Italia - Irlanda

6 Nazioni, Top14, Aviva Premiership, Celtic League, Federazioni Straniere , Coppe e tutto quello che succede in Europa

Moderatore: ale.com

Soidog
Messaggi: 1559
Iscritto il: 6 feb 2017, 14:14

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Soidog » 26 feb 2021, 10:53

jentu ha scritto:
26 feb 2021, 8:34
Concordo con @Mr Ian su tutto tranne che sul numero di equiparazioni necessarie. A noi serve come il pane fisicità mobile in seconda e ricambi già ora formati sui ¾, specie sui centri.
Per me bastano 3 - 4 ottime equiparazioni e si potrebbe iniziare a vincere con costanza, soprattutto se vengono anche nelle franchigie e le abituano a vincere. Almeno le partite vinte come quella ultima delle Zebre.
Vincere aiuta a vincere, non è una frase fatta
Le equiparazioni con i nuovi limiti temporali di residenza diventeranno rare, quasi eccezionali.
Lo scouting sugli Italians andrà fatto in maniera sistematica per aggiungere nuovi talenti a quelli che sono in arrivo nei prossimi anni grazie al lavoro di Aboud.
Investendo il dovuto, si potrebbe cercare di attrarre qualche eleggibile dal League Australiano

Avatar utente
Adryfrentzen
Messaggi: 2598
Iscritto il: 31 gen 2018, 12:42
Località: Londra, UK

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Adryfrentzen » 26 feb 2021, 10:58

Mr Ian ha scritto:
26 feb 2021, 8:22
oggi l Italia se vuole tornare ad essere competitiva deve scandagliare ovalia alla ricerca di almeno 7/8 buoni giocatori stranieri che vogliano sposare la causa italiana, ovviamente il tutto attraverso un percorso mirato ed organizzato, cosa impossibile da chiedere all attuale fir...
Io non sono "jpriano" :D in quel senso, ma onestamente non mi sono mai andate particolarmente giù le equiparazioni soprattutto per residenza, in particolare se il giocatore in questione in precedenza ha giocato per la U20 di un altro paese (non riapriamo il discorso per favore). Tuttavia sono d'accordo: nel breve è un male che sono disposto a sopportare e che purtroppo o per fortuna sono convinto che servirà, se non altro per portare concorrenza, ricambio e si spera qualche agognato risultato. Nel medio/lungo tuttavia auspico invece che questo serva come trampolino per giovani italiani formati in Italia. Posto ovviamente che la (nuova) Federazione si interessi finalmente a renderlo tale.

Luqa-bis
Messaggi: 6353
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Luqa-bis » 26 feb 2021, 11:02

Ma otto anni per vincere una partita o otto anni per vincere il torneo (o almeno essere in grado di farlo)?

Sulle necessità della squadra io sono più allineato a quanto indicato da Jentu.
Forse 4 giocatori sono sufficienti per fare un cambio di livello.

Se si vuole discutere di scouting :

- per gli equiparati significa con la nuova norma "leggere" nei vivai U18 di altre federazioni e trovare il ragazzo di qualità superiori. sapendo di doverci investire temo e risorse, quanto per un giovane indigeno dalla U14 alla U20;
- per gli oriundi significa stipulare rapporti con alcune realtà locali (inglesi, francesi, sudafricane , australiane) e sì anche nel league, sapendo che serve il tempo di abituarsi al cambio di codice.

Ma son risorse che non debbono essere distolte dalla quota "formazione indigena" ma da quella "oneri nazionale, franchigie e federazione"
E comunque è un percorso di almeno 4-5 anni.

loverthetop_86
Messaggi: 1019
Iscritto il: 14 apr 2011, 23:25

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da loverthetop_86 » 26 feb 2021, 11:04

