Centri di formazione U16

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Rispondi
MAX2008
Messaggi: 177
Iscritto il: 22 lug 2009, 12:05

Centri di formazione U16

Messaggio da MAX2008 » 29 giu 2013, 10:34

Centri di formazione U16
Il Presidente federale ha tenuto a ribadire, per massima chiarezza, che gli atleti dei Centri di Formazione rimarranno di proprietà delle Società di provenienza e che la frequentazione dei Centri sarà limitata a tre allenamenti alla settimana, a fronte di due sessioni presso il Club di appartenenza.
Gli atleti svolgeranno pertanto regolarmente l’attività agonistica Campionato Under 16 con il proprio Club d’origine, fatta salva – una volta al mese – la partecipazione alla speciale competizione riservata ai Centri di Formazione.
Una nota esplicativa verrà inviata nei prossimi giorni a tutte le Società.


Questi sono tutti matti. ..... :twisted:

MAX2008
Messaggi: 177
Iscritto il: 22 lug 2009, 12:05

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da MAX2008 » 18 lug 2013, 15:37

Egregio Presidente,
con queste poche righe intendiamo offrirvi una puntuale illustrazione del progetto federale dei Centri di Formazione U.16 ritenendo che la conoscenza dei contenuti e degli obiettivi possa promuovere una crescita culturale di tutto il nostro movimento a prescindere o meno del loro coinvolgimento diretto.
Condividerà con noi che il nostro sport, negli ultimi anni, è notevolmente cambiato: è aumentato il numero dei praticanti, è cresciuto il livello tecnico delle prestazioni, si sono modificati profondamente i metodi di allenamento, grazie allo sviluppo delle scienze applicate allo sport, ma, soprattutto, è cambiata l’esigenza formativa dei nostri ragazzi.
La formazione dei giocatori è un processo che necessità di grande quantità e qualità di lavoro e di una progettazione a lunga durata che inizi precocemente e che si basi su presupposti scientifici. I giocatori “potenziali” devono vivere realtà sportive organizzate e strutturate, dove sussistano condizioni di formazione in cui sia la dimensione culturale dell’atleta, sia la dimensione sportiva, possano essere curate e stimolate al massimo; inoltre per crescere e formarsi tali atleti hanno necessità di continui confronti ad alto contenuto tecnico e fisico e vivere realtà rugbistiche competitive.
In tale contesto si cala il progetto “Centri di formazione FIR – Club” che si pone la finalità di potenziare l’attività di formazione dei Clubs della categoria under 16 coinvolgendo nella sua progettazione, dirigenti, allenatori e atleti.
Nel progetto FIR, il club identificato come centro di formazione diventa una struttura formativa “FIR nel club” rivolta a giocatori élite under 16 e agli allenatori di categoria dei club dell’area di pertinenza.

Collaborazione FIR - Società: lavoriamo insieme per crescere insieme

Perché il centro di formazione presso i Clubs.
E’ un modo semplice e diretto per potenziare la collaborazione tra la Federazione e i Clubs tramite programmi tecnici comuni. I Clubs rappresentano la reale forza del movimento di base del Rugby italiano e quindi Club più consistenti determinano un movimento più performante.
La sinergia tra la struttura tecnica FIR e i Club è un’assoluta necessità per la formazione di uomini - atleti che sappiano competere ai massimi livelli sportivi e siano capaci di reagire positivamente sotto pressione in ogni situazione della vita (missione sportivo-educativa).


Centri di formazione Fir & Club: investimento FIR e funzionamento

L’investimento è finalizzato alla crescita del giocatore per ottenere risultati agonistici qualitativi dei Clubs e della Nazionale.
Il club identificato come centro di formazione diventa una struttura formativa “Fir nel club” rivolta a giocatori élite under 16 della zona di pertinenza.
I giocatori identificati e coinvolti nell’attività tecnica di ciascun Centro di Formazione sono circa trenta e, la proposta tecnica a loro rivolta è di cinque momenti formativi tecnici settimanali.

