Francia - Irlanda

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4135
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da gcruta » 14 ott 2015, 18:22

Garryowen ha scritto:E' fatta, adesso jpr è costretto a cambiare atteggiamento nei confronti degli arbitri.
Di TUTTI gli arbitri?
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."

metabolik
Messaggi: 8054
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da metabolik » 14 ott 2015, 18:23

Per hardhu :
Non so se sei veramente un profano, come dici, perché anche questa osservazione centra il problema.
No , il rischio è basso, c'è, ma è basso, perché una rissa oggi, con il TMO, si paga molto cara. Incassi e stai zitto, specialmente se sei latino.
Ti devi adeguare all'arbitro.
Attenzione, avendo fino a questo punto espresso solo una sostanziale critica, devo aggiungere una considerazione basilare a favore degli arbitri :
arbitrare una partita di rugby è molto difficile, tanto più quanto più è alto il livello delle contendenti.
Però c'e stato in questi mondiali un arbitro molto bravo , quello di AB - Argentina, che se non sbaglio (?), ci ha arbitrati con l'Irlanda.

mauott
Messaggi: 2323
Iscritto il: 27 ago 2008, 14:31

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da mauott » 14 ott 2015, 23:00

metabolik ha scritto: arbitrare una partita di rugby è molto difficile, tanto più quanto più è alto il livello delle contendenti.
Però c'e stato in questi mondiali un arbitro molto bravo , quello di AB - Argentina, che se non sbaglio (?), ci ha arbitrati con l'Irlanda.
Secondo me è più difficile tecnicamente arbitrare una partita di serie c che una del mondiale, perché al mondiale i giocatori si adattano all'arbitro in serie c no.
Ref tu che dici?

Se con arbitro bravo intendi Garces diciamo che fa parte di quelli che, da allenatore, preferirei non avere perché non sempre ha le idee ben chiare su cosa fischiare sia in mischia chiusa che sui punti d'incontro ed a volte cambia metro durante la partita .....

hardhu
Messaggi: 1226
Iscritto il: 15 ott 2011, 10:48
Località: Padova

Re: RE: Re: Francia - Irlanda

Messaggio da hardhu » 15 ott 2015, 0:48

metabolik ha scritto:Per hardhu :
Non so se sei veramente un profano, come dici, perché anche questa osservazione centra il problema.
Mi definisco così perché purtroppo non ho mai giocato...quindi mi manca il background delle esperienze sul campo che molti qui dentro hanno. Sono lieto quindi di leggere che la mia osservazione è comunque pertinente.

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 30252
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da jpr williams » 15 ott 2015, 11:06

metabolik ha scritto:
jpr williams ha scritto:
Eh no, jpr, uno 'studioso' ed esperto come te questo non doveva scriverlo.
Tifosi scozzesi che avvicinano gli italiani ad Edinburgo e dicono ' ci ha fatto vincere l'arbitro' .
Gli irlandesi allibiti per una meta non segnata e concessa da un arbitro che era a 40 m.
La stampa inglese sull'ultimo Italia - Inghilterra : l'arbitro ci da una mano a vincere.
La meta sacrosanta negata all'Italia, peraltro già in vantaggio, è stata la svolta della partita, almeno cavallerescamente riconosciuta dall'avversario.
Non sono innumerevoli, ma nemmeno rare, le occasioni di critica del vincente all'arbitro.
Ecco, io non volevo dirlo, ma i miei argomenti erano soprattutto "autoriflessivi" e riferiti a noi "gens italica": tutti gli episodi che tu citi provengono dai famosi anglosassoni che prevaricherebbero noi poveri calimeri latini. Non mi stupisce, giacchè a quelle auguste latitudini il concetto di lealtà e di rispetto a prescindere per le regole e per chi è chiamato, nei limiti della finitezza delle facoltà umane, a farle rispettare è sacrosanto e diffuso. Perciò uno scozzese non troverà alcuna difficoltà nel riconoscere un umano errore dell'arbitro che ha favorito la sua parte. Credo che un latino difficilmente saprebbe fare altrettanto (naturalmente parlo giocoforza per generallizzazioni, sia ben chiaro). Del resto da quelle parti un politico sorpreso con le mani nel sacco si va a nascondere e scompare, da noi accusa il giudice di complotti e attacchi politici e, magari, un sacco di gente gli crede e lo vota. :cry: :shock:
In generale io credo negli arbitri e nella loro buona fede anche e soprattutto quando sbagliano (come sbagliano i giocatori, del resto; altrimenti dovrei credere che un assurdo errore di handling, tipo quello di Earls in IRL-FRA che ha impedito una meta ai verdi , derivi dal fatto che il giocatore si è venduto la partita). L'alternativa sarebbe quella di non seguire più questo sport: perchè spendere tempo, denaro, passione per una cosa finta e preordinata da complotti empireici?
Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti (cit. Roberto "Freak" Antoni)
E gli alberi votarono ancora per l'ascia, perchè l'ascia era furba e li aveva convinti che era una di loro, perchè aveva il manico di legno. (proverbio turco)

metabolik
Messaggi: 8054
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da metabolik » 15 ott 2015, 14:59