Soidog ha scritto:
26 feb 2021, 10:53
jentu ha scritto:
26 feb 2021, 8:34
Concordo con @Mr Ian su tutto tranne che sul numero di equiparazioni necessarie. A noi serve come il pane fisicità mobile in seconda e ricambi già ora formati sui ¾, specie sui centri.
Per me bastano 3 - 4 ottime equiparazioni e si potrebbe iniziare a vincere con costanza, soprattutto se vengono anche nelle franchigie e le abituano a vincere. Almeno le partite vinte come quella ultima delle Zebre.
Vincere aiuta a vincere, non è una frase fatta
Le equiparazioni con i nuovi limiti temporali di residenza diventeranno rare, quasi eccezionali.
Lo scouting sugli Italians andrà fatto in maniera sistematica per aggiungere nuovi talenti a quelli che sono in arrivo nei prossimi anni grazie al lavoro di Aboud.
Investendo il dovuto, si potrebbe cercare di attrarre qualche eleggibile dal League Australiano
Più che rare, ti costringono a costruire su un movimento che sia accogliente per più tempo e per prospetti mediamente più giovani. E, secondo me, questa cosa inasprirà di molto le differenze tra chi ha la capacità di attirare un certo tipo di giocatori e chi no. Un esempio su tutti è James Lowe: quanto un prospetto del genere potrebbe essere attratto da una proposta azzurra in questo momento?

Sul League: ci vogliono tanti soldini. Ma proprio tanti.
anonimapiloni.wordpress.com

"Co te mori, no te se de essar morto, no te soffri, ma par chealtri a xe dura.
Co te si mona xe a stessa roba."
(Antico detto veneto)

Luqa-bis
Messaggi: 6353
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Luqa-bis » 26 feb 2021, 11:14

Per curiosità quale è il compenso medio per un giocatore del league australiano ?

Mr Ian
Messaggi: 5635
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Mr Ian » 26 feb 2021, 11:15

loverthetop_86 ha scritto:
26 feb 2021, 11:04
Soidog ha scritto:
26 feb 2021, 10:53
jentu ha scritto:
26 feb 2021, 8:34
Concordo con @Mr Ian su tutto tranne che sul numero di equiparazioni necessarie. A noi serve come il pane fisicità mobile in seconda e ricambi già ora formati sui ¾, specie sui centri.
Per me bastano 3 - 4 ottime equiparazioni e si potrebbe iniziare a vincere con costanza, soprattutto se vengono anche nelle franchigie e le abituano a vincere. Almeno le partite vinte come quella ultima delle Zebre.
Vincere aiuta a vincere, non è una frase fatta
Le equiparazioni con i nuovi limiti temporali di residenza diventeranno rare, quasi eccezionali.
Lo scouting sugli Italians andrà fatto in maniera sistematica per aggiungere nuovi talenti a quelli che sono in arrivo nei prossimi anni grazie al lavoro di Aboud.
Investendo il dovuto, si potrebbe cercare di attrarre qualche eleggibile dal League Australiano
Più che rare, ti costringono a costruire su un movimento che sia accogliente per più tempo e per prospetti mediamente più giovani. E, secondo me, questa cosa inasprirà di molto le differenze tra chi ha la capacità di attirare un certo tipo di giocatori e chi no. Un esempio su tutti è James Lowe: quanto un prospetto del genere potrebbe essere attratto da una proposta azzurra in questo momento?

Sul League: ci vogliono tanti soldini. Ma proprio tanti.
bè però Lowe in questo momento sta anche mostrando perchè gli All Blacks non hanno puntato forte su di lui...
Alla fine scandagliare il prod2, il top14, la Nuova Zelanda e l australia penso possa bastare per trovare qualcuno interessato alla causa nazionale...Più difficile il lavoro se vogliamo proiettarci sugli U18, in quel caso oltre a convincere il giovane, devi convincere anche i genitori attraverso un percorso di studi ad hoc ed una formazione di primo livello....cioè noi in Italia con una permanenza a Remedello ed un posto in Polizia abbiano cercato di trattenere i migliori...

Luqa-bis
Messaggi: 6353
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Luqa-bis » 26 feb 2021, 11:18

MA le sedi dei 4 CFP U18 sono vicini a luoghi interessanti.
E anche Remedello, prima era Parma e potrebbe essere Milano.

Milano, quasi Venezia, quasi Firenze, Roma. Dal punto di vista mediatico non saremmo messi male.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 25710
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da jpr williams » 26 feb 2021, 11:24

La lettura di questa discussione dimostra meglio di qualunque loculo la nostra pochezza.
-quelli non chiamati sono sempre meglio di quelli chiamati (anche scambiandoli, tipo che uno appena lo chiami diventa peggio di quello di cui ha preso il posto...aspetto l'invocazione di Esposito, Iannone e Benvenuti...o di Scanavacca...)
-se vogliamo non vincere, ma almeno non essere un materasso dobbiamo necessariamente mascherare da italiani degli stranieri.
Insomma, siamo davvero sulla strada giusta.
Ciao, torno nel loculo prima che mi ci rimandiate.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

loverthetop_86
Messaggi: 1019
Iscritto il: 14 apr 2011, 23:25

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da loverthetop_86 » 26 feb 2021, 11:25