Gli atleti tesserati e appartenenti ai club viciniori si allenano tre volte alla settimana con la struttura tecnica del Centro di Formazione e 2 volte con il club di appartenenza
Tutti i giocatori coinvolti nella progettazione partecipano regolarmente all’attività agonistica del Campionato Under 16 con il Club cui sono tesserati. Parallelamente, con periodicità mensile, quelli selezionati nei centri di formazione partecipano ad una competizione riservata ai Centri di Formazione.
I giocatori non ancora vincolati e partecipanti alle attività dei centri di formazione possono tesserarsi per altri club solo previo nulla osta del club di provenienza.

I Centri di Formazione sono individuati in base a:

? centralità della struttura sportiva rispetto al territorio e società afferenti;
? supporto e condivisione della progettualità Federale;
? cultura e tradizione del club in ambito formativo rispetto al territorio;
? logistica.

La FIR, per ciascun Centro di formazione, nomina e si fa carico di:

? un tecnico responsabile incaricato della conduzione del progetto tecnico del Centro di formazione FIR (in appendice la descrizione dei compiti);
? un tecnico “TUTOR”, di comprovata esperienza in ambito formativo, il cui compito è di assistere, guidare, monitorare l’attività tecnica under 16 del Club designato come C.F. e gli allenatori di categoria dei club afferenti. Il TUTOR si occuperà, quindi, di garantire una FORMAZIONE CONTINUA agli allenatori coinvolti nella progettazione (tecnici del Club e tecnici dei Club afferenti).

Inoltre la FIR provvede a:

? organizzare una competizione tra i centri di formazione assumendone i costi;
? fornire del materiale sportivo per la competizione Federale;
? sostenere i costi dell’utilizzo delle strutture sportive dei club designati come C.F. tramite un contributo rapportato al livello del C.F.

I Club, dal canto loro al conferimento della qualifica di “Centro di formazione” s’impegnano a:

? condividere e a supportare il percorso FIR per la formazione del giocatore verso l’alto livello (Attività di selezione regionale – Attività di selezioni Accademia – Accademie federali);
? seguire le direttive tecniche del progetto tecnico F.I.R.;
? aprire la proposta formativa ai giocatori “d’interesse” della provincia diventando dei veri e propri centri di formazione provinciali;


? individuare e designare, condividendola con FIR, un dirigente responsabile del Centro di formazione preposto anche a seguire il C.F. durante le competizioni;
? individuare e designare, congiuntamente a FIR, un Preparatore Fisico che segue costantemente la preparazione dei giocatori coinvolti nella progettazione del C.F. e che supporti il lavoro dei club viciniori.


A voi i commenti ......

JosephK.
Messaggi: 10119
Iscritto il: 28 ago 2007, 18:19

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da JosephK. » 18 lug 2013, 16:59

MAX2008 ha scritto:Centri di formazione U16
Il Presidente federale ha tenuto a ribadire, per massima chiarezza, che gli atleti dei Centri di Formazione rimarranno di proprietà delle Società di provenienza e che la frequentazione dei Centri sarà limitata a tre allenamenti alla settimana, a fronte di due sessioni presso il Club di appartenenza.
Gli atleti svolgeranno pertanto regolarmente l’attività agonistica Campionato Under 16 con il proprio Club d’origine, fatta salva – una volta al mese – la partecipazione alla speciale competizione riservata ai Centri di Formazione.
Una nota esplicativa verrà inviata nei prossimi giorni a tutte le Società.


Questi sono tutti matti. ..... :twisted:
Cioè volete dirmi che nelle under 16 si allenano 5 volte la settimana? Dove?
"Volevo che tu imparassi una cosa: volevo che tu vedessi che cosa è il vero coraggio, tu che credi che sia rappresentato da un uomo col fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare fino in fondo, qualsiasi cosa accada. E' raro vincere in questi casi, ma qualche volta succede" (Il Buio oltre la siepe).

Metti una sera con gli amici del bar e capisci quanto è importante... la cultura del rugby.

Entrare al bar per condividere, non per dividere (Il sommo Beppone).