Ma no, ma no, non parlo di gombloddo, se ne fossi convinto non seguirei con passione questo sport, come dici tu.
Parlo di forma mentis, di pregiudizio culturale che alimenta bias cognitivi (bello, eh?) .
Prova a fare un esempio un po' sfigato, ma per il momento non me ne vengono in mente altri.
Facciamo un campionato del mondo di pizza (o spaghetti alle vongole o caffè espresso o brodetto di pesce ecc..).
Nel girone della morte giocano Italia , Galles, Irlanda, NZ e Georgia (!).
Ogni squadra si presenta con la sua pizza (i suoi spaghetti alle vongole e il caffè espresso e il brodetto di pesce ecc..) davanti al giudice Metabolik, con un segnalinee spagnolo e un TMO francese, perché GALLESI, IRLANDESI E NEOZELANDESI NON HANNO ANCOR FORMATO UNA CLASSE ARBITRALE ADEGUATA. Metabolik assaggia tutto e, consigliandosi con lo spagnolo e il francese, vota chi passa il girone.
Secondo te , per vincere , il concorrente NZ non deve fare la sua pizza 3 volte più buona di quella italiana ?
E se anche il giudici fosse danese, non subirebbe una sudditanza pissi-cologica (bello, eh?) nei confronti della squadra italiana ?
Ma SCHERZIAMO ? NON VORRAI MICA INSEGNARE A FAR LA PIZZA AGLI ITALIANI.
Ma SCHERZIAMO ? NON VORRAI MICA INSEGNARE IL RUGBY AI GALLESI .

nambereit
Messaggi: 1040
Iscritto il: 6 mag 2003, 0:00
Località: la valle dei capannoni

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da nambereit » 15 ott 2015, 19:04

Infatti per mettersi col c*** al coperto la prole bastarda dei poms sostiene che la pizza è stata inventata colà....
And the scrum conductor says
make a break number 8, number 8 make a break
We’ve been on this shift too long.
And the scrum conductor says
make a break number 8, number 8 make a break
We can reach our destination, but were still a ways away

nambereit
Messaggi: 1040
Iscritto il: 6 mag 2003, 0:00
Località: la valle dei capannoni

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da nambereit » 15 ott 2015, 19:06

c.u.l.o me lo ha asteriscato il forum...
And the scrum conductor says
make a break number 8, number 8 make a break
We’ve been on this shift too long.
And the scrum conductor says
make a break number 8, number 8 make a break
We can reach our destination, but were still a ways away

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 30252
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Francia - Irlanda

Messaggio da jpr williams » 16 ott 2015, 8:41

Premesso che sogno da sempre di essere invitato a presiedere una giuria come quella 8-), non ritrovo affatto questo bias (bellissima parola, io la usavo solo parlando degli atteggiamenti delle banche centrali sui tassi d'interesse, ma qui ci sta benissimo :P ) nel comportamento degli arbitri. Ritrovo solo la capacità di alcune squadre più mature ed organizzate di studiare scientificamente il modo di arbitrare dei più importanti arbitri internazionali e sapersi adattare al loro metro. Noi, invece, o non lo sappiamo fare o, peggio ancora, pretendiamo che siano gli arbitri ad adattarsi al nostro modo di giocare. Esempio palesissimo è stato quello della recente partita di Murrayfield in cui abbiamo rifatto più volte l'identico fallo in chiusa nonostante i ripetuti avvertimenti dell'arbitro: può pure darsi che ritenessimo sbagliato il suo metro su quella situazione, ma, vivaddio, il fischietto ce l'ha lui e non accadrà MAI che sia lui ad adattarsi a noi; un minimo di intelligenza, che diamine! Tutto questo non esclude, naturalmente, che casualmente un arbitro commetta un errore nel giudicare un nostro specifico comportamento; a quel punto c'è chi, come me, lo valuta come un umanissimo errore e chi ci vuol vedere del pregiudizio.
Faccio sommessamente notare, peraltro, che i pregiudizi spesso sono l'evoluzione eccessiva di fatti che, però, spesso sono veri. Insomma, spesso i pregiudizi degli altri su di noi ce li siamo abilmente costruiti nel tempo; dovremmo cercare di mettere eguale tempo ed impegno per distruggerli. E non parlo solo di rugby, ovviamente.
Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti (cit. Roberto "Freak" Antoni)
E gli alberi votarono ancora per l'ascia, perchè l'ascia era furba e li aveva convinti che era una di loro, perchè aveva il manico di legno. (proverbio turco)

Rispondi

Torna a “RWC UK 2015”