effetto del mondiale sul rugby in Italia

aperturaestremo
Messaggi: 2109
Iscritto il: 24 ago 2011, 18:12
Località: Pisa/Roma

effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da aperturaestremo » 5 ott 2011, 15:25

Ok, la nazionale ha perso 36-6 contro l'Irlanda, aveva perso 32-6 contro l'Australia ed e', come al solito, fuori dai quarti. La mia domanda e': questi mondiali sono serviti/servono a far crescere la popolarita' del rugby, a far conoscere questo sport in Italia? Mi pongo questa domanda perche': domenica sera stavo guidando, ascoltavo il GR1, sono rimasto molto irritato dal fatto che la sconfitta dell'Italia sia stata solo menzionata mentre ci sia stato invece un collegamento con Belgrado per la finale degli europei femminili di pallavolo che tra l'altro non ci vedeva nemmeno coinvolti (l'Italia aveva perso in semifinale, la finale era Serbia-Germania). Stamattina invece, entrato nel solito negozio di giornali a cercare uno dei miei fumetti preferiti (Zagor...) ho visto che la gazzetta dello sport sta facendo uscire una serie di DVD sul rugby, quello ora in edicola e' sul mondiale 1987. Io non compro giornali sportivi, ma il DVD l'ho preso per vedere com'e', se mi piace continuero' la serie. Fuoco di paglia? Al contempo sempre dalla gazzetta ho scoperto che in questo momento si stanno svolgendo i mondiali di baseball -senza offendere la sensibilita' di nessuno, io non considero il baseball uno sport, ma solo un'americanata, ma so che ci sono zone d'Italia, tipo la pianura padana, Anzio e Nettuno, dov'e' molto diffuso, per via dell'occupazione americana- ma non mi sembra che nessuno ne parli. Mia madre, pur avendo io giocato tanti anni, ancora non conosce bene il rugby, non veniva a vedere le partite perche' si emozionava troppo e aveva paura che io mi facessi male (non va nemmeno all'olimpico a vedere la sua amata Roma, da qualche anno glielo ha proibito il cardiologo): a me al rugby mi ha iniziato un cugino. Le mamme di ora lo conoscono meglio? Dopo il bagno di folla a San Siro per gli All Blacks, dopo alcuni 6N che hanno visto una presenza di pubblico sempre crescente -forse, dico forse, in questo Mallett qualche merito ce l'ha- in previsione di 2 partite di 6N all'Olimpico, posso sperare che il rugby diventi il secondo sport italiano? Io amo il rugby, mi piacciono anche calcio e pallanuoto (che non ho giocato: ho giocato 2 anni a basket per imposizione dell'ortopedico, ma il basket non mi piace). Basta (tra gli sport di squadra). Ho visto l'Italia vincere 2 volte il mondiale di calcio e 3 quello di pallanuoto (nel 1994 a Roma ero proprio fisicamente presente). Posso sperare un giorno di vedere l'Italia vincere il mondiale di rugby, o almeno entrare in pianta stabile fra le grandi di questo sport? Posso -cosa forse ancora piu' importante- sperare di vedere questo sport secondo solo al calcio, come avviene in Inghilterra e in Francia? Questo mondiale, sia pure con un esito infelice dal punto di vista sportivo, puo' aver contribuito alla crescita del movimento? Che ne pensate?

Lyam
Messaggi: 13
Iscritto il: 27 set 2011, 23:02

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Lyam » 5 ott 2011, 15:43

No, non credo affatto che il mondiale influirà in maniera importante sulla popolarità del rugby in Italia.
Il boom a livello mediatico e di popolarità venne dopo il famoso 6n della vittoria esterna in scozia e del pareggio con Galles, il ritorno a serie di partite senza vittorie non ha giovato in termini di popolarità. Sarebbe interessante che qualcuno del forum più addentro a questi dati postasse qualcosa sul numero di tesserati negli ultimi anni per capire il trend.
Il discorso che fai su altri sport di squadra è indicativo: ottengono visibilità perchè portano risultati, vittorie che al rugby mancano. La gente si appassiona davanti le vittorie, non davanti le sconfitte onorevoli, quelle vanno bene ( o meglio, andavano bene sino a pochi anni fa) agli appassionati e ai tecnici, non a chi è esterno al movimento.