Nex time... Good Game... Nice try... Seh seh avemo capito...

mauott
Messaggi: 2323
Iscritto il: 27 ago 2008, 14:31

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da mauott » 18 lug 2013, 17:55

JosephK. ha scritto:
MAX2008 ha scritto:Centri di formazione U16
Il Presidente federale ha tenuto a ribadire, per massima chiarezza, che gli atleti dei Centri di Formazione rimarranno di proprietà delle Società di provenienza e che la frequentazione dei Centri sarà limitata a tre allenamenti alla settimana, a fronte di due sessioni presso il Club di appartenenza.
Gli atleti svolgeranno pertanto regolarmente l’attività agonistica Campionato Under 16 con il proprio Club d’origine, fatta salva – una volta al mese – la partecipazione alla speciale competizione riservata ai Centri di Formazione.
Una nota esplicativa verrà inviata nei prossimi giorni a tutte le Società.


Questi sono tutti matti. ..... :twisted:
Cioè volete dirmi che nelle under 16 si allenano 5 volte la settimana? Dove?
tutti quelli di interesse abbinati al centro federale di riferimento che ne hanno voglia ... questo almeno in teoria ma credo che i 3 "fuoricasa" siano obbligatori ...

giorgino
Messaggi: 22
Iscritto il: 17 mag 2004, 0:00

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da giorgino » 19 lug 2013, 9:24

Siamo veramente fuori dal mondo: è molto difficile fare allenare i ragazzi 3 volte alla settimana che, a 15 anni, mi sembra un tetto massimo da non superare. Ora dovrebbero fare 5 allenamenti alla settimana, di cui 3, per chi non appartiene alla città del centro di formazione, fuori dalla propria città. Ma di cosa stiamo parlando? Sono basito

mauott
Messaggi: 2323
Iscritto il: 27 ago 2008, 14:31

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da mauott » 19 lug 2013, 10:52

giorgino ha scritto:Siamo veramente fuori dal mondo: è molto difficile fare allenare i ragazzi 3 volte alla settimana che, a 15 anni, mi sembra un tetto massimo da non superare. Ora dovrebbero fare 5 allenamenti alla settimana, di cui 3, per chi non appartiene alla città del centro di formazione, fuori dalla propria città. Ma di cosa stiamo parlando? Sono basito
mica l'ha prescritto qualcuno che bisogna farlo: chi se la sente e vuole può farlo, per gli altri avanti come prima ... sul numero degli allenamenti ognuno ha le sue idee: dal punto di vista tecnico io penso siano meglio 5 allenamenti da 50 minuti con del lavoro specifico piuttosto che 3 da 90 che sono più dispersivi ... dal punto di vista pratico convengo sia una seccatura ...

giorgino
Messaggi: 22
Iscritto il: 17 mag 2004, 0:00

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da giorgino » 19 lug 2013, 11:20

mauott ha scritto:
giorgino ha scritto:Siamo veramente fuori dal mondo: è molto difficile fare allenare i ragazzi 3 volte alla settimana che, a 15 anni, mi sembra un tetto massimo da non superare. Ora dovrebbero fare 5 allenamenti alla settimana, di cui 3, per chi non appartiene alla città del centro di formazione, fuori dalla propria città. Ma di cosa stiamo parlando? Sono basito
mica l'ha prescritto qualcuno che bisogna farlo: chi se la sente e vuole può farlo, per gli altri avanti come prima ... sul numero degli allenamenti ognuno ha le sue idee: dal punto di vista tecnico io penso siano meglio 5 allenamenti da 50 minuti con del lavoro specifico piuttosto che 3 da 90 che sono più dispersivi ... dal punto di vista pratico convengo sia una seccatura ...
Per ragazzi in età scolare, stare 5 volte alla settimana in un campo da rugby significa destinare 3 ore pomeridiane tutti i giorni a questo. Io adoro il rugby, ma credo che non si possa sequestrare la vita e il futuro di adoloscenti per andare dietro ad un progetto, a mio parere, avulso dalla realtà

speartakle
Messaggi: 3579
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da speartakle » 19 lug 2013, 11:42