Luqa-bis ha scritto:
26 feb 2021, 11:14
Per curiosità quale è il compenso medio per un giocatore del league australiano ?
Medio non lo so, qui ho trovato questi, che rendono un po'l'idea dei soldi che girano:

https://www.news.com.au/sport/nrl/nrl-2 ... 7e7881577e

https://www.seriousaboutrl.com/the-10-h ... son-31708/

Fermo restando che poi bisognerà attendere i frutti dello switch fra i due codici.
anonimapiloni.wordpress.com

"Co te mori, no te se de essar morto, no te soffri, ma par chealtri a xe dura.
Co te si mona xe a stessa roba."
(Antico detto veneto)

Mr Ian
Messaggi: 5635
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Mr Ian » 26 feb 2021, 11:29

jpr williams ha scritto:
26 feb 2021, 11:24
La lettura di questa discussione dimostra meglio di qualunque loculo la nostra pochezza.
-quelli non chiamati sono sempre meglio di quelli chiamati (anche scambiandoli, tipo che uno appena lo chiami diventa peggio di quello di cui ha preso il posto...aspetto l'invocazione di Esposito, Iannone e Benvenuti...o di Scanavacca...)
-se vogliamo non vincere, ma almeno non essere un materasso dobbiamo necessariamente mascherare da italiani degli stranieri.
Insomma, siamo davvero sulla strada giusta.
Ciao, torno nel loculo prima che mi ci rimandiate.
la pochezza sta anche nell aver voluto tenere Riccioni o trulla a Calvisano piuttosto che nelle franchigie...oggi stai raccogliendo i frutti di quelle scelte e ti trovi davanti tanti giocatori che oggi forse non sarebbero neanche nelle rose delle nazionali A dei nostri competitor...

Man of the moment
Messaggi: 2445
Iscritto il: 19 feb 2018, 18:01

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Man of the moment » 26 feb 2021, 11:53

Mr Ian ha scritto:
26 feb 2021, 11:29
jpr williams ha scritto:
26 feb 2021, 11:24
La lettura di questa discussione dimostra meglio di qualunque loculo la nostra pochezza.
-quelli non chiamati sono sempre meglio di quelli chiamati (anche scambiandoli, tipo che uno appena lo chiami diventa peggio di quello di cui ha preso il posto...aspetto l'invocazione di Esposito, Iannone e Benvenuti...o di Scanavacca...)
-se vogliamo non vincere, ma almeno non essere un materasso dobbiamo necessariamente mascherare da italiani degli stranieri.
Insomma, siamo davvero sulla strada giusta.
Ciao, torno nel loculo prima che mi ci rimandiate.
la pochezza sta anche nell aver voluto tenere Riccioni o trulla a Calvisano piuttosto che nelle franchigie...oggi stai raccogliendo i frutti di quelle scelte e ti trovi davanti tanti giocatori che oggi forse non sarebbero neanche nelle rose delle nazionali A dei nostri competitor...
Beh, Riccioni poteva anche restare un anno in più a Calvisano, visto che la prima stagione a Treviso l'ha passata in infermeria.
Trulla è un caso più unico che raro, cioè quando ti ritrovi ad avere indisponibili Minozzi Padovani e Hayward allo stesso tempo. Io credo che in una situazione normale Trulla sarebbe stato aggregato a novembre, al sei nazioni avrebbe giocato alle zebre, e poi dall'anno prossimo alle Zebre.

I giocatori che possono giocare direttamente nelle franchigie li abbiamo già, e se lo sono stra-meritato: Garbisi, Mori anche Zuliani. Non puoi buttare subito tutti i giovani nelle franchigie

Mr Ian
Messaggi: 5635
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Mr Ian » 26 feb 2021, 11:59