RigolettoMSC
Messaggi: 1059
Iscritto il: 21 mar 2009, 16:17

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da RigolettoMSC » 5 ott 2011, 15:46

Belle domande... Ci penso un po su...
Riccardo

giangi2
Messaggi: 1127
Iscritto il: 25 lug 2006, 9:00

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da giangi2 » 5 ott 2011, 15:49

Purtroppo non credo che questo mondiale avrà effetti sulla notorietà del rugby in generale; si giocava in orari improponibili per l'Italia e la copertura mediatica è stata poverissima. La vera grandissima occasione si è persa in Francia nel 2007. Ciò non toglie che, se si potessero realizzare delle sinergie Nazionale/Franchigie/Eccellenza la situazione migliorerebbe, perchè abbiamo sentito tanti, anche su questo forum, dire "adesso aspetto l'inizio del 6N", che mi sembra un ragionamento devastante per tutto il movimento: il rugby in Italia non finisce con la nazionale, e se la FIR lo avesse capito prima avrebbe ottenuto qualche risultato migliore in termini di visibilità. Adesso vedremo la RAI cosa farà con Celtic League ed Eccellenza, però ho grossi dubbi che sappia valorizzare quello che, in definitiva, è un investimento (non che ci voglia tanto, magari basterebbe dare qualche notizia o immagine ogni tanto anche nei telegiornali o nei notiziari sportivi). Capitolo diverso gli 80.000 di San Siro: l'organizzazione era RCS, quindi la rosea ha picchiato forte con l'informazione e i risultati si sono visti; purtroppo in seguito l'organizzatore dei test match è cambiato, e lo spazio sulla rosea si è ridotto di molto; anche in questo caso non so se è stata una scelta di RCS o della FIR per monettizare, ma nel secondo caso sarebbe stato un clamoroso autogol.

Leinsterugby
Messaggi: 5144
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Leinsterugby » 5 ott 2011, 16:00

no no una squadra che non vince mai non avrà alcun effetto nel paese del calcio

Ale_86
Messaggi: 1501
Iscritto il: 24 set 2006, 20:29
Località: Copenhagen/Boston

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Ale_86 » 5 ott 2011, 16:02

Nullo.

Come hai fatto notare pare che in patria non ne parli nessuno. Abbiamo un grande vantaggio, che é l'"idolatrazione" del rugby come sport puro d'altri tempi - cosa purtroppo non piú vera - e questo ci porta a delle comparsate sui canali di informazioni maggiore, vedi speciale di Piero Angela appena prima del mondiale. Ma questo non fa altro che compensare i vantaggi degli altri due "secondi sport" d'Italia, pallavolo e basket, cioé l'essere praticabili al coperto e nelle ora di educazione fisica e l'essere gli sport preferiti di buona parte degli insegnanti di ginnastica delle superiori.

Certo, non ci sono paragoni rispetto a quanto era conosciuto una volta, stando ai piú vecchi di me, e ci credo, peró ho la sensazione che non stiamo sfruttando a dovere le opportunitá che abbiamo.

Stiamo crescendo in visibilitá, ma gradualmente, un singolo evento non ha un gran effetto, neanche un mondiale, secondo me.
Potete aumentarmi le tasse su tutto, ma non sulla mia birra!
http://www.salvalatuabirra.it

Ale_86
Messaggi: 1501
Iscritto il: 24 set 2006, 20:29
Località: Copenhagen/Boston

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Ale_86 » 5 ott 2011, 16:04

Leinsterugby ha scritto:no no una squadra che non vince mai non avrà alcun effetto nel paese del calcio
Effettivamente... Io mi ricordo ancora da fanciullo che improvvisamente mezza Italia aveva scoperto la passione della vela, ora tristemente dimenticata :-]
Potete aumentarmi le tasse su tutto, ma non sulla mia birra!
http://www.salvalatuabirra.it

bep68
Messaggi: 1267
Iscritto il: 28 ago 2009, 10:31

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da bep68 » 5 ott 2011, 16:10

io nella under 14 che alleno da circa 24 tesserati se ne sono aggiunti 7-8 che mi sà che son venuti proprio per la concomitanza col mondiale.credo sia successo anche nella under 8-10-12.di solito però ci vuole un pò di tempo per capire chi continuerà..
se il rugby è una metafora della vita, e la vita è una ruota, sono al terzo giro, il primo da giocatore, il secondo da allenatore, il terzo da genitore..

bep68
Messaggi: 1267
Iscritto il: 28 ago 2009, 10:31

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da bep68 » 5 ott 2011, 16:15

non bisogna dimenticare che in molte realtà se il numero dei nuovi tesserati crescesse troppo non siamo generalmente in grado di gestirli, ne come strutture e ne come tecnici.in formazione quando superi il rapporto 1/10 è quasi impossibile gestire i ragazzini e curarne la crescita.c'è bisogno di tecnici oltre che di nuovi tesserati..
se il rugby è una metafora della vita, e la vita è una ruota, sono al terzo giro, il primo da giocatore, il secondo da allenatore, il terzo da genitore..