giorgino ha scritto:
mauott ha scritto:
mica l'ha prescritto qualcuno che bisogna farlo: chi se la sente e vuole può farlo, per gli altri avanti come prima ... sul numero degli allenamenti ognuno ha le sue idee: dal punto di vista tecnico io penso siano meglio 5 allenamenti da 50 minuti con del lavoro specifico piuttosto che 3 da 90 che sono più dispersivi ... dal punto di vista pratico convengo sia una seccatura ...
Per ragazzi in età scolare, stare 5 volte alla settimana in un campo da rugby significa destinare 3 ore pomeridiane tutti i giorni a questo. Io adoro il rugby, ma credo che non si possa sequestrare la vita e il futuro di adoloscenti per andare dietro ad un progetto, a mio parere, avulso dalla realtà
in linea di principio hai ragione, ma ci sono molti esempi di sport individuali che hanno una frequenza di allenamenti e impegni anche maggiore, vedi nuoto, ginnastica artistica, atletica ecc quindi non è una cosa così lontana dalla realtà. Poi sta ad ogni genitore e ragazzo capire i propri limiti e priorità. La scuola con un po' di fatica è cmq compatibile con l'attività sportiva, dipende sempre dal soggetto

IlVermicida
Messaggi: 1532
Iscritto il: 30 nov 2007, 18:35

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da IlVermicida » 19 lug 2013, 11:53

Non dimentichiamo che in questi centri dovrebbero essere ammesse le promesse locali che aspirano alle più qualificate accademie. Premesso ciò non credo che la cosa risulti ancora così drasticamente impercorribile. Noi quest'anno impegniamo i ragazzi "normali" U14 e U16 per 4 giorni, Ma-Gi-Ve campo e Me palestra + campo o supporto scolastico se qualcuno lo chiede, e non registriamo grandi affaticamenti o lamentele delle famiglie, anzi.

mauott
Messaggi: 2323
Iscritto il: 27 ago 2008, 14:31

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da mauott » 19 lug 2013, 12:00

speartakle ha scritto:
giorgino ha scritto:Per ragazzi in età scolare, stare 5 volte alla settimana in un campo da rugby significa destinare 3 ore pomeridiane tutti i giorni a questo. Io adoro il rugby, ma credo che non si possa sequestrare la vita e il futuro di adoloscenti per andare dietro ad un progetto, a mio parere, avulso dalla realtà
in linea di principio hai ragione, ma ci sono molti esempi di sport individuali che hanno una frequenza di allenamenti e impegni anche maggiore, vedi nuoto, ginnastica artistica, atletica ecc quindi non è una cosa così lontana dalla realtà. Poi sta ad ogni genitore e ragazzo capire i propri limiti e priorità. La scuola con un po' di fatica è cmq compatibile con l'attività sportiva, dipende sempre dal soggetto
hai interpretato correttamente il mio pensiero.. nessuno obbliga nessun'altro: chi vuole (tra quelli selezionati per farlo) lo fa; ovviamente bisogna tenere in considerazione i sacrifici che devono essere fatti per riuscire nello scopo e giudicare se ne vale la pena ... conosco personalmente un paio di ragazzi che hanno rinunciato ad entrare nella U16/U18 del Calvisano per motivi scolastici (e nessuno li ha biasimati) ed un altro che invece è partito da casa a 16 anni per entrare all'accademia di Parma (e quest'anno è entrato in quella maggiore) ... sono scelte personali ed ognuno fa quello che crede sia meglio per il ragazzo ...

giorgino
Messaggi: 22
Iscritto il: 17 mag 2004, 0:00

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da giorgino » 19 lug 2013, 12:57