Man of the moment ha scritto:
26 feb 2021, 11:53
Mr Ian ha scritto:
26 feb 2021, 11:29
jpr williams ha scritto:
26 feb 2021, 11:24
La lettura di questa discussione dimostra meglio di qualunque loculo la nostra pochezza.
-quelli non chiamati sono sempre meglio di quelli chiamati (anche scambiandoli, tipo che uno appena lo chiami diventa peggio di quello di cui ha preso il posto...aspetto l'invocazione di Esposito, Iannone e Benvenuti...o di Scanavacca...)
-se vogliamo non vincere, ma almeno non essere un materasso dobbiamo necessariamente mascherare da italiani degli stranieri.
Insomma, siamo davvero sulla strada giusta.
Ciao, torno nel loculo prima che mi ci rimandiate.
la pochezza sta anche nell aver voluto tenere Riccioni o trulla a Calvisano piuttosto che nelle franchigie...oggi stai raccogliendo i frutti di quelle scelte e ti trovi davanti tanti giocatori che oggi forse non sarebbero neanche nelle rose delle nazionali A dei nostri competitor...
Beh, Riccioni poteva anche restare un anno in più a Calvisano, visto che la prima stagione a Treviso l'ha passata in infermeria.
Trulla è un caso più unico che raro, cioè quando ti ritrovi ad avere indisponibili Minozzi Padovani e Hayward allo stesso tempo. Io credo che in una situazione normale Trulla sarebbe stato aggregato a novembre, al sei nazioni avrebbe giocato alle zebre, e poi dall'anno prossimo alle Zebre.

I giocatori che possono giocare direttamente nelle franchigie li abbiamo già, e se lo sono stra-meritato: Garbisi, Mori anche Zuliani. Non puoi buttare subito tutti i giovani nelle franchigie
Veramente il titolare alle Zebre sarebbe Biondelli, per cui secondo questa teoria domani dovrebbe essere titolare contro l Irlanda. Il discorso per i giovani dovrebbe essere al contrario, si allenano con le franchigie, giocano i meritevoli e chi non trova spazio scende in eccellenza...noi facciamo al contrario.

Avatar utente
Saramago68
Messaggi: 249
Iscritto il: 8 nov 2019, 15:49

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Saramago68 » 26 feb 2021, 12:34

Cari colleghi di bar, mi costringete a richiamarvi ad un rispetto rigoroso della liturgia vigente per i match di Sei Nazioni, che prestamente vi ricordo:
- fino alla presentazione della formazione: ipotesi di schieramento (ammesse anche se mirabolanti), elaborazione di stratagemmi napoleonici, simulazione di scontri eventuali, presentazione di inauditi colpi di genio tattici, generici richiami patriottici;
- dopo la presentazione della formazione: sgomento, formulazione di alternative impraticabili, compianto sugli assenti, struggimento sulle glorie passate, scoramento e rassegnazione, appello ai sacri valori patrii (Piave, Grappa, Grenoble 1997), appello all'unità tricolore;
- dopo la fine della partita: annichilimento, inanità, catatonia, accuse allo staff, al tecnico e ai telecronisti, assunzione di sostanze psicotrope e/o alcoliche, rivalutazione dell'occorso in chiave smodatamente ottimistica, insani propositi di rivincita;
- il giorno successivo alla gara: analisi complessiva del movimento rugbistico italiano dall'età del bronzo ad oggi, suddivisione tra filo equiparati e anti equiparati, accuse reciproche di misoneismo ed oscurantismo, rassegna della stampa estera irridente, afflato all'imitazione dei modelli esteri, richiamo alle peculiarità nazionali (Scipio, Mameli, amatriciana), brindisi finale.
Noto ultimamente che, causa scarsezza di performance, si tende ad accelerare eccessivamente la liturgia, anticipando al pre gara i momenti finali, spesso i più soddisfacenti. Non vorrei che di questo passo si arrivasse a commentare di già Italia - Galles.

Garry
Messaggi: 15773
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Garry » 26 feb 2021, 12:36

Mr Ian ha scritto:
26 feb 2021, 11:59
Man of the moment ha scritto:
26 feb 2021, 11:53
Mr Ian ha scritto:
26 feb 2021, 11:29

la pochezza sta anche nell aver voluto tenere Riccioni o trulla a Calvisano piuttosto che nelle franchigie...oggi stai raccogliendo i frutti di quelle scelte e ti trovi davanti tanti giocatori che oggi forse non sarebbero neanche nelle rose delle nazionali A dei nostri competitor...
Beh, Riccioni poteva anche restare un anno in più a Calvisano, visto che la prima stagione a Treviso l'ha passata in infermeria.
Trulla è un caso più unico che raro, cioè quando ti ritrovi ad avere indisponibili Minozzi Padovani e Hayward allo stesso tempo. Io credo che in una situazione normale Trulla sarebbe stato aggregato a novembre, al sei nazioni avrebbe giocato alle zebre, e poi dall'anno prossimo alle Zebre.