Emanuele II
Messaggi: 52
Iscritto il: 3 ott 2011, 11:06

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Emanuele II » 5 ott 2011, 16:29

Secondo me finché il rugby non sarà trasmesso in chiaro dalla Rai non ci sarà nessuna esplosione duratura. Si andrà avanti a mode, quando capiteranno risultati positivi o in occasione di un'amichevole di lusso e poi ritornerà nel dimenticatoio. Si è nominata la pallavolo, beh, ricordo che diventò un fenomeno di massa nel 1990 quando vincemmo i mondiali. Prima la Rai trasmetteva qualche partita col contagocce, ma la trasmetteva. Dopo ha trasmesso un sacco di volley per anni e il movimento è diventato solido continuando a conseguire risultati.
So che in tanti preferiscono sky per i commenti migliori e il numero di partite trasmesse, e per prevenire obiezioni dico che anch'io mi incavolavo con la Rai quando tagliava la partita o neanche la trasmetteva. Non ricordo cosa fecero nei mondiali 1987, ricordo le nottate in piedi in attesa di una partita che forse non era nemmeno trasmessa. Però io il rubgy l'ho scoperto con le partite del 5 nazioni che ogni tanto anche la tv pubblica trasmetteva. Se allora ci fosse stata Sky del rugby non me ne sarebbe fregato niente così come il volley sarebbe rimasto molto più di nicchia.

TommyHowlett
Messaggi: 3623
Iscritto il: 7 apr 2004, 0:00
Località: Porto Viro

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da TommyHowlett » 5 ott 2011, 16:33

la diffusione mediatica del rugby, in particolare di questi mondiali, si scontra con gli eterni e immancabili interessi delle tv. La Coppa del Mondo essendo trasmessa da Sky, per precisi ordini di scuderia non deve essere troppo menzionata nè da Mediaset nè dalla Rai nè da altre emittenti (es. La7), che ancora rappresentano il riferimento in tv per gran parte della popolazione italiana. Nei giornali qualcosina in più c'è, ma la stessa Gazzetta dello Sport, guidata anche lei da mille interessi, non tratta l'evento meglio di basket, pallavolo o tennis, e se non gioca l'Italia o nei momenti di pausa come ora a mala pena dedica all'evento un quarto di pagina.
Una sottoesposizione che paradossalmemte tiene abbastanza nascosta agli occhi della nazione la penosa uscita della nostra squadra dal torneo e che non influirà più di tanto sul seguito, sostanzialmente ben ancorato all'evento 6N.
Non so se i miei giocatori bevono whisky. So che bevendo frappé non si vincono molte partite.

MAX_AM
Messaggi: 903
Iscritto il: 22 feb 2007, 14:13
Località: VR

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da MAX_AM » 5 ott 2011, 16:35

Premetto subito che potrei ricordare male ma, tempo fa pur superficialmente, avevo analizzato le statistiche del Coni (focalizzandomi sul rugby) che indicavano un incremento dei tesserati negli ultimi anni (fino al 2008 - dove effettivamente si era riscontrato l'effetto booster dei Mondiali del 2007 combinato anche al miglior 6N mai disputato dall'Italia in termini di risultati). Poi nel 2009 un "leggero" declino. Analizzando ancor più quei dati si era però riscontrato che, sempre nel 2009, in controtendenza, il nr società era salito. Ne avevamo anche discusso nel forum... comunque alla fine si era convenuto (+ o - come si può convenire su di un forum) che in realtà il nr tesserati non stabiliva un pari incremento in giocatori (in quanto comprensivo anche di tutte quelle figure parallele come dirigenti ecc.) e che il nr di società in aumento era dipeso xlo+ dalla necessità, al variare della normativa, di creare società parallele come seconde squadre (vedi listone) e di distinguere l'attività junior, senior, minirugby ecc. Insomma un incremento fittizio.
Tu ti chiedevi però della popolarità: secondo me il Mondiale 2007 giocato in Francia <3, con partite quindi ad orari umani, pur essendo anche allora solo su SKY (al tempo meno diffusa), è stato molto più sentito ed efficace su questo fronte. Ha colto contatti anche non cercati - fosse solo perchè alcuni match erano in contemporanea con il calcio nei bar - sollevando più interesse e curiosità. Molti si sono avvicinati al rugby in quel periodo ...e molti si sono anche altrettanto velocemente allontanati capito come funzionava :-]. Dalle mie parti l'aumento c'è stato sia a livello giovanile che seniores ... per il primo in quanto supportato dalla propaganda nelle scuole, per il secondo anche da un certo disaffezionamento allo sport principe in Italia. In qs Mondiali, magari è troppo presto per dirlo, non mi sembra di cogliere altrettanto fermento. Per fermento intendo dire - a partire dal 2007 - anche a livello televisivo/radiofonico con trasmissioni che parlano di rugby e i Bergamasco dalla Ventura (per quanto possa far inorridire qualcuno). L'apoteosi di popolarità in Italia culminata con la partita degli All Blacks a Milano nel 2009 non credo, se mai accadrà nuovamente, possa dipendere dai Mondiali 2011. Piuttosto lavorerei meglio per il 6N - che è annuale e meno estemporaneo - potendo contare almeno per un paio d'anni di un capiente stadio dove si vedranno male le partite ma si possono applicare prezzi popolari e far sedere più persone. Pragmaticamente. Poi, lo metto come postilla finale, dipende anche cosa s'intende di popolarità: molti la rifuggono perchè ritengono il rugby uno sport d'elite e non per tutti. Altri pensano che, se non conquisti le mamme che vedono Parisse a petto nudo, non manderanno i figli al campo. Forse la verità sta nel mezzo ...
"I think It's time ..." (Raphaël Ibañez)