La questione è: dove va il rugby italiano?
Guardando il bilancio federale, è evidentissimo lo squilibrio verso "l'alto livello" rispetto al rugby di base, al quale va, tanto per dare un numero, 1 euro su 8 euro complessivi del bilancio federale (documento completo so onrugby).
Trasferendo questo concetto sull'Under 16, la federazione manda soldi (pochi o tanti che siano) quasi esclusivamente per il progetto Accademie, che forse è l'ultima priorità da risolvere, visto che il rugby di base non è cresciuto granchè (non lo dico io, ce lo dicono a cadenza regolare le altre union del 6N). A mio parere forse è meglio investire risorse umane ed economiche ribaltando l'attuale piramide rovesciata, con maggiori investimenti nel reclutamento, nella propaganda, ecc...
Preferisco avere 100 ragazzi in più che si allenano solo 2 volte alla settimana, che averne 30 già semiprofessionisti aapena fuori dalla Scuola Media. Anche perchè, guardando alla cronaca odierna, il futuro più roseo che possiamo augurare ai campioncini in erba è essere scelti da squadre di eccellenza come i Cavalieri Prato, che proprio oggi assume due ex-accademici, dopo aver subito, seppur ritirati, 31 lodi arbitrali per mancati pagamenti ai giocatori stessi. E' un po' come dare i figli in mano all'orco...

speartakle
Messaggi: 3579
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da speartakle » 19 lug 2013, 16:50

giorgino ha scritto:La questione è: dove va il rugby italiano?
Guardando il bilancio federale, è evidentissimo lo squilibrio verso "l'alto livello" rispetto al rugby di base, al quale va, tanto per dare un numero, 1 euro su 8 euro complessivi del bilancio federale (documento completo so onrugby).
Trasferendo questo concetto sull'Under 16, la federazione manda soldi (pochi o tanti che siano) quasi esclusivamente per il progetto Accademie, che forse è l'ultima priorità da risolvere, visto che il rugby di base non è cresciuto granchè (non lo dico io, ce lo dicono a cadenza regolare le altre union del 6N). A mio parere forse è meglio investire risorse umane ed economiche ribaltando l'attuale piramide rovesciata, con maggiori investimenti nel reclutamento, nella propaganda, ecc...
Preferisco avere 100 ragazzi in più che si allenano solo 2 volte alla settimana, che averne 30 già semiprofessionisti aapena fuori dalla Scuola Media. Anche perchè, guardando alla cronaca odierna, il futuro più roseo che possiamo augurare ai campioncini in erba è essere scelti da squadre di eccellenza come i Cavalieri Prato, che proprio oggi assume due ex-accademici, dopo aver subito, seppur ritirati, 31 lodi arbitrali per mancati pagamenti ai giocatori stessi. E' un po' come dare i figli in mano all'orco...
è proprio qua che sbagli, avere 100 ragazzi in più che vengono allenati dagli stessi allenatori di oggi 2 volte alla settimana non porta assolutamente niente di nuovo al nostro movimento! in irlanda inghilterra i ragazzi si allenano di più e meglio stando al passo con la scuola senza essere semiprofessionisti!!! è qua che si fa il salto di qualità! o riusciamo ad offrire ai nostri ragazzi una formazione migliore che unisca anche la scuola o non miglioriamo rispetto allo home unions! Ora non sto dicendo che i centri di Formazione u16 sono la svolta o che funzioneranno, ma che cercano di andare in quella direzione. Se poi gli allenatori scelti e i tutor scelti non sono all'altezza e non riescono a formare sia i ragazzini che i tecnici dei club coinvolti è un'altro discorso...

giorgino
Messaggi: 22
Iscritto il: 17 mag 2004, 0:00

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da giorgino » 19 lug 2013, 17:51

Premesso che forse io possa sbagliare (non credo certo di avere in mano la verità assoluta), ma non credo neanche che questa sia in mano ad altri, il fatto di avere 100 ragazzi invece che 20, semplicemente moltiplica per 5 la possibilità di trovare il "talento". I 20 ragazzi possono essere allenati anche 20 volte alla settimana, ma se il materiale è quello, più di tanto non puoi fare. Tutto ciò è comunque secondario, rispetto al principio che ritengo basilare di vedere il rugby come sport per tutti e non un esercizio elitario. Tradotto in concreto, se ho a disposizione un campo da rugby per 4 giorni alla settimana, preferisco far venire 2 gruppi da 30 ragazzi ciascuno due volte alla settimana, che un solo gruppo da 30 quatto volte alla settimana.

