Continental Shield 2018/19

6 Nazioni, Top14, Aviva Premiership, Celtic League, Federazioni Straniere , Coppe e tutto quello che succede in Europa

Moderatore: ale.com

Ilgorgo
Messaggi: 9247
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Continental Shield 2018/19

Messaggio da Ilgorgo » 17 set 2018, 13:16

Il calendario dovrebbe essere diramato non più tardi di mercoledì, dice il Calvisano in un commento facebook

Secondo le ultime "soffiate" le squadre partecipanti potrebbero essere solo sei: Petrarca, Calvisano, Rovigo, Fiamme Oro, una belga (Dendermonde? Kituro? Waterloo?) e una georgiana (Batumi come nome più probabile)

thonk
Messaggi: 1336
Iscritto il: 14 dic 2015, 14:43
Località: Padova
Contatta:

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da thonk » 17 set 2018, 14:10

Ilgorgo ha scritto:Il calendario dovrebbe essere diramato non più tardi di mercoledì, dice il Calvisano in un commento facebook

Secondo le ultime "soffiate" le squadre partecipanti potrebbero essere solo sei: Petrarca, Calvisano, Rovigo, Fiamme Oro, una belga (Dendermonde? Kituro? Waterloo?) e una georgiana (Batumi come nome più probabile)
così sembra...
questo il post per intero (comparso in una pagina FB non ufficiale):

"The 2018/19 calendar of the Shield should be finally released not later than this wednesday. According to last "rumors" just six teams could be involved in this edition: italian Petrarca Padova, Calvisano, Rovigo and Fiamme Oro Roma, a belgian team (Dendermonde? Kituro? Waterloo?) and a georgian one (maybe Batumi). All just rumors, we repeat.
If confirmed, it would certainly be a step backward for our beloved competition."
la fede è un dono di dio. a me ha regalato una cravatta. [cit. Ratman]
so responsabie de queo che digo, no de queo che te capissi ti. [detto popolare + H.Medrano]

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18917
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da jpr williams » 17 set 2018, 14:17

Sei squadre? :shock:
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Gavazzi VATTENE!!!

thonk
Messaggi: 1336
Iscritto il: 14 dic 2015, 14:43
Località: Padova
Contatta:

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da thonk » 17 set 2018, 14:24

jpr williams ha scritto:Sei squadre? :shock:
di cui 4 italiane... boh... ha senso?
la fede è un dono di dio. a me ha regalato una cravatta. [cit. Ratman]
so responsabie de queo che digo, no de queo che te capissi ti. [detto popolare + H.Medrano]

Ilgorgo
Messaggi: 9247
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Ilgorgo » 17 set 2018, 14:30

thonk ha scritto:così sembra...
questo il post per intero (comparso in una pagina FB non ufficiale):

"The 2018/19 calendar of the Shield should be finally released not later than this wednesday. According to last "rumors" just six teams could be involved in this edition: italian Petrarca Padova, Calvisano, Rovigo and Fiamme Oro Roma, a belgian team (Dendermonde? Kituro? Waterloo?) and a georgian one (maybe Batumi). All just rumors, we repeat.
If confirmed, it would certainly be a step backward for our beloved competition."
Quel post l'ho scritto io, perciò è un po' un cane che si mangia la coda :P Nel senso che di conferme esterne a quei rumor non ne abbiamo.
Quella pagina (alla quale vi invito a iscrivervi, se vi va https://www.facebook.com/Continental-Sh ... 631533059/) è uno spin-off della pagina facebook di rugby.it. L'avevamo aperta l'anno scorso in mancanza quasi totale di informazioni provenienti dall'EPCR, cioè dal board organizzatore. Quest'anno l'EPCR ha deciso di dedicare sul proprio sito web al Continental Shield uno spazio molto più visibile e perciò speravamo di poter abbandonare la nostra pagina (scrivere in inglese è faticoso!) ma per ora EPCR non ha pubblicato alcuna notizia relativa alla nuova edizione del torneo
thonk ha scritto:
jpr williams ha scritto:Sei squadre? :shock:
di cui 4 italiane... boh... ha senso?
No, avrebbe poco senso anche secondo me. Speriamo che queste voci di corridoio siano pessimiste
Ultima modifica di Ilgorgo il 17 set 2018, 14:31, modificato 1 volta in totale.

thonk
Messaggi: 1336
Iscritto il: 14 dic 2015, 14:43
Località: Padova
Contatta:

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da thonk » 17 set 2018, 14:31

Ilgorgo ha scritto:
thonk ha scritto:così sembra...
questo il post per intero (comparso in una pagina FB non ufficiale):