jentu
Messaggi: 3952
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da jentu » 5 ott 2011, 16:51

Noi abbiamo un buco nei 96 e parzialmente nei 97. Forse perchè si è lavorato male nelle scuole, ma a me sembra anche dovuto all'effetto vittoria mondiale di calcio in germania.
Il mondiale odierno, nonostante gli orari, ci ha visto battere con bonus Russia ed USA che, nell'immaginario collettivo dei non acculturati rugbistici, è un risultatone. Per alcuni versi è vero anche per noi, ma per chi lo legge sulla Gazzetta o il Corriere dello Sport, che lo hanno riportato con una certa enfasi, sembra quasi aver fatto un figurone mondiale.
Detto questo in società ed in città si è notato un certo interesse, speriamo non episodico e legato al bel finale metereologico di settembre.
La passione durevole va confermata con più calma.

Luqa-bis
Messaggi: 5153
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Luqa-bis » 5 ott 2011, 17:33

Come ha scritto jentu, le due vittorie su Russia e USA, soprattutto la seconda, hanno avuto un certo impatto sui non addetti ai lavori.

In generale, l'orario delle partite e la trasmissione in pay tv non hanno contribuito ad una diffusione.
Potrebbe essere divers oper il mondiale 2015.

In generale non ritengo che il rugby sia destinato ad essere il secondo sport d'Italia, nemmeno limitandosi ai soli sport di squadra.
Le difficoltà sono , a parte l'immagine dura, il numero di atleti, la tipologia di impianti (forse non si nota il fatto che un campo da rugby "regolare" dentro l'ovale di una pista di atletica non ci sta) la difficoltà per fare numero.
la scarsa penetrazione nel settore femminile
Continuo a pensare che una versione di rugby a 7 giocata sui campi da calcio adattati potrebbe invece fare motlo.

In ogni caso, penso che oltre al calcio, sia pallacanestro che pallavolo restino sport con più seguito e praticanti del rugby (inteso come "puro union a XV").
Il rugby può porsi come obiettivo i 100000 (forse 150000) tesserati come federazione e magari crearsi uno spazio negli enti di promozione sportiva (USIP, AICS, CSI, ecc,) e nelle scuole nel touch e nel codice a 7.
Può lasciarsi dietro hockey (di ogni genere) , baseball (è uno sport anche quello sì), pallamano, pallanuoto.
Ma anche se qualcuno di questi sport fosse più praticato, che male ci sarebbe?

Trepuzzi Rugby
Messaggi: 184
Iscritto il: 23 set 2011, 23:03

Re: effetto del mondiale sul rugby in Italia

Messaggio da Trepuzzi Rugby » 5 ott 2011, 17:33

Non mi aspetto mai il boom di interesse derivante da singoli eventi. Va bene la sfida agli All Blacks a San Siro, va bene il 6 Nazioni all'Olimpico, ma la Nazionale può fare da traino fino a un certo punto, poi ci deve essere sempre un lavoro capillare sul territorio, soprattutto nelle scuole: riuscire a coinvolgere il ragazzino più simpatico e svelto della classe vale più della vittoria con la Francia al 6 nazioni, almeno in ottica Under14 :-]

Bloccato

Torna a “RWC Nuova Zelanda 2011”