MAX2008
Messaggi: 177
Iscritto il: 22 lug 2009, 12:05

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da MAX2008 » 20 lug 2013, 8:16

giorgino ha scritto:Premesso che forse io possa sbagliare (non credo certo di avere in mano la verità assoluta), ma non credo neanche che questa sia in mano ad altri, il fatto di avere 100 ragazzi invece che 20, semplicemente moltiplica per 5 la possibilità di trovare il "talento". I 20 ragazzi possono essere allenati anche 20 volte alla settimana, ma se il materiale è quello, più di tanto non puoi fare. Tutto ciò è comunque secondario, rispetto al principio che ritengo basilare di vedere il rugby come sport per tutti e non un esercizio elitario. Tradotto in concreto, se ho a disposizione un campo da rugby per 4 giorni alla settimana, preferisco far venire 2 gruppi da 30 ragazzi ciascuno due volte alla settimana, che un solo gruppo da 30 quatto volte alla settimana.

Tutti discorsi interessanti, sotto il punto di vista della ricerca del talento premia molto più la quantità che il numero esiguo di giocatori. In UNDER 16 lo scorso anno sono scesi in campo....circa 4200..... Se oggi pensiamo che vengono istituite circa 34 centri federali per un totale di circa 1050 atleti, la matematica ci dice che uno/quattro e' da centro federale. Rapporto sbagliato.
Ma il problema ancora piu' grave e' che con la radicalizzazione dei centri federali presso i club migliori il numero delle società non crescerà, anzi tenderà a scendere perche' la competizione fra CLUB resta di secondo piano rispetto al massiccio intervento in uomini e mezzi dei Centri. Poi obbiettivamente nascono anche problemi regionali particolari, in Abruzzo esempio come si puo' pensare che dalla costa i ragazzi possano 3 volte la settimana andare a L'Aquila ?????

Buon fine settimana a tutti

Avatar utente
giuseppone64
Messaggi: 9407
Iscritto il: 13 dic 2011, 14:29
Località: roma

Re: Centri di formazione U16

Messaggio da giuseppone64 » 20 lug 2013, 8:49

MAX2008 ha scritto:
giorgino ha scritto:Premesso che forse io possa sbagliare (non credo certo di avere in mano la verità assoluta), ma non credo neanche che questa sia in mano ad altri, il fatto di avere 100 ragazzi invece che 20, semplicemente moltiplica per 5 la possibilità di trovare il "talento". I 20 ragazzi possono essere allenati anche 20 volte alla settimana, ma se il materiale è quello, più di tanto non puoi fare. Tutto ciò è comunque secondario, rispetto al principio che ritengo basilare di vedere il rugby come sport per tutti e non un esercizio elitario. Tradotto in concreto, se ho a disposizione un campo da rugby per 4 giorni alla settimana, preferisco far venire 2 gruppi da 30 ragazzi ciascuno due volte alla settimana, che un solo gruppo da 30 quatto volte alla settimana.

Tutti discorsi interessanti, sotto il punto di vista della ricerca del talento premia molto più la quantità che il numero esiguo di giocatori. In UNDER 16 lo scorso anno sono scesi in campo....circa 4200..... Se oggi pensiamo che vengono istituite circa 34 centri federali per un totale di circa 1050 atleti, la matematica ci dice che uno/quattro e' da centro federale. Rapporto sbagliato.
Ma il problema ancora piu' grave e' che con la radicalizzazione dei centri federali presso i club migliori il numero delle società non crescerà, anzi tenderà a scendere perche' la competizione fra CLUB resta di secondo piano rispetto al massiccio intervento in uomini e mezzi dei Centri. Poi obbiettivamente nascono anche problemi regionali particolari, in Abruzzo esempio come si puo' pensare che dalla costa i ragazzi possano 3 volte la settimana andare a L'Aquila ?????

Buon fine settimana a tutti
Progetto a dir poco imbarazzante.
Scusa tesoro se sono stato un po' brusco stamani. Papà non sei stato un po' brusco, sei stato un barbaro...
mio figlio 17 anni
Amore sbrigati che facciamo tardi a scuola! Mi sbrigo solo se mi ripeti che sono la più bella del mondo.
mia figlia 6 anni
MA CHE ORA E'?
mia moglie
Molti amici molto onore
Io

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”