"The 2018/19 calendar of the Shield should be finally released not later than this wednesday. According to last "rumors" just six teams could be involved in this edition: italian Petrarca Padova, Calvisano, Rovigo and Fiamme Oro Roma, a belgian team (Dendermonde? Kituro? Waterloo?) and a georgian one (maybe Batumi). All just rumors, we repeat.
If confirmed, it would certainly be a step backward for our beloved competition."
Quel post l'ho scritto io, perciò è un po' un cane che si mangia la coda :P Nel senso che di conferme esterne a quei rumor non ne abbiamo.
Quella pagina (alla quale vi invito a iscrivervi, se vi va https://www.facebook.com/Continental-Sh ... 631533059/) è uno spin-off della pagina facebook di rugby.it. L'avevamo aperta l'anno scorso in mancanza quasi totale di informazioni provenienti dall'EPCR, cioè dal board organizzatore. Quest'anno l'EPCR ha deciso di dedicare sul proprio sito web al Continental Shield uno spazio molto più visibile e perciò speravamo di poter abbandonare la nostra pagina (scrivere in inglese è faticoso!) ma per ora EPCR non ha pubblicato alcuna notizia relativa alla nuova edizione del torneo

ecco apposto! :D
la fede è un dono di dio. a me ha regalato una cravatta. [cit. Ratman]
so responsabie de queo che digo, no de queo che te capissi ti. [detto popolare + H.Medrano]

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18917
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da jpr williams » 17 set 2018, 15:02

Ilgorgo ha scritto:
thonk ha scritto:
di cui 4 italiane... boh... ha senso?
No, avrebbe poco senso anche secondo me. Speriamo che queste voci di corridoio siano pessimiste[/quote]

Cari amici, direi che parlare poco senso è fargli un esagerato complimento.
Wait and see, ma senza troppe speranze... :roll: :x
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Gavazzi VATTENE!!!

Ilgorgo
Messaggi: 9247
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Ilgorgo » 18 set 2018, 9:24

Il club georgiano potrebbe essere il Lokomotivi Tbilisi.
La fonte è sempre la stessa, un consulente della federazione georgiana che scrive su un altro forum

Luqa-bis
Messaggi: 5078
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Luqa-bis » 18 set 2018, 12:19

E potrebbe essere il caso in cui tiferò per i georgiani contro le squadre padano-venete... ;-)

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18917
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da jpr williams » 18 set 2018, 12:58

Luqa-bis ha scritto:E potrebbe essere il caso in cui tiferò per i georgiani contro le squadre padano-venete... ;-)
Tifo corporativo! :-]
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Gavazzi VATTENE!!!

Adryfrentzen
Messaggi: 1370
Iscritto il: 31 gen 2018, 12:42

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Adryfrentzen » 18 set 2018, 17:47

Uno spunto da Rugby Bet


CONTINENTAL SHIELD 2018/2019: ALMENO CAMBIATEGLI NOME!

Sulla prossima edizione della terza coppa europea per importanza, il Continental Shield, aleggiava da settimane un alone di mistero poiché nessuna notizia si aveva al riguardo. Ci si chiedeva quante e quali squadre vi avrebbero preso parte, quali nazioni sarebbero state coinvolte, quale formula si sarebbe adottata. Finalmente abbiamo la risposta alle nostre domande, sebbene manchi l’ufficialità. Ma andiamo per ordine.

Questo torneo esiste dal 2014, anche se in origine con un altro nome (Qualifying Competition), e mette in palio due posti per la Challenge Cup della stagione seguente. La sua funzione è sviluppare il rugby europeo al di fuori dei soliti confini, consentendo ai migliori club degli Stati emergenti di sfidarsi per accedere alla coppa superiore dove potersi confrontare con le blasonate squadre di Premiership, Pro14 e Top14. Dopo la prima, ridottissima, edizione che consistette praticamente in due finali (Rovigo batté i Tbilisi Caucasians e Calvisano venne sconfitto dai Bucureşti Wolves), il torneo si è espanso a sei compagini: tre italiane, una russa, una portoghese, una spagnola. Le vincenti dei due gironi da tre, Calvisano ed Enisei-STM, affrontarono e superarono i due team che lo avevano vinto l’anno prima, rispettivamente Rovigo e Baia Mare (rappresentante della Romania al posto dei Bucureşti Wolves), ottenendo il diritto a disputare la Challenge Cup della stagione seguente. Dall’edizione 2015/2016 si è avuto un ulteriore incremento delle partecipanti, giungendo a otto squadre, metà italiane e metà estere con l'inserimento di belghe, tedesche ecc. Ed è stato così fino all’ultima edizione. Dalla prossima ci sarà invece una vera e propria atrofia: solo sei compagini, quattro italiane e solo due estere! Le italiane saranno Petrarca Padova, Calvisano, Rovigo e Fiamme Oro mentre le estere saranno Locomotive Tbilisi, che ha vinto lo scorso campionato georgiano (il “Didi 10”), e una non meglio definita franchigia belga.

