne le regole. Altrimenti è bene cambiare gioco. :wink: :wink:

sticutzi
Messaggi: 402
Iscritto il: 28 lug 2006, 9:41

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da sticutzi » 5 gen 2012, 15:00

gcruta ha scritto: Temo tu sia in errore... Non si tratta di qualsiasi fallo, ma di un fallo d'antigioco ("foul play"): se un difensore, nel tentativo corretto d'intercettare l'ultimo passaggio tra due attaccanti, fa un "in avanti", assegneresti una meta di punizione?
Buon rugby
in effetti ho scritto male..
intendevo solo precisare che non deve essere per forza "falli di gioco violento oppure falli tecnici ripetuti o professionali", ma "qualsiasi azione, che un giocatore compie all'interno del recinto di gioco, che è contro la lettera .......delle Regole di Gioco."
Semplificando si potrebbe dire: ogni fallo (che impedisca una probabile meta) che sarebbe normalmente punito con un calcio di punizione?

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4068
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: VI° giornata eccellenza

Messaggio da gcruta » 6 gen 2012, 9:55

sticutzi ha scritto:in effetti ho scritto male..
intendevo solo precisare che non deve essere per forza "falli di gioco violento oppure falli tecnici ripetuti o professionali", ma "qualsiasi azione, che un giocatore compie all'interno del recinto di gioco, che è contro la lettera .......delle Regole di Gioco."
Semplificando si potrebbe dire: ogni fallo (che impedisca una probabile meta) che sarebbe normalmente punito con un calcio di punizione?
No, non direi. Non mi pare che una posizione di fuorigioco della difesa si possa sanzionare con una meta di punizione. Il fallo dev'essere d'antigioco (ostruzionismi, falli cinici, violenza). Ma posso sbagliarmi...
Buon rugby
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."

Bloccato

Torna a “Stagione 2011/2012”