I giocatori che possono giocare direttamente nelle franchigie li abbiamo già, e se lo sono stra-meritato: Garbisi, Mori anche Zuliani. Non puoi buttare subito tutti i giovani nelle franchigie
Veramente il titolare alle Zebre sarebbe Biondelli, per cui secondo questa teoria domani dovrebbe essere titolare contro l Irlanda. Il discorso per i giovani dovrebbe essere al contrario, si allenano con le franchigie, giocano i meritevoli e chi non trova spazio scende in eccellenza...noi facciamo al contrario.
Vabbè, un conto è la regola, un conto sono le eccezioni.
Dai, sembra che ci sia un passaggio continuo e senza alcun controllo...
La struttura, la "filiera", chiamatela come volete, è ben definita e rispettata nel 90% dei casi. Poi c'è qualcuno che per diversi motivi (non li elenco perché credo che tutti se li possano immaginare, basta scatenare la fantasia e non la dietrologia) ha una storia che non rispetta il percorso definito, va bene.
Non credo che per quest'oca sia da dire he non funziona nulla, che è tutto sbagliato eccetera. Grazie al cielo ci sono queste eccezioni e per fortuna che c'è chi le sa cogliere quando è il momento.
Ancora non c'è nessun esempio clamoroso di campioncino trascurato. Scusate se cito sempre lo stesso esempio, ma se è riuscito ad arrivare in nazionale maggiore uno come Zani che non era mai stato considerato dalle nazionali giovanili, vuol dire che le maglie della rete sono ben strette ed è difficile che qualcuno sfugga (anche perché sono ancora così pochi...)
"Correggi un sapiente e lo farai più sapiente. Correggi un ignorante e lo farai tuo nemico"

- Presidente del comitato "No ai soldi a pioggia per il rugby italiano"
- Inventore del programma per disintossicarsi dall'ossessione per il proprio orticello

Garry
Messaggi: 15773
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Italia - Irlanda

Messaggio da Garry » 26 feb 2021, 12:37

Saramago68 ha scritto:
26 feb 2021, 12:34
Cari colleghi di bar, mi costringete a richiamarvi ad un rispetto rigoroso della liturgia vigente per i match di Sei Nazioni, che prestamente vi ricordo:
- fino alla presentazione della formazione: ipotesi di schieramento (ammesse anche se mirabolanti), elaborazione di stratagemmi napoleonici, simulazione di scontri eventuali, presentazione di inauditi colpi di genio tattici, generici richiami patriottici;
- dopo la presentazione della formazione: sgomento, formulazione di alternative impraticabili, compianto sugli assenti, struggimento sulle glorie passate, scoramento e rassegnazione, appello ai sacri valori patrii (Piave, Grappa, Grenoble 1997), appello all'unità tricolore;
- dopo la fine della partita: annichilimento, inanità, catatonia, accuse allo staff, al tecnico e ai telecronisti, assunzione di sostanze psicotrope e/o alcoliche, rivalutazione dell'occorso in chiave smodatamente ottimistica, insani propositi di rivincita;
- il giorno successivo alla gara: analisi complessiva del movimento rugbistico italiano dall'età del bronzo ad oggi, suddivisione tra filo equiparati e anti equiparati, accuse reciproche di misoneismo ed oscurantismo, rassegna della stampa estera irridente, afflato all'imitazione dei modelli esteri, richiamo alle peculiarità nazionali (Scipio, Mameli, amatriciana), brindisi finale.
Noto ultimamente che, causa scarsezza di performance, si tende ad accelerare eccessivamente la liturgia, anticipando al pre gara i momenti finali, spesso i più soddisfacenti. Non vorrei che di questo passo si arrivasse a commentare di già Italia - Galles.
:rotfl:

Questo è un post perfetto.
Salvatelo da qualche parte, attaccatelo sopra al bancone del bar, e che nessuno trasgredisca più! :-]
"Correggi un sapiente e lo farai più sapiente. Correggi un ignorante e lo farai tuo nemico"

- Presidente del comitato "No ai soldi a pioggia per il rugby italiano"
- Inventore del programma per disintossicarsi dall'ossessione per il proprio orticello

Rispondi

Torna a “Europa”