Sono sparite dunque le rappresentanti di Spagna, Portogallo, Romania e Germania, ma soprattutto non ci sarà nessuna squadra dalla Russia ossia dal Paese che più si era dimostrato competitivo. Da quanto si legge in giro, l’assenza dei club iberici sarebbe dovuta a ragioni economiche. Più oscuro il motivo per cui non ci sia nessun team tedesco. Per chi non lo sapesse, l’Heidelberger, nove volte campione di Germania, è stato escluso dalla prossima Challenge Cup, cui aveva ottenuto il diritto di partecipare essendosi qualificato sul campo nel barrage contro Timişoara. Il motivo: il suo presidente, Hans-Peter Wild, sarebbe stato in una posizione di conflitto d’interessi con lo Stade Français di cui è azionista di maggioranza. Probabilmente il club tedesco si è tirato fuori da questa competizione dopo questa assai discutibile decisione o non è stato proprio considerato per il sovraesposto problema. Ma è letteralmente incomprensibile la mancanza di un club russo. Nella scorsa Challenge Cup vi erano due team russi: l’Enisei-STM, che figurerà anche nella prossima per la quarta stagione consecutiva, e i concittadini del Krasny Yar, alla prima apparizione. Krasny Yar, che nel girone riuscì a sconfiggere lo Stade Français, è stato battuto nel barrage dall’Enisei-STM e ci si aspettava fosse scivolato nel Continental Shield. Lo stesso si può dire per la Romania: in Challenge Cup ci sarà Timişoara e sarebbe stato bello vedere all’opera nella coppa inferiore un altro team della SuperLiga. Non vedremo né russe né rumene, nonostante i loro campionati siano di un livello sicuramente non inferiore a quello interno italiano.

Dispiace perché questa competizione poteva proiettare verso l’alto il rugby dei Paesi emergenti, chiusi e stretti nei loro confini nazionali e poco considerati in Europa. Anziché una riduzione, avrei accolto con piacere un aumento del numero delle partecipanti: con dieci squadre, una russa, una georgiana, una rumena, una tedesca, una spagnola, una portoghese, una olandese/belga, una polacca/ceca e due italiane, sarebbe stato davvero un torneo interessante e coinvolgente. Dispiace poi perché di certo i risultati maturati sul campo vanno in tutt’altra direzione rispetto a quella che si è imboccata. Da quando il torneo si è strutturato nel format a otto squadre, le italiane hanno stentato enormemente (snobbando spesso i match di coppa) mentre si sono distinte le formazioni provenienti da Russia, Romania e, l’annata scorsa, Germania: tutti Paesi che non avranno alcuna rappresentanza.

La domanda che mi pongo è quale attrattiva possa avere un torneo del genere. Un torneo composto da sei squadre, divise in due gironi da tre, in cui i due terzi delle partecipanti vengono dallo stesso Paese; considerando che le squadre belghe in passato non sono state affatto all’altezza, in pratica ci sarà solo il team georgiano a impensierire le quattro italiane. Non so di chi sia la colpa ma se la EPCR voleva sviluppare il rugby dell’intero continente, ha fallito miseramente; specie se l’assenza di certe squadre è dovuta a motivi di finanze o di distanze. Non credo infine che la FIR e i club italiani possano dirsi contenti nel disputare un torneo di tipo “condominiale”. A questo punto meglio cambiare tutto, allestendo una Coppa Italia comprendente anche i club di Serie A o un circuito nazionale 7s. Quel che mi auguro vivamente è che si tolga la denominazione “Continental Shield” perché in questo torneo di “continentale” vedo ben poco!

Ilgorgo
Messaggi: 9247
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Ilgorgo » 18 set 2018, 18:21

Concordo con l'articolo di Rugby Bet. Alcune esclusioni sono incomprensibili; forse alla base di ognuna di esse c'è una motivazione economica, magari non dei club assenti ma di quelli presenti che non volevano fare trasferte lontane. Non so.
Rugbybet dice che questa coppa ormai ha poco di Continental ma forse ha poco anche di Shield, perché pare che quest'anno non ci sarà la finale nel weekend delle finali di Champions e Challenge e quindi non so se lo Shield sarà assegnato

Ilgorgo
Messaggi: 9247
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Ilgorgo » 18 set 2018, 22:46

Mappa casereccia

Immagine

Mr Ian
Messaggi: 3989
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Mr Ian » 19 set 2018, 12:38

Rugby Bet è una delle migliori pagine FB dedicate al rugby italiano, forse lo avevo già detto. Analisi tecniche precise e puntuali, meglio di tanti in voga nel mondo webbe

Rovigoto18
Messaggi: 1913
Iscritto il: 21 mag 2009, 12:58

Re: Continental Shield 2018/19

Messaggio da Rovigoto18 » 19 set 2018, 17:08

Peccato perché la Coppa Europa o come volete chiamarla l anno scorso aveva una buona formula con tante squadre di varie Nazioni anche forti.. Quest anno mi pare sarà tutto l opposto e da abbonato e amante della Shield non può che dispiacermi... Era una buona vetrina e rimane per i nostri giovani ma servono avversarie ostiche e di livello a costo di perdere ( rumeni e poi russi )...
A NOI ROSSOBLU.. LA CELTIC NON VA GIU..

Rispondi

Torna a “